Maurizio Sarri: "Juventus senza rivali, può vincere la Champions League"

L'ex tecnico del Napoli, primo in Inghilterra con il Chelsea, in un'intervista a 'Il Corriere dello Sport' sottolinea la forza dei bianconeri, per lui ormai pronti per l'Europa.

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

Dopo la sconfitta all'esordio stagionale contro il Manchester City, uno 0-2 rimediato in occasione del Community Shield, la stampa già diffidente nei suoi confronti aveva chiesto addirittura le sue dimissioni. Oggi, poco più di due mesi dopo, Maurizio Sarri è uno dei tecnici più amati della Premier League, creatore del "Sarri-ball" che fa impazzire gli inglesi e primo in classifica con il suo Chelsea.

Un primato, quello dei Blues, condiviso con Manchester City e Liverpool, tre squadre a 20 punti (dopo 8 giornate) tallonate a -2 da altre due grandi realtà del calcio londinese, Tottenham e Arsenal. Sarri, insomma, se la vede con Guardiola e Klopp, Pochettino ed Emery, la dimostrazione che lui "lassù in cima" ci può stare, fatto peraltro confermato già nella scorsa stagione di Serie A, quando il suo Napoli contese fino all'ultimo lo Scudetto alla Juventus.

Fu un bellissimo sogno e certo non durò poco: soltanto nella fase finale del campionato i bianconeri riuscirono a distaccare i partenopei, trovandosi per la prima volta impensieriti e in difficoltà dopo anni di dominio. Neanche nei momenti migliori Sarri dimenticò di sottolineare come la Juventus restasse la favorita, finendo per essere accusato da tanti di avere un atteggiamento poco vincente se non addirittura di mettere le mani avanti in caso di vittoria da parte di Allegri. Oggi, guardando la classifica della Premier e confrontandola con quella della Serie A che vede Chiellini e compagni primi in solitaria a punteggio pieno, è difficile negare che l'ex tecnico del Napoli avesse ragione.

Maurizio Sarri con Massimiliano Allegri: per il tecnico ora al Chelsea la Juventus quest'anno può vincere la Champions.Getty Images

Sarri sulla Juventus: "Già in fuga, possono trionfare in Champions"

Intervistato da 'Il Corriere dello Sport', Maurizio Sarri ricorda il suo Napoli, il sogno-Scudetto, le battaglie contro i bianconeri e rende loro omaggio, ribadendo i concetti già espressi a suo tempo e sottolineando come questi non fossero nient'altro che la verità: la Juventus non ha rivali.

Quando lo dicevo pensavano che volessi portare acqua dalla mia parte, ma è così, è così anche oggi, sono già in fuga. E quest’anno possono trionfare in Champions League: sono due i candidati, loro e il Manchester City. Ho sempre pensato che la squadra di Guardiola sia matura per l’ultima scalata a livello europeo. Per me sarà una corsa a due.

Al giorno d'oggi, dunque, per Sarri - che non esclude un ritorno in primavera delle spagnole - le favorite per la massima competizione calcistica per club sono il Manchester City di Guardiola e la Juventus di Max Allegri, ormai club di statura e dimensione europea che in Italia non dovrebbe avere alcun tipo di problema nel riuscire a confermarsi, cucendosi sul petto quello che sarebbe addirittura l'ottavo Scudetto consecutivo.

Il tecnico del Chelsea parla da uomo di calcio, ma confessa che il suo cuore si è fermato a Napoli, città che ha fatto sognare con un calcio spettacolare e offensivo e che adesso si affida al suo erede, Carlo Ancelotti, capace comunque di ottime imprese come la vittoria in Champions League contro il Liverpool.

Detto del rimpianto legato a Higuain - passato alla Juventus proprio quando per Sarri il Napoli avrebbe potuto vincere - e individuati i suoi eredi in Giampaolo e De Zerbi, il tecnico del Chelsea chiude a ogni polemica possibile con De Laurentiis, che nei giorni scorsi era tornato a punzecchiarlo.

L’altra sera mi sono entusiasmato durante Napoli-Liverpool. Eccellente prestazione, fino all’ultimo respiro. Ho dichiarato, da tifoso, che mi fa piacere pensare di averli stancati qualche giorno prima quando sono venuti a Stamford. Amerò Napoli e i suoi tifosi per tutta la vita. So cosa pensano di me, come lo pensano e quando lo pensano. Sempre.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.