Sequestro e tortura: l'ex Blackburn Clarke condannato a 15 anni

L'ex attaccante ha sequestrato e torturato un uomo insieme a un complice a causa di un debito di droga: oggi è stato condannato a 15 anni di carcere.

22 condivisioni 0 commenti

| aggiornato

Share

Quindici anni di carcere. Tanti ne dovrà scontare per sequestro e tortura Jermaine "Jamie" Clarke, ex attaccante cresciuto nelle giovanili del Blackburn Rovers e con un passato anche tra le fila del Lincoln (ha segnato appena 1 gol in 20 partite). Sì, avete letto bene. Insieme a uno suo complice, Clarke ha inflitto torture "sadiche e umilianti" a tale Michael Dewar. Il motivo? Un debito di droga di 340mila euro. 

Durante il proceso Dewar ha raccontato di essere stato torturato nello scantinato di casa sua mentre la moglie incinta e il figlio erano presenti nell'abitazione. L'acqua bollente sulle parti intime è stata solo una delle atroci pratiche utilizzate da Clarke e il suo complice. 

Dewar è riuscito a liberarsi sfruttando una distrazione dei suoi assalitori, che ora dovranno pagare per quanto fatto. La vicenda risale allo scorso gennaio e solo in questi giorni si è giunti a una condanna definitiva.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.