Le pagelle di Italia-Ucraina 1-1: Bernardeschi e Barella i migliori

Roberto Mancini prova Insigne nella posizione centrale e lo contorna di piedi buoni, inserendo Bernardeschi, Jorginho, Chiesa e Verratti. Giochiamo bene, ma l'Ucraina pareggia quando caliamo di intensità.

Continua. acresce Bernardeschi, che ha giocato molto bene contro l'Ucraina Getty images

20 condivisioni 0 commenti

di

Share

Questa Italia non riesce a vincere, neanche quando lo merita e mostra un calcio che ci fa fare un piccolo ma significativo passo in avanti verso un calcio più moderno, che guarda al futuro e non più al passato, come ormai eravamo abituati.

L’idea di Mancini di tenere palla e giocarla con tecnica grazie ai due metodisti, Jorginho-Verratti, e il trio di mezzepunte schierate in attacco, Insigne-Bernardeschi-Chiesa, ha funzionato per quel che riguarda la manovra offensiva, dando un po’ di segnali pericolosi nella seconda parte del secondo tempo, quando le energie di Barella, capace di tenere insieme la squadra, correndo tantissimo fra i reparti sono calate.

Non sarà questa partita a tirarci fuori da un angolo scuro in cui ormai siamo costretti, però contro l’Ucraina forse si è capito che prima di tutto serve infarcire la squadra di qualità. Quando equilibri e tenuta fisica di tutti saranno ben oliati, potrà venire fuori anche un’Italia interessante, su cui iniziare a pensare davvero di ricostruire con una nuova generazione di calciatori.

Insigne gioca centrale anche con l'Italia contro l'Ucraina ed è autore di una buona provaGetty images
Insigne al centro dell'attacco dell'Italia contro l'Ucraina

Le pagelle di Italia-Ucraina

ITALIA (4-3-3) Donnarumma 6; Florenzi 6 (dal 39’ s.t. Piccini SV), Bonucci 5,5, Chiellini 6, Biraghi 5,5 (dal 43’ s.t. Criscito SV); Verratti 5,5 (dal 25’ s.t. Bonaventura 6), Jorginho 6, Barella 6,5 (dal 33’ s.t. Pellegrini SV); Bernardeschi 7 (dal 12’ s.t. Immobile 5,5), Insigne 6 (dal 33’ s.t. Berardi SV), Chiesa 6,5 

UCRAINA (4-3-3) Pyatov 4,5; Karavaev 6, Burda 6,5, Rakitskiy 6 (dal 43’ s.t. Kryvtsov SV), Matviyenko 5,5; Zinchenko 5, Sydorchuk 5,5 (dal 12’ s.t. Stepanenko 5,5), Malinovskyi 5,5; Marlos 6 (dal 1’ s.t. Tsygankov 5,5), Yaremchuk 5 (dal 31’ s.t. A. Kravets SV, dal 46’ s.t. Butko SV), Konoplyanka 6,6 (dal 28’ s.t. Petriak 5,5).

I migliori

Federico Bernardeschi 7

Nel progetto tanti piedi buoni di Mancini, Federico Bernardeschi sembra quello che si è calato meglio nella parte, oltre ad essere stato il più bravo nel gestire gli attacchi. Sempre sotto controllo, muove con grande velocità la palla e avere calciatori tecnici vicino lo aiuta ancora di più ad esprimersi bene. Il gol è un errore di Pyatov, ma devi prenderti lo spazio e trovare un tiro secco del genere per indurre all’errore il portiere avversario.

Nicolò Barella 6,5

Per essere al debutto in Nazionale ha giocato una ottima partita. La cosa più interessante di lui è che non è mai fermo, sia in fase offensiva che difensiva è sempre presente, si fa vedere e i compagni iniziano subito a fidarsi di lui perché tratta molto bene il pallone. Di sicuro uno su cui si dovrà fidare l’intero ambiente se vogliamo ripartire.

I peggiori

Andriy Pyatov 4,5

In una partita tutto sommato a senso unico azzurro, con alcuni contropiede degli ucraini molto pericolosi, tutti da una parte e dall’altra hanno giocato un’onesta partita. L’unica a fare un errore molto grave è stato il portiere dell’ucraino, Pyatov, che anche con la sua squadra di club, lo Shaktar Donetsk, ormai non da più le stesse garanzie di una volta.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.