Cristiano Ronaldo, l'avvocato: "Le carte sono state manipolate"

Comunicato del legale del portoghese, Peter S. Christiansen: "I documenti sono stati hackerati o fabbricati ex novo. L'accordo di riservatezza che è stato firmato non è affatto un'ammissione di colpevolezza".

147 condivisioni 0 commenti

Share

Il caso Cristiano Ronaldo continua a tenere bianco. Parliamo dell'accusa di stupro rivolta al portoghese da Kathryn Mayorga, ragazza che il giocatore della Juventus ha conosciuto a Las Vegas nel 2009.

Sulla questione è intervenuto con un comunicato uno dei legali di Ronaldo, Peter S. Christiansen, principe del foro statunitense secondo cui il rapporto fu "consensuale" e il successivo accordo di riservatezza firmato dal lusitiano non ha valore di un'ammissione di colpa.

In una dichiarazione rilasciata da Gestifute, agenzia che cura gli interessi dell'ex Real Madrid, l'avvocato aggiunge anche che i documenti diffusi dai media sono stati manipolati o fabbricati ex novo.

Cristiano Ronaldo, il comunicato del legale

Ecco il comunicato pubblicato dall'avvocato Peter S. Christiansen:

Nel 2015 decine di entità in tutta Europa, compresi studi legali - recita il comunicato - sono stati attaccati e molti dati sono stati rubati da un cyber criminale. Questo hacker ha poi tentato di vendere i dati e un mezzo di comunicazione ha deciso in maniera irresponsabile di pubblicare parti significative di questi dati rubati, alterati o completamente fabbricati ex novo. Ribadisco che la posizione di Cristiano Ronaldo è sempre la stessa: quanto è accaduto nel 2009 a Las Vegas è stato completamente consensuale. Cristiano Ronaldo nega tutte le accuse contenute in questa azione civile, coerentemente con quanto ha fatto negli ultimi 9 anni

Poi fa chiarezza sull'accordo di riservatezza firmato dal giocatore: 

L'accordo di riservatezza che Ronaldo ha firmato non è affatto un'ammissione di colpa. Cristiano Ronaldo seguì semplicemente i suoi consiglieri per mettere fine alle accuse oltraggiose mosse contro di lui e per evitare tentativi, come quelli a cui stiamo assistendo, di distruggere la sua reputazione. Anche se Cristiano Ronaldo è abituato ad essere oggetto di attenzione da parte dei media, è assolutamente deplorevole che i media continuino a diffondere e incoraggiare una campagna diffamatoria sulla base di documenti digitali rubati e facilmente manipolabili. Cristiano Ronaldo ha incaricato i suoi avvocati negli Stati Uniti e in Europa di occuparsi di tutti gli aspetti legali e ha piena fiducia nel fatto che la verità prevarrà

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.