Mancini e la sua Italia: "Balotelli e Belotti torneranno. Insigne ha qualità"

Il ct della Nazionale ha parlato prima del match amichevole contro l'Ucraina: "Non li ho convocati perché sono fuori forma e poi volevo vedere Giovinco dal vivo".

52 condivisioni 0 commenti

di

Share

Su una cosa almeno Roberto Mancini ha sicuramente ragione: nel calcio la parola pazienza è difficile da pronunciare. Lo sanno bene lui e tutti i suoi colleghi, i primi a fare le spese di un rendimento a volte anche solo lievemente sotto le aspettative.

L'ex tecnico di Inter e Zenit parla ovviamente pro doma sua: alla guida della Nazionale dalla scorsa primavera, ha avviato un rinnovamento che era diventato ineludibile, dopo la disfatta della gestione Ventura che aveva provocato la prima assenza dell'Italia dai Mondiali dopo quella del 1958.

Rinnovare, soprattutto in una rappresentativa nazionale, vuol dire gioco forza partire da zero o quasi e sperimentare. Sperimentare giocatori, scovare talenti o talentini, farli crescere e poi escogitare un sistema di gioco che li possa amalgamare al meglio. Un compito affascinante, ma ingrato, soprattutto se sei il responsabile di una Nazionale che in bacheca ha quattro titoli mondiali.

ManciniGetty Images

Italia, Mancini: "Balotelli e Belotti non sono in forma"

La vittoria all'esordio con l'Arabia Saudita e il pareggio con l'Olanda erano serviti per acquisire un minimo di credito, ma l'intermedia disfatta con la Francia e i successivi match di Nations League - pareggino con la Polonia e sconfitta col Portogallo privo di Cristiano Ronaldo - lo hanno già eroso quasi del tutto. Per questo, in preparazione dell'amichevole contro l'Ucraina di mercoledì 10 ottobre e del successivo impegno di domenica in Polonia, Mancini mette le mani avanti:

Sapevamo che la strada non sarebbe stata facile. L'obiettivo è qualificarsi per l'Europeo. Giocare la Nations League è meglio che giocare amichevoli, ma l'obiettivo resta quello. Se dovessimo retrocedere? Pensate che ci sono quattro gruppi di A, in uno ci sono Inghilterra, Spagna e Croazia, e una andrà in B.

Balotelli BelottiGetty Images

Detto questo il Mancio non ha potuto sottrarsi alle domande sui singoli, soprattutto sugli esclusi eccellenti dalle ultime convocazioni, Balotelli e Belotti in primis. Nessuna preclusione, ha chiarito il ct: i due non sono stati ritenuti in forma, ma sono costantemente seguiti e torneranno in rosa. Nel frattempo, ecco Giovinco, una chiamata che ha suscitato diverse perplessità: già non è proprio un ragazzino e poi arriva da un campionato poco allenante, dicono i critici, ma per Mancini ha grandi qualità e meritava la chance. Protagonista in campionato, dove ha già segnato 6 gol, poi, Lorenzo Insigne è atteso sugli stessi livelli anche in Nazionale:

Lui ha le qualità da poter giocare esterno sinistro o seconda punta come fa adesso e forse questa è la sua collocazione ideale, ma può stare ovunque. Già un mese fa gli dicevo di non tornare sempre per non perdere lucidità. Contro il Liverpool ha segnato un gol molto importante al 90'.

GiovincoGetty Images
Chance azzurra per Giovinco

Convocati Tonelli e Piccini

Lodati Barella e Chiesa - due giovani di qualità - Mancini si è soffermato sulla situazioni infortuni: D’Ambrosio, Romagnoli e Cutrone tornano a casa per vari problemi fisici, mentre le porte si aprono per Tonelli e il "valenciano" Piccini - "lo seguo da tempo, l'avrei chiamato alla prossima tornata" ha detto su quest'ultimo -. Muro, invece, sulla recrutabilità di Allan e sull'eventuale futuro azzurro di Beppe Marotta:

Allan? Non ho idea: l'ho letto anch'io, ma non ho mai parlato di questo, non saprei. Marotta? Perché, si è rimesso a giocare?

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.