NFL: le statistiche record di Thielen, Gurley e la difesa dei Ravens

Thielen, Brown, Sanders, Gurley e Mariota nel libro dei record NFL in questa sesta giornata che ha regalato colpi di scena ed emozioni.

Thielen domina la NFL per ricezioni Getty Images

9 condivisioni 0 commenti

di

Share

Questo inizio di stagione NFL non può essere adatto ai deboli di cuore, perchè nelle prime sei giornate c’è stata sempre almeno una partita terminata in overtime ed è un record ogni epoca per la lega. Anche la sesta giornata non ha fatto eccezione con lo scontro tra Dolphins e Bears che ha regalato emozioni a non finire, nonostante l’assenza di uno dei protagonisti principali, Ryan Tannehill, sostituito da Brock Osweiler. I Dolphins hanno avuto la palla da una yard nell’overtime per chiudere il match, ma Kenyan Drake ha incredibilmente commesso un fumble regalando ai Bears la possibilità di scrivere un finale diverso della storia. Dopo un discreto drive il field goal della vittoria di Cody Parkey è finito largo, così Osweiler ha inscenato una buona risposta fermando la sua corsa a tre secondi dalla fine sulle 37 yards. Tutto era sulle spalle del rookie Jason Sanders che ha convertito proprio mentre il cronometro scandiva lo zero, diventando il rookie in grado di segnare il più lungo field goal vincente in un overtime dal 1974. Il field goal vincente più lungo nella storia delle matricole, invece, appartiene a Greg Zuerlein con 53 yards il 2 dicembre 2012.

Nel grande mix delle statistiche importanti della settimana, Marcus Mariota ha inanellato un record decisamente poco edificante, un po’ per causa sua, ma soprattutto per una linea offensiva completamente inabile nel fermare gli avversari. Dal 1987 a oggi Mariota è stato il primo quarterback a subire dieci o più sacks unendoci anche meno di dieci passaggi completati. Ovviamente dall’altra parte i Baltimore Ravens hanno giocato una partita d’incredibile dominio stabilendo il record di franchigia con 11 sacks messi a segno.

Se in Titans-Ravens non ci può essere stato troppo spettacolo in campo, ben diverso è stato il discorso per il Sunday Night Football tra Chiefs e Patriots. Brady e compagni hanno dominato il primo tempo 24-9, salvo poi subire la rimonta dei Chiefs, culminata con il touchdown di Tyreke Hill che si è visto fare brutti gesti con annesso lancio di birra alla segnatura. È stato poi Stephen Gostowski a siglare la segnatura finale con un field goal che ha sancito così la terza partita stagionale con due squadre contemporaneamente sopra i 40 punti. Lo spettacolo non manca in questa stagione e il Sunday Night tra due contender lo ha confermato.

La velocità di Todd GurleyGetty Images

NFL: il dominio dei Rams, Gurley nella storia

I Rams, dopo la sconfitta dei Kansas City Chiefs, sono rimasti l’unica squadra imbattuta nella NFL e lo devono soprattutto a Todd Gurley, che dopo aver corso per un career high di 208 yards e due touchdown, è in testa alla classifica di segnature con undici nelle prime sei partite. Cifre da MVP che lo issano all’interno di un ristretto novero di cinque giocatori in grado di entrare in endzone così tante volte in un range così ristretto di partite consecutive per iniziare la stagione. Avvicina così Shaun Alexander (12 nel 2005), Emmitt Smith (11 nel 1995), raggiungendo Ladainian Tomlinson (11 nel 2005) e Priest Holmes (11 nel 2002 e 11 nel 2004).

Nel primo London game della stagione c’è stato un solo vero protagonista in Russell Wilson, che ha guidato magistralmente i suoi Seahawks alla vittoria 27-3 contro gli Oakland Raiders. Russ ha prodotto un 17-23 (73.9% di completi) per 222 yards, tre touchdown, un intercetto per un sontuoso 125.9 di passer rating, davanti agli 84.992 tifosi di Wembley. Wilson raggiunge così Blake Bortles (2 settembre 2017), Tony Romo (9 novembre 2014) e Tom Brady (28 ottobre 2012) con tre touchdown e un passer rating di 125 nei London Game dal 2007 a oggi. Sono state in totale 24 partite nella capitale inglese con ben 29 dei 32 team possibili impegnati.

Il record di Adam ThielenGetty Images

Thielen e Brown incoronano Vikings e Steelers

Nelle tante aggiunte all’interno del libro dei record NFL finisce anche il nome di Adam Thielen, che ha riscritto la storia dei wide recievers. Con le undici ricezioni per 123 yards che hanno garantito ai suoi Vikings la vittoria 27-17 contro gli Arizona Cardinals, ha raggiunto una vetta unica: è il primo ricevitore della storia a collezionare 58 ricezioni nelle prime sei partite della stagione e inoltre ha raggiunto Charley Hennigan come unico a mettere a segno sei partite consecutive per aprire la stagione con cento o più yards ricevute. Hennigan nel 1961 è arrivato alla quota di sette consecutive e Thielen la prossima settimana potrebbe iscriversi con lui nell’olimpo delle statistiche.

Anche Antonio Brown nella giornata di ieri ha avuto il suo momento di gloria (uno dei tanti della storia recente). Con la sua splendida catch and run da 31 yards con 10 secondi sul cronometro ha siglato il più lungo touchdown del sorpasso per la vittoria nella storia, infatti dal 1970 a oggi nessuno negli ultimi 10” di partita è riuscito in tale impresa. Va dato atto oltre a lui, anche a tutto lo staff degli Steelers e a Ben Roethlisberger di aver orchestrato un drive enciclopedico con una lettura perfetta del total blitz avversario che ha regalato una facile segnatura. Il mix esplosivo di talento, atletismo e letture del gioco ci ha regalato una giornata già di altissimo livello se consideriamo che da ora si comincerà a fare sempre più sul serio.

 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.