Champions League, Brozovic: la "scivolata" in barriera salva la porta

In Barcellona-Inter il croato ha intuito che Suarez avrebbe tirato sotto la barriera in salto e si è buttato a terra deviando il pallone. I precedenti: da Marcelo a Coutinho.

493 condivisioni 0 commenti

di

Share

Non è stata una partita epica quella dell'Inter a Barcellona, nel terzo turno della fase a gironi della Champions League. La squadra nerazzurra solo a tratti è riuscita a mettere in pratica la tattica chiesta da Spalletti e ha finito per subire le folate dei Blaugrana.

Il tecnico toscano, infatti, aveva invocato invano applicazione e possesso palla, per non rischiare di correre a vuoto dietro alle triangolazioni asfissianti degli avversari, sfiancandosi in modo inutile e frustrante.

I suoi giocatori, invece, sembravano ipnotizzati, dal Camp Nou e dal gioco avversario, e il Barcellona ha finito per mettere a nudo una differenza di esperienza e di dimestichezza con il palcoscenico della Champions League che, anche senza Messi, era già nei numeri: una novantina le presenze dei titolari nerazzurri contro le quasi 500 degli avversari.

Champions League: Brozovictwitter
Suarez sta per calciare il pallone. Dietro la barriera si intravede Brozovic, appena "scivolato"

Champions League, Brozovic: la "scivolata" in barriera salva Handanovic

Se Icardi qualche occasione l'ha avuta, Politano ha dato segnali di risveglio nella ripresa e Handanovic ha provato a ridurre il passivo, va ricordato anche il gesto salva-porta col quale Marcelo Brozovic si è iscritto al club dei "furbetti della barriera".

Era il 66' minuto quando Luis Suarez si accingeva a battere un calcio di punizione dal limite dell'area: il croato, intuendo che il Pistolero avrebbe potuto tirato rasoterra per sorprendere la barriera in salto, è accorso dietro ai propri compagni e si è lasciato scivolare a terra, ostruendo di fatto la traiettoria bassa scelta dall'uruguaiano e contribuendo a mandare il pallone in corner.

I precedenti: da Marcelo a Coutinho

Immediati i commenti social dei tifosi interisti inneggianti a #epicbrozo, per un gesto che, se alla fine non ha salvato il risultato, ha comunque contribuito a limitare il passivo. Un "trucco" che ha precedenti illustri. Inventato, pare, cinque anni fa in Brasile dall'allenatore del Figueirense per arginare le pericolose punizioni dello specialista del Palmeiras Alan Kardel, è stato portato all'onor del mondo da Marcelo che lo utilizzò in un match per le qualificazioni mondiali, quando si accucciò dietro la propria barriera per ostacolare un calcio piazzato di Lionel Messi.

Da Marcelo a Coutinho il passo è breve: memore del gesto del compagno di Nazionale, l'attaccante brasiliano lo applicò due anni fa in un Liverpool-Tottenham di Premier League contro un altro temibile specialista come Christian Eriksen. Meno fortunato, invece, è stato l'esterno del Psv Eindhoven Lozano che, nel primo turno di questa Champions League, si era steso in modo troppo plateale alle spalle della barriera mentre Messi, sempre lui, prendeva la mira, col risultato di beccarsi un richiamo verbale da parte dell'arbitro.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.