Champions League, tifoso inglese accoltellato prima di Napoli-Liverpool

La vittima faceva parte di un gruppo di sostenitori dei Reds e avrebbe rimediato ferite lacero-contuse: ricoverato, se la caverà con 15 giorni di prognosi.

Centro storico di Napoli Twitter/@Agenzia_Ansa

5 condivisioni 0 commenti

di

Share

Alta tensione a Napoli in vista della sfida di Champions League che vedrà i padroni di casa, che non possono permettersi passi falsi dopo il pari all'esordio contro la Stella Rossa, affrontare i vice-campioni d'Europa del Liverpool. Una gara sentita e che purtroppo fa già parlare di sé per un episodio di violenza verificatosi in pieno centro cittadino nella notte tra martedì e mercoledì.

Un gruppo di tifosi dei Reds, giunti in città per assistere ovviamente a Napoli-Liverpool, è stato attaccato fuori da un bar in via Cesare Rosaroll da alcuni sostenitori partenopei, e nella rissa che ne è scaturita gli aggressori avrebbero utilizzato persino un coltello, utilizzato per colpire un giovane tifoso inglese per fortuna in modo non grave.

Ricoverato al Loreto Mare, è stato medicato e se la caverà con una prognosi di 15 giorni, tuttavia per lo spavento né la vittima né gli amici che erano con lui saranno presenti stasera sugli spalti per Napoli-Liverpool: un episodio che certo non mette in buona luce la città e su cui le forze dell'ordine hanno immediatamente indagato, arrivando nel giro di poche ore a individuare ben 28 tifosi napoletani appartenenti a vari gruppi.

Champions League, tifoso inglese accoltellato prima di Napoli-Liverpool

L'episodio di stanotte, che per fortuna non ha avuto risvolti tragici, non è certo l'unico capitato ai supporter dei Reds: il Liverpool Echo racconta infatti di come altri tifosi inglesi abbiano riportato atti di intimidazione e quasi di aggressione nei propri confronti dopo essere stati riconosciuti a causa delle maglie o delle sciarpe, e nei giorni precedenti la sfida avevano del resto fatto parlare gli avvisi distribuiti agli stessi tifosi del Liverpool che descrivevano Napoli come una città poco sicura, dov'era meglio evitare di appartarsi e utilizzare mezzi pubblici.

Quella contro il Liverpool di Klopp, finalista nella scorsa edizione della Champions League, è come detto la seconda gara stagionale nella massima competizione europea per gli uomini di Ancelotti, che contro un avversario fortissimo e in un ottimo momento di forma - guida la Premier League in compagnia del Manchester City - non può permettersi di sbagliare. Si tratterà di una sfida caldissima in campo e anche sugli spalti e nei dintorni dello stadio, dove il questore Antonio De Iesu, che pur definisce l'episodio inqualificabile e che con il calcio non c'entra niente, assicura però che la situazione sarà assolutamente sicura e sotto controllo anche grazie all'impiego di 700 uomini delle forze dell'ordine.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.