Champions League, Dudek e quel balletto: "Un'idea di Carragher"

Il portiere polacco torna con la mente alla finale vinta in rimonta contro il Milan: "Fu Carragher a chiedermi di inventare qualcosa durante i calci di rigore".

Shevchenko e Dudker Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Share

Il 25 maggio 2005 è una data che ha le sembianze dell'incubo per tutti i tifosi del Milan. In quella notte infatti il Liverpool andò sotto 3-0 nella finale di Champions League giocata allo Stadio Olimpico Atatürk di Istanbul, salvo poi rimontare i rossoneri e batterli incredibilmente ai rigori. 

Dal dischetto fu decisivo Dudek con le sue parate e i suoi balletti sulla linea di porta. Proprio di quelli ha parlato il polacco a Radio Marte, alla vigilia di Napoli-Liverpool:

Jamie Carragher mi chiese di inventare qualcosa per distrarre i calciatori del Milan. Io dissi di no, mi serviva concentrazione. Pui però non mollò e così prova al primo rigorei. Funzionò, così continuai a farlo. In carriera ci ho riprovato altre volte e non sempre ha funzionato. Ero molto in fiducia in quella finale anche grazie ad un doppio intervento su Shevchenko

Su Ancelotti:

Non si è mai arrabbiato con me, dopo quella finale contro il Milan l'ho incontrato altre volte e ne abbiamo parlato. Quella partita il Milan l’aveva praticamente vinta, tanto che Ancelotti dichiarò che quello fu il primo tempo migliore di una sua squadra, ma alla fine la perse. Facemmo una rimonta clamorosa

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.