Champions League, combine in PSG-Stella Rossa? Il Napoli alla finestra

Un dirigente del club serbo avrebbe scommesso 5 milioni sulla sconfitta dei suoi proprio con 5 gol di scarto.

14 condivisioni 0 commenti

di

Share

Uno spettacolo: bello, esaltante e... Organizzato. Un'ombra oscura la prestazione del PSG in Champions League contro la Stella Rossa nell'ultimo turno della massima competizione europea. I francesi. come era prevedibile, hanno vinto, perfino stravinto: tre gol di Neymar. Altre tre reti realizzati da Di Maria, Cavani e del solito Mbappé. In più il gol della bandiera dei serbi. Ma qualcosa non torna.

C'è infatti il sospetto della frode sulla partita vinta dal PSG per 6-1 in casa contro la Stella Rossa. Un dirigente del club serbo avrebbe scommesso cinque milioni su una sconfitta dei suoi, con cinque gol di scarto. Della puntata erano informati diversi giocatori del club di Belgrado.

La Uefa aveva drizzato le antenne sulla partita di Champions League (disputatasi lo scorso 3 ottobre) già prima del suo svolgimento. Le autorità francesi starebbero indagando sull'incontro per frode aggravata e corruzione sportiva. Per ora però, secondo l’Equipe, non sono state raccolte prove e non va escluso nemmeno un tentativo di calunnia.

Neymar in azione nella partita di Champions League fra PSG e Stella RossaGetty Images
Neymar in azione nella partita di Champions League fra PSG e Stella Rossa

Champions League, possibile combine in PSG-Stella Rossa: il Napoli è alla finestra

La segnalazione di movimenti strani intorno alla partita è arrivata da un informatore giudicato credibile dalla presidenza Uefa che, di conseguenza, ha immeditamente avvertito la procura finanziaria di competenza in Francia. Stando a quanto scritto da l’Equipe è quindi scattata un’azione di spionaggio per tentare di cogliere in fragrante il dirigente serbo e Nasser Al Khelaifi, il presidente del Psg. I due si sarebbero dovuti incontrare, ma nell’hotel di lusso di Parigi indicato come luogo dell’appuntamento i due non si sono visti. Prove dirette non ce ne sono quindi. Due dei tre gol realizzati da Neymar, inoltre, sono arrivati su calcio di punizione diretto. I tiri sembrano imparabili.

Nonostante questo l'indagine è rimasta viva: terminata la partita si è cercato di capire dove il dirigente serbo avrebbe dovuto ritirare la vincita. Anche qui però nessuno è stato beccato in flagranza di reato. Non solo, perché successivamente l’autorità di controllo dei giochi online non ha rilevato nessuna anomalia sul flusso di scommesse a livello nazionale o internazionale. La notizia dell'indagine in corso ha ovviamente fatto scalpore. Il presidente onorario della Stella Rossa, Dragan Dzajic, ha smentito categoricamente un coinvolgimento del club. Il PSG, da parte sua, si dice indignato e sottolinea quanto in società (comunque a disposizione degli inquirenti) si sia attenti all'integrità dello sport. L’Uefa invece rifiuta di commentare.

Il Napoli, inserito nello stesso girone di Champions League, aspetta novità (se la combine venisse confermata ci sarebbero sanzioni pesanti, perfino l'esclusione dalla competizione). Per ora però si tratta solo di ipotesi. E la partita fra PSG e Stella Rossa, finita 6-1, resta solo uno spettacolo: bello ed esaltante. Al club francese, d'altronde, si chiede sempre di essere così.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.