Serie A, il papà di Lautaro Martinez: "Che fastidio non vederlo titolare"

In Argentina il padre Mario si sfoga su una radio locale: "Dopo un grande precampionato pensavo giocasse titolare".

332 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Lautaro Martinez non si è ancora preso l’Inter. Serve ancora tempo al talento argentino. È arrivato in estate dal Racing, ha esordito in Serie A il 19 agosto contro il Sassuolo e lo scorso 29 settembre ha trovato il suo primo (e finora unico) gol in maglia nerazzurra contro il Cagliari. 

Dall’Argentina alza la voce il padre Mario, che sulle frequenze della radio locale AM770 critica la società per lo scarso minutaggio di Lautaro. Ad oggi sono appena 4 le apparizioni per un totale di 172’ giocati. Non quello che si sarebbe aspettato dopo un'estate di gol.

Le quattro presenze sono state inoltre tutte collezionate in Serie A, ad oggi Lautaro Martinez non è mai sceso in campo nemmeno per un minuto in Champions League. Il padre spera che la situazione cambi, magari passando a un modulo con due punte. Martinez-Icardi è la coppia che in Argentina fa sognare.

Serie A, Lautaro Martinez con la maglia dell'Inter dopo il primo golGetty Images
Serie A, Lautaro Martinez con la maglia dell'Inter festeggia il suo primo gol

Serie A, Lautaro Martinez gioca poco: il padre alza la voce

Un gol spettacolare all’Atletico Madrid in amichevole. Sembrava solo la prima di una lunga serie di prodezze che Lautaro Martinez avrebbe fatto vedere in Serie A. E invece per il momento l'ex Racing sta ricoprendo il ruolo di comparsa: dopo l’esordio del 19 agosto, sono arrivate solo altre tre presenze. L’argentino gioca poco, il padre Mario non ci sta:

Dopo aver visto le amichevoli nel precampionato, pensavo che sarebbe partito titolare. A volte è un po’ infastidito di non giocare, ma funziona così. L’adattamento in Italia è andato molto bene anche grazie ad Icardi. Gli ha dato una grossa mano

Già, Mario Martinez vorrebbe proprio vedere suo figlio Lautaro in coppia con Maurito. Due attaccanti argentini per trascinare l’Inter:

Ad oggi il modulo non contempla questa possibilità, ma sono due giocatori che si completano bene e sono molto amici. C’è un po’ di rabbia, sono impaziente, ma il calcio è così e bisogna stare a queste regole.

Il Toro in panchina è comunque scatenato e impaziente di giocarsi le sue possibilità. Ma decide Luciano Spalletti: un modulo (ad esempio il 3-5-2) con due punte non è al momento nella sua testa. Intanto in questi giorni, con la maglia dell'Argentina, Martinez ha segnato e ritrovato il sorriso. Di ritorno a Milano ha in testa solo una cosa: convincere.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.