Charles Poliquin, il più grande preparatore atletico di tutti i tempi

Dalle 23 medaglie d'oro con i suoi atleti alle Olimpiadi all'importanza dell'alimentazione e della forza, passando per il lavoro con Cristiano Ronaldo: tutto il genio di Charles Poliquin.

308 condivisioni 0 commenti

di

Share

Un personaggio infinito. Nessuna retorica di mezzo, semplice verità. Perché Charles Poliquin rimarrà per sempre il più grande preparatore atletico di tutti i tempi. In Italia, però, il racconto della sua storia può suonare abbastanza nuovo. In America invece, dagli Stati Uniti al Canada, la sua figura è davvero considerata al pari di un'essenza straordinaria. Unica. Charles Poliquin infatti nel corso della sua carriera ha preparato atleti professionisti in più di 17 differenti sport, dall'atletica a numerose discipline olimpiche, passando per NHL (la National Hockey League), NFL (football americano), pugilato, bodybulding, calcio e molti altri. I suoi atleti, inoltre, godono di due preziose caratteristiche in comune: la prima è il successo. Infatti Poliquin da personal coach è riuscito a collezionare ben 23 medaglie d’oro olimpiche, il tutto senza considerare quelle d’argento e di bronzo.

Ma questi giorni purtroppo, negli Stati Uniti e non solo, sono rattristati da un immenso dolore. Charles Poliquin infatti, all'età di di 57 anni, lo scorso 25 settembre 2018 è venuto a mancare. Le cause della sua morte, nonostante non ci siano ancora comunicati ufficiali, sembrerebbero riconducibili ad un attacco di cuore, il tutto al netto di una problematica genetica di natura cardiaca che anche in passato aveva tormentato la salute del preparatore. Per questo il mondo dello sport, dagli atleti agli addetti ai lavori, si è unito per ricordare il valore trasmesso da questa persona fuori dal comune. Sì, Charles Poliquin è stato molto di più di un semplice coach.

E se una delle caratteristiche dei suoi atleti è rappresentata dal successo, la seconda è riconducibile ad un'altra parola ben definita: forza. Poliquin infatti, prima che un normale preparatore atletico, è da tutti considerato come il preparatore sulla forza per eccellenza. Nello sport, in particolare, per forza muscolare si intende la capacità motoria posseduta dal muscolo nello sviluppare tensione utile al superamento o all’opposizione rispetto a resistenze esterne. Una caratteristica comune e fondamentale in qualsiasi disciplina, dalla lotta al calcio, ma purtroppo sottovalutata e non adeguatamente allenata da tutti i preparatori. Poliquin, al contrario, ha fatto proprio dell'allenamento sulla forza il segreto per rendere i più di 800 atleti professionisti da lui allenati dei veri campioni di successo. Il tutto senza dimenticarsi del lato umano e quello relativo alla salute, dalla prevenzione attraverso l'alimentazione passando per lo stile di vita.

Charles Poliquin Official Page Facebook
Charles Poliquin in una sessione di allenamento

Charles Poliquin, da coach a leggenda

Per raccontare la classe di Charles Poliquin Fox Sports.it ha intervistato in esclusiva Frank Merenda, imprenditore di fama internazionale, oltre che maggior esperto italiano in ambito di vendita professionale e presidente del Venator Fighting Championship (importante organizzazione di Arti Marziali Miste in Italia). Proprio Merenda nel mese di luglio - nel suo evento Superman Vendita - ha invitato Charles Poliquin a parlare davanti alla sua una numerosa platea.

Frank, da amico e profondo conoscitore dei metodi e degli studi di Poliquin, cosa pensi lo abbia differenziato dagli altri preparatori?

Charles è stato molto più di un preparatore. Ha scritto pagine di storia dello sport, sia in termini di risultati che di cambiamenti culturali. E i numeri parlano per lui. Poliquin infatti è sempre stato un ricercatore prima che un coach. Ha dedicato tutta la sua vita alla ricerca, partendo dalla salute dell'atleta e dalla prevenzione ancor prima che della performance. Non ha mai avuto dogmi. Al contrario della maggior parte dei suoi colleghi, i quali non si sono ancora sganciati da metodi e teorie scientificamente ormai superate: basti pensare all'Italia, dove nell'allenamento e nelle preparazioni atletiche si sta vivendo un inspiegabile immobilismo generale. Charles invece continuava a sperimentare, è stato un eterno allievo, soprattutto in un campo fondamentale come quello della forza, ovvero quella base imprescindibile da declinare ad ogni singola disciplina.

Dalla palestra alla competizione, senza dimenticare i valori della vita. Uno su tutti la salute. Poliquin è stato un nobile divulgatore scientifico, contribuendo con numerosi libri, manuali ed articoli alla diffusione della sana cultura sportiva e alimentare:

Charles è stato il primo a portare in ambito sportivo la paleo dieta. In particolare è stato l'unico allenatore ad averla proposta agli atleti professionisti. E ovviamente lo faceva con forte convinzione di portare loro preziosi benefici, sia in termini di prevenzione che di performance. Ha portato innovazione in ogni sport, distruggendo tanti falsi miti. 

Dall'alimentazione e prevenzione agli allenamenti. Poliquin aveva il desiderio di andare oltre. Studiando, viaggiando, informandosi e divulgando.

