Cristiano Ronaldo, il caso Mayorga va avanti: le ultime

Il fenomeno della Juventus continua a difendersi dalla accuse di stupro. L'avvocato Christiansen: "Cristiano è innocente, confida nella giustizia". Ma l'ex modella torna ad attaccare...

199 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Non c'è pace per Cristiano Ronaldo. Dopo le accuse di frode fiscale nel caso Football Leaks, sono arrivate quelle di stupro da parte dell'ex modella americana Kathryn Mayorga. Il fuoriclasse portoghese ha respinto gli attacchi in prima persona, dichiarandosi innocente. Non solo, CR7 si è detto disposto a raccontare agli inquirenti americani la sua versione dei fatti.

I fatti risalgono al 2009, quando Cristiano Ronaldo conobbe la modella in un locale.  Il rapporto - secondo il legale del lusitano - fu consensuale e l'accordo di riservatezza - costato al calciatore 375mila dollari - non rappresenta un'ammissione di colpevolezza. L'intento del calciatore era quello di preservare la sua immagine e quella del Real Madrid.

A nove anni di distanza, l'attaccante della Juventus è costretto a respingere le accuse della Mayorga. La palla ora passa nelle mani dell'avvocato del calciatore, Peter Christiansen, che ha già fatto capire la strategia difensiva: Cristiano non verserà altro denaro nonostante le richieste della controparte. Che però non sembra intenzionata a rinunciare alla propria causa di violenza sessuale.

Cristiano Ronaldo e il caso MayorgaGetty Images
Cristiano Ronaldo si deve difendere dall'accusa di stupro nel caso Mayorga

Cristiano Ronaldo, le ultime sul caso Mayorga

CR7 non ha l'aria di essere in ansia, non sembra preoccupato dalle accuse. Può contare sull'appoggio della famiglia, della Juventus (che si è espressa in sua difesa con un comunicato ufficiale) e di gran parte dell'opinione pubblica. Una posizione di forza che gli consente di non arretrare di un passo. L'avvocato Christiansen è stato chiaro su questo punto con Cristiano Ronaldo. Quanto fatto in passato non va ripetuto:

Nove anni fa Cristiano ha seguito il consiglio dei suoi legali per far cessare le accuse ai suoi danni e per evitare che ci fossero altri tentativi, come in questo caso. Non bisogna ripetere gli errori del passato, chi è innocente confida nella giustizia.

View this post on Instagram

Mis amores ❤️❤️❤️❤️

A post shared by Cristiano Ronaldo (@cristiano) on

Non solo il portoghese non staccherà alcun assegno, ma i suoi legali sono intenzionati a passare all'attacco: nei prossimi giorni i documenti hackerati saranno sottoposti a perizia informatica. Una mossa che non spaventa l'avvocato di Kathryn Mayorga, Leslie Stovall, che ha voluto ampliare il raggio d'indagine: verificare se Cristiano Ronaldo abbia violato qualche legge in vigore spedendo le carte alla polizia di Lisbona, oltre che alle forze dell’ordine di altri 17 Paesi (tra cui Fbi e Interpol).

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.