Inno Juve "Storia di un grande amore": testo e curiosità

Quinto inno ufficiale nella storia della società bianconera, adottato nel 2007, ha accompagnato la Vecchia Signora dal post Calciopoli fino alle recenti vittorie.

79 condivisioni 0 commenti

di

Share

Simili a degli eroi, abbiamo il cuore a strisce 

Portaci dove vuoi, verso le tue conquiste 

Dove tu arriverai, sarà la storia di tutti noi 

Solo chi corre può, fare di te la squadra che sei

Juve, storia di un grande amore 

Bianco che abbraccia il nero 

Coro che si alza davvero, per te

Portaci dove vuoi, siamo una curva in festa 

Come un abbraccio noi, e ancora non ci basta 

Ogni pagina nuova sai, sarà ancora la storia di tutti noi 

Solo chi corre può, fare di te quello che sei

Juve, storia di un grande amore 

Bianco che abbraccia il nero 

Coro che si alza davvero, solo per te 

È la Juve, storia di quel che sarò

Quando fischia l'inizio 

Ed inizia quel sogno che sei

Juve, storia di un grande amore 

Bianco che abbraccia il nero 

Coro che si alza davvero 

Juve per sempre sarà

Juve, storia di un grande amore 

Bianco che abbraccia il nero 

Coro che si alza davvero 

Juve per sempre sarà

Juve, Juve per sempre sarà

Juve, Juve per sempre sarà

L'inno della Juve "Storia di un grande amore" è del 2007Getty Images

Inno Juve, "Storia di un grande amore": le curiosità

Nel corso della sua storia, lunga quasi quanto quella dello stesso calcio italiano, la Juventus ha avuto cinque inni ufficiali. Il primo fu scritto addirittura nel lontano 1915 dal poeta Corrado Corradino, si chiamava semplicemente "Inno Juve" e fu musicato e utilizzato nel 1963 per poi essere sostituito nel 1973 da "Juve, Juve", brano scritto da Renzo Cochis e Lubiak (tra gli autori peraltro della celebre "Un corpo e un'anima" utilizzata da Sky in tempi moderni per la propria campagna abbonamenti) che si rivelerà il più longevo, accompagnando la squadra bianconera fino al 1991.

Dal 1992 l'inno è "Sempre Juve" (Edizioni Musicali Eraora) che però dura appena sei anni per poi lasciare spazio a "Grande Juve, bella Signora", edito dalla celebre casa discografica Fonit Cetra, che l'anno dopo chiude i battenti ma il cui inno resisterà fino al 2007, quando è la volta di "Juve, storia di un grande amore", scritta da Claudio Guidetti e Alessandra Torre e arrangiato successivamente dal celebre musicista swing Paolo Belli.

Tifosissimo bianconero, Belli racconterà successivamente di aver accettato l'incarico per amore ma con il timore che l'inno non si rivelasse altro che una marcetta senza senso. Contrariamente alle previsioni pessimistiche, anche per merito di un arrangiamento moderno, "Juve, storia di un grande amore" si rivelerà un vero e proprio successo: conosciuta in tutta Italia e anche oltre i confini, accompagna la società bianconera in una rinascita post-Calciopoli che la porta al recente monopolio della Serie A e alle rinnovate ambizioni europee.

Una curiosità piuttosto nota legata a "Juve, storia di un grande amore" arriva addirittura dalla Germania, dove il 6 maggio 2018 i giocatori del Norimberga, di ritorno dalla vittoriosa trasferta contro il Sandhausen che aveva sancito la promozione del club dalla Zweite alla Bundesliga hanno intonato una serie di cori tra cui quello della Juventus: un'idea di Enrico Valentini, terzino italo-tedesco del club e da sempre tifoso sfegatato dei bianconeri.

La canzone è stata citata sui social network anche dalla compagna di Cristiano Ronaldo, Georgina Rodriguez, che la sera del 25 agosto 2018, mentre la Juventus superava la Lazio, ha postato su Instagram una foto che la ritrae fuori dall'Allianz Stadium accompagnata da una didascalia che riporta il noto ritornello dell'inno bianconero.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.