In molti sport si pensa che il fare pesi pesanti possa legare il muscolo, in realtà in ogni disciplina - con le peculiarità specifiche - se non hai sviluppato la forza con carichi pesanti fai molta più fatica a convertire il tutto in potenza. Poliquin ha distrutto il mito dell'obbligo di carboidrati e zuccheri per il muscolo prima della prestazione, tuttavia questi sono discorsi difficili da trasmettere alla cultura italiana, chiaramente influenzata da una cucina basta su pasta e cereali di ogni genere.

I valori prima di tutto

Non era soltanto una questione di far vincere i suoi atleti. Perché i campioni bisogna mantenerli tali: sul campo, in salute e soprattutto nella vita. Proprio come raccontato da Frank Merenda nella rivelazione di un aneddoto davvero curioso:

L'ho seguito da sempre, da quando ero ancora un ragazzino. Tuttavia lo conobbi dal vivo a Boston, nel 2013, per poi partecipare in seguito a diversi dei suoi seminari. A luglio l'ho portato al mio evento Superman Vendita - ovvero un contesto business - ma nonostante questo Charles ha dimostrato uno straordinario lato umano e di crescita personale. Il suo obiettivo primario infatti è sempre stato quello di aiutare gli altri. Questo per dire che un campione nello sport deve essere prima ancora un esempio come persona.

Un giorno Mike Tyson, all'apice del suo successo, andò in palestra da Poliquin per chiedergli di essere allenato, in fondo negli Stati Uniti Charles al tempo era già il migliore nel suo campo. Ma ecco cosa il preparatore gli rispose: "No, non posso allenare uno stupratore". Rinunciando così di lavorare con l'atleta del momento proprio per una questione di principi e valori morali. I suoi atleti infatti non gli riconoscono soltanto i metodi sportivi da lui trasmessi e divulgati: Charles ha impattato direttamente sulle loro vite. Persona di carattere e valori, davvero un guru nel senso buono del termine.

PoliquinOfficial Charles Poliquin Facebook page
Molto più di un semplice preparatore

Anche in Italia c'è chi diffonde il suo verbo

Insieme a Frank Merenda, in esclusiva a FoxSports.it ha parlarto Claudio Tozzi: massimo esperto di preparazione atletica sulla forza in Italia e autore di BIIOSystem, libro bestseller sull’allenamento. Ecco le sue parole su cosa Poliquin ha lasciato al mondo dello sport:

Charles era avanti anni luce. Per me è sempre stato il modello da seguire. In passato ho scritto articoli per la rivista Olympian’s News e ho sempre divulgato all'Italia il suo pensiero. Le sue idee, e quello che è da considerare il suo genio. Charles non lasciava nulla al caso: dall'alimentazione ai protocolli di prevenzione alle malattie. Parlare con lui era difficile semplicemente perché era sempre il più avanti. Allenava e studiava. Era una macchina sempre al passo con gli studi scientifici: insomma, un vero ricercatore dello sport e della vita.

Fino ad arrivare al calcio. Da Michael Owen a Cristiano Ronaldo:

Nel calcio portare il concetto della forza non è facile, anche se sarebbe una chiave per la prevenzione agli infortuni e all'aumento della performance. Poliquin ha lavorato in privato con Michael Owen quando giocava al Manchester United. Addirittura stava entrando nel club come preparatore, ma i Red Devils non gli permisero di portare il suo staff, e così Poliquin rifiutò. Charles era un purista, doveva lavorare con massima libertà e padronanza del suo campo, come è giusto che sia.

Quest'estate inoltre, ad una cena a Parma durante l'evento di Frank Merenda, Charles ci ha rivelato di un suo lavoro con Cristiano Ronaldo. Ci ha raccontato di come il portoghese sia davvero un professionista perfetto: dagli allenamenti all'importanza del recupero e del riposo. Fino ad arrivare all'aneddoto sul sonno: Cristiano Ronaldo farebbe fatica ad alzarsi dal letto la mattina proprio per la sua voglia e il suo impegno nel recuperare l'energie. Una volta in campo, però, ci  ha confermato diventi il mostro straordinario che tutti conosciamo.

Una questione di forza. Fisica e mentale. E perché, quindi, anche il calcio beneficerebbe delle teorie di allenamento del preparatore canadese? Spiega Tozzi:

Fare pesi, per un calciatore, deve significare lavorare sulla fibra bianca del muscolo, quella veloce. Quella che serve per aumentare la velocità dello scatto, per superare gli avversari e per saltare. Insomma, quella che serve per bruciare chi hai di fronte nella distanza di 5/10 metri, quella decisiva per vincere i duelli in campo. O per volare all’incrocio dei pali. Non è una questione di ipertrofia o massa muscolare.

Al contrario, lavorare con carichi pesanti e a basse ripetizioni significa aumentare proprio la forza. Ma nel calcio, purtroppo, appena parli di fare pesi come squat e stacchi ti guardano come un matto. Poliquin sapeva che nel calcio sarebbe stato più complicato, soprattutto per il falso mito che il peso legherebbe il muscolo: ovvero un'inesattezza colossale. 

Oltre alla forza, poi, Poliquin era un grande promotore dell'importanza del recupero e del riposo: fattori spesso sottovalutato nello sport professionistici, ma essenziali per migliorare e super compensare nelle prestazioni.

Dal Canada al mondo intero. Un personaggio infinito. Già, nessuna retorica di mezzo, semplice verità. Perchè Charles Poliquin rimarrà per sempre il più grande preparatore atletico di tutti i tempi.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.