WWE Raw, messaggio dei The Brothers of Destruction per Super Show Down

Il report con tutti i risultati e gli sviluppi della puntata dello 01-10-2018: The Undertaker e Kane di nuovo insieme per affrontare Triple H e Shawn Michaels.

I Brothers of Destruction a WWE Raw WWE

25 condivisioni 0 commenti

di

Share

Nuova puntata di WWE Raw, l’ultima prima del PPV australiano Super Show Down, che andrà in onda il 6 ottobre 2018 direttamente dal Melbourne Cricket Ground di Melbourne e che vi racconteremo come sempre in diretta scritta qui su FOXSports.

Prima di questo appuntamento con il grande wrestling, restano però molte situazioni in sospeso a Raw, su tutte la rivalità tra i Dogs of War (Braun Strowman, Dolph Ziggler e Drew McIntyre) e The Shield (con i dubbi di Dean Ambrose che potrebbero portare a un suo addio a Roman Reigns e Seth Rollins).

Andiamo però a leggere direttamente il report di questo show, che per l’occasione va in onda dalla Key Arena di Seattle (Washington), con tutti i gli sviluppi delle storyline e risultati di WWE Raw di lunedì 1° ottobre 2018, nella rubrica sul wrestling WWE-ek Raw a cura di FOXSports.

WWE Raw report: sviluppi e risultati puntata del 1° ottobre 2018

La puntata di WWE Raw si apre con l’ingresso di Dean Ambrose, che inizialmente continua a manifestare i suoi dubbi circa la permanenza in The Shield, poi però dice che quella è la sua famiglia, una fratellanza.

Lo interrompe Baron Corbin, che prova a stuzzicare il Lunatic Fringe e gli propone tre opzioni per stasera: affrontare Seth Rollins per il titolo intercontinentale, Roman Reigns per il titolo universale o Braun Strowman. Dean Ambrose è molto combattuto, ma replica che preferirebbe affrontare lo stesso Baron Corbin. Il General Manager allora decide di agire e fissa l’incontro con il Monster among Men.

Dean Ambrose vs Braun Strowman

L’incontro viene vinto da Braun Strowman per squalifica, perché Roman Reigns e Seth Rollins intervengono per salvare Dean Ambrose (sul quale il Monster among Men stava infierendo). Dopo qualche minuto arrivano anche Dolph Ziggler e Drew McIntyre, ma Baron Corbin ferma la potenziale rissa e fissa altri due match: Roman Reigns vs Ziggler e Seth Rollins vs McIntyre.

Backstage, primi dubbi di Dean Ambrose

Vediamo Seth Rollins dire a Dean Ambrose che sono andati a salvarlo prima possibile, il Lunatic Fringe replica che adesso potrebbe essere campione intercontinentale. E se ne va…

Dolph Ziggler vs Roman Reigns

Il secondo match della serata viene vinto da Roman Reigns, che va a chiudere in modo regolare dopo la Spear su Dolph Ziggler.

Ronda Rousey (con Bella Twins) vs Ruby Riott (con Liv Morgan e Sarah Logan)

L’incontro viene vinto da Ronda Rousey, con una prestazione dominante chiusa grazie alla sua Armbar che porta alla sottomissione Ruby Riott.

Bobby Roode vs Konnor

Sfida vinta da Konnor con un Roll-up, grazie a una distrazione di Bobby Roode provocata da un attacco di Viktor a Chad Gable.

A moment of Bliss

Alexa Bliss in un video messaggio parla di quando era piccola e aveva come modello d’ispirazione Trish Stratus. Poi però racconta che all’età di 7 anni andò a chiederle un autografo e la WWE Superstar le rispose che costava 50 dollari.

B-Team vs The Revival

A sorpresa il B-Team riesce a vincere con il pin di Bo Dallas su Dash Wilder. Al termine dell’incontro però arrivano gli Authors of Pain che distruggono gli ex campioni di coppia di WWE Raw.

Backstage, Dolph Ziggler anello debole?

Vediamo ancora Dean Ambrose, stavolta avvicinato da Roman Reigns. Il Lunatic Fringe dice che se non fosse una brava persona ora potrebbe essere Universal Champion. Poi l’inquadratura passa su i Dogs of War, con Braun Strowman che si compiace per i dubbi della fazione rivale, ma allo stesso tempo dice che non devono avere anelli deboli. Mentre lo dice guarda Dolph Ziggler.

Seth Rollins vs Drew McIntyre

L’incontro viene vinto da Drew McIntyre, che sfrutta una distrazione di Dolph Ziggler (che sale sul ring, ma non tocca Seth Rollins) ed esegue la Claymore su The Architect. A fine incontro arrivano sul ring tutti gli altri componenti delle due fazioni (Dean Ambrose per ultimo, armato di Kendo Stick) e ad avere la meglio sono i Dogs of War.

Ladies and Gentlemen, Elias… and Kevin Owens!

Il promo di Elias e Kevin Owens tocca livelli di heat mai visti prima, con il pubblico che inizia a fischiare nel momento in cui i due si prendono gioco dei Seattle SuperSonics (squadra di NBA locale) e non smette più. I due tentano di provocare Bobby Lashley e John Cena, loro prossimi avversari al Super Show Down. Prova a riportare la situazione alla calma l’ingresso di Lio Rush, che vorrebbe annunciare il suo assistito. Quando ci riesce inizia finalmente il prossimo match.

Kevin Owens vs Bobby Lashley

Kevin Owens riesce a vincere quando Bobby Lashley si distrae vedendo Elias attaccare Lio Rush. I due Heel riescono ad avere la meglio anche nel pestaggio dopo il match.

Bayley vs Alicia Fox

La sfida viene vinta da Bayley grazie al suo Bayley to belly che vale il conteggio di tre.

Shawn Michaels avverte The Undertaker

Il main event della serata è un promo di Shawn Michaels, che come prevedibile inizia a prendersela verbalmente con The Undertaker. A suo giudizio il Becchino lo ha messo di fronte a una scelta e ovviamente lui propenderà per Triple H. E quindi sarà al suo angolo sabato al Super Show Down.

Suona la musica di Kane, che appare alle spalle di Shawn Michaels ed esegue la Throat Thrust. Si sentono i rintocchi di campana e si spengono le luci, arriva anche The Undertaker. I Brothers of Destruction sono insieme sul ring.

Mentre si preparano per infierire su HBK, arriva però di corsa Triple H che riporta la situazione in parità numerica. Questo non evita però ai due ex DX di subire due Chokeslam contemporanee e a HHH di prendersi anche la Tombstone Piledriver da The Undertaker.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.