Serie A, Inter: accordo con Marotta ai dettagli, sarà il braccio destro di Zhang

Il dirigente, messo da parte dalla Juventus, presto darà le dimissioni da direttore generale e si accaserà in nerazzurro dove affiancherà il futuro presidente Steven Zhang.

3k condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Suning fa sul serio e i risultati cominciano a vedersi. In poco più di due anni i nuovi azionisti di maggioranza dell'Inter hanno immesso una cifra che complessivamente supera il mezzo miliardo di euro fra aumenti di capitale, prestiti soci e sponsorizzazioni.

A breve, poi, il colosso cinese è pronto a ultimare l'operazione che chiuderà il rapporto con Erick Thohir, il tycoon indonesiano che nel 2013 aveva acquistato il club da Massimo Moratti. Le trattative per rilevare l'ultimo 30% sono in via di definizione, poi via libera al giovane Steven Zhang che sarà il prossimo presidente nerazzurro.

A differenza di Mister Li sull'altra sponda dei Navigli, Suning si è mossa di qualità e quantità - leggasi con acume e denaro, nella maggior parte dei casi speso bene - Spalletti sembra il tecnico giusto, la squadra lo segue, i risultati ci sono, sul campo e fuori. Alla posizione Champions riconquistata, infatti, ha fatto seguito, secondo Brand Finance, la crescita del 100% del valore del brand Inter.

Zhanggetty
Steven Zhang, prossimo presidente dell'Inter

Inter: l'accordo con Marotta è a un passo

Terminata, o quasi, la prima parte della cura, comincia ora la fase di sviluppo per dare continuità alla crescita. Steven è giovane ma determinato e in questi anni ha fatto un prezioso apprendistato, sul campo e dietro la scrivania. Ma il calcio italiano è una giungla, per questo il club stava cercando un tutor di esperienza da affiancargli.

Insperato, nelle scorse settimane è arrivato l'assist dalla Juventus che ha annunciato che il direttore generale Beppe Marotta non farà parte del prossimo consiglio di amministrazione. Un'esautorazione che, nella pratica, altro non è che una gentile richiesta di dimissioni. Da lì alla zampata di Suning il passo era breve, tanto che secondo Tuttosport l'accordo fra l'Inter e il dirigente bianconero è ai dettagli: giovedì uscirà dal board della Juventus, a seguire rimetterà il proprio incarico residuo e firmerà col club nerazzurro. Il placet al rafforzamento societario e dirigenziale dell'Inter è arrivato anche dallo stesso Moratti che a "Radio anch'io lo sport" ha dichiarato:

Non è mai sbagliato andare a prendere qualcuno che ha quella esperienza ed è una persona a tutto tondo nel calcio come Marotta.

Una carriera di successi

Beppe Marotta, 61 anni, ha iniziato la carriera dirigenziale nel 1976, 19enne, nel settore giovanile del Varese. Dieci anni dopo è passato al Monza dove è rimasto per tre stagioni. Dopo Como e Ravenna, Marotta ha lavorato al Venezia contribuendo alla promozione in Serie A e alla successiva salvezza. Dopo due anni all'Atalanta, nel 2002 è passato alla Sampdoria dove è arrivato a ricoprire il ruolo di amministratore delegato, ha valorizzato giocatori come Cassano e Pazzini fra gli altri e ha visto la squadra centrare il quarto posto in Serie A. Nel 2010 è chiamato alla Juventus dove è protagonista di una serie record di successi straordinari. 

Marottagetty
Marotta, nei primi mesi alla Juventus, con Marella Agnelli

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.