Premier League, Sarri: "David Luiz? Molto meglio di quanto pensassi"

Il brasiliano, finito ai margini della rosa con Conte, è stato rilanciato dal nuovo allenatore e si avvia a tornare protagonista con un ottimo inizio di stagione.

495 condivisioni 0 commenti

di

Share

Nel nuovo Chelsea di Maurizio Sarri che finora ha incantato con il suo gioco - e che si trova al terzo posto in classifica in Premier League, a -2 dalla coppia di testa formata da Liverpool e Manchester City - quello che sicuramente può essere definito il protagonista più inatteso è il brasiliano David Luiz.

Il difensore brasiliano, 31 anni, in estate sembrava prossimo a lasciare il club e lo avrebbe sicuramente fatto se sulla panchina dei Blues fosse rimasto Antonio Conte, con il quale il rapporto si era logorato in modo irreparabile nell'ultima stagione. Appena 17 presenze, mai in campo da febbraio in poi, David Luiz aveva vissuto sei mesi come un vero e proprio separato in casa, e con il contratto in scadenza a giugno 2019 era sembrato evidente che la sua avventura al Chelsea si fosse conclusa.

L'arrivo di Maurizio Sarri ha cambiato tutto: in una squadra a cui non mancano campioni e risorse, l'ex-tecnico del Napoli è stato bravo a studiare a fondo la rosa a disposizione e quindi a recuperare un campione che sembrava ormai finito, restituendolo alla sua grandezza e rendendolo uno degli ingranaggi principali dello scintillante Sarri-ball con cui il Chelsea sta incantando la Premier League.

David LuizGetty Images
Dopo sei mesi passati in naftalina la scorsa stagione sotto la guida di Conte, con Sarri David Luiz è tornato protagonista nel Chelsea.

Premier League, David Luiz è rinato sotto la guida di Sarri

Considerato un eroe dai tifosi dello Stamford Bridge, oltre 200 presenze con la maglia del club in due distinti periodi, David Luiz era ritornato al Chelsea, dove aveva già giocato dal 2011 al 2014, nel 2016 dopo un biennio al Paris Saint-Germain: nei piani di Antonio Conte, appena arrivato sulla panchina dei Blues, il brasiliano avrebbe svolto le funzioni di regista difensivo che nella sua Juventus erano appannaggio di Leonardo Bonucci.

Tra i protagonisti della clamorosa Champions League del 2012 vinta con Roberto Di Matteo, David Luiz ha però sempre avuto un rapporto difficile con l'ex-ct dell'Italia, una serie di contrasti e tensioni che neanche la vittoria della Premier League 2016/2017 ha mitigato e che ha portato poi alla clamorosa rottura verificatasi lo scorso febbraio, con il brasiliano da allora sistematicamente escluso dalla formazione titolare.

Nonostante due vittorie importanti in due stagioni - il campionato al primo anno e la FA Cup nel secondo - Conte è stato liquidato dal patron del club Roman Abramovich, e il successivo arrivo di Maurizio Sarri, che molti avevano definito un rischio, si è trasformato in quella che fino a oggi si può dire senza alcun dubbio una scommessa vinta: non solo la squadra gioca bene e diverte i propri tifosi e gli addetti ai lavori, ma l'atmosfera che si respira nello spogliatoio e al campo di allenamento è senza dubbio migliore.

Ed è lo stesso Sarri a raccontare com'è avvenuta la sua scoperta di David Luiz come campione e come uomo immediatamente dopo la gara che i Blues hanno pareggiato 1-1 contro il Liverpool.

David Luiz? Devo dire che è molto meglio di quello che pensassi. Molto meglio, sia come giocatore che come uomo. Non so cosa sia successo prima del mio arrivