Serie A, il Milan si gode Cutrone: va in gol ogni 131 minuti

Con la doppietta all'Olympiacos le reti stagionali sono tre, senza mai partire tra i titolari. Gattuso se lo coccola: "Mi piace l'atteggiamento di Patrick, spero diventi come Inzaghi".

43 condivisioni 0 commenti

di

Share

Due tiri, due gol. Praticamente infallibile. Il saldo numerico di Patrick Cutrone in Milan-Olympiacos, partita della seconda giornata della fase a gironi di Europa League, è quello dei grandi attaccanti. Quelli che magari a tratti scompaiono dai radar della manovra, ma che negli ultimi 15 metri si fanno sentire. Un colpo di testa per rimettere i conti a posto, una zampata a pochi passi dalla linea per sigillare il 3-1 di San Siro. Così il 20enne di Como ha trovato la prima doppietta della sua carriera da subentrante, la quarta tra Europa League e Serie A in poco più di un anno in rossonero.

Contro i greci, nel momento più difficile della partita, Gattuso si è affidato a lui. Lo ha inserito al centro dell'attacco in linea con Gonzalo Higuain e la partita del Milan è cambiata. Un canovaccio già visto in campionato nella partita contro la Roma: Cutrone quel giorno entrò in campo nel finale e in pieno recupero trovò il 2-1 su assist perfetto del Pipita. In stagione non è mai partito titolare, anche per colpa della sfortuna. La maglia di centravanti è dell'argentino, ma quando Higuain ha marcato visita anche Patrick era indisponibile. Metafora di una carriera che non ha mai avuto a disposizione accessi privilegiati ai posti che contano.

In stagione i centri di Cutrone sono tre, realizzati tutti partendo dalla panchina e in soli 85 minuti. Nei fatti, il numero 63 del Milan - scelto per omaggiare l'anno di nascita di suo papà - in questa stagione va a segno una volta ogni 28 minuti. Estendendo lo sguardo alla scorsa stagione, i centri sono 21 in 2766 minuti, uno ogni 131 minuti giocati. Contro l'Olympiacos la sua concretezza ha cozzato con la fumosa prova offerta da Castillejo, il compagno di squadra che gli ha ceduto il posto. Gioco, partita, incontro. Da protagonista. Coccolato anche dal suo allenatore Rino Gattuso al fischio finale ai microfoni di Sky Sport:

Cutrone ha fame? Al Milan si mangia tanto, almeno ogni 2 o 3 ore (ride, ndr). Patrick mi piace per atteggiamento e senso di appartenenza che sta mostrando. Ha giocato con dei problemi alla caviglia, prende antinfiammatori, e per come si sta allenando è molto apprezzato dallo spogliatoio. Vuole giocare a tutti i costi. Io spero possa diventare come Pippo Inzaghi, ma ora deve mantenere i piedi per terra.

Serie A, Cutrone l'arma in più del Milan. E Mancini lo convoca in Nazionale

Nelle gerarchie di Gattuso, Cutrone è sempre più il dodicesimo uomo. Il primo cambio da gettare nella mischia quando occorre cambiare volto alla partita al centro dell'attacco. In realtà l'allenatore rossonero sta anche lavorando sulla coesistenza tra Patrick e Higuain, con l'allargamento della punta di Como in fascia, alla stregua di quanto fatto da Massimiliano Allegri con Mario Mandzukic alla Juventus. Il giovane attaccante attende la prima da titolare e studia da vicino il collega Gonzalo, come spiegato anche ai microfoni di Milan TV:

Posso solo imparare da Higuain, ma come ogni giocatore vorrei giocare sempre. Deciderà il mister, io mi farò sempre trovare pronto, sia dalla panchina che partendo titolare.

Filosofia vincente nel Milan, che Cutrone si prepara a esportare anche in Nazionale. In un'epoca storica complicata per l'attacco azzurro, privo di veri riferimenti e in attesa di Mario "Godot" Balotelli, il commissario tecnico Roberto Mancini si è affidato anche al centravanti rossonero nelle convocazioni in vista dell'amichevole contro l'Ucraina e della sfida di Nations League in Polonia. Inserirsi in corsa nel gruppo non sarà un problema per Patrick, abituato a fare la differenza a partita in corsa.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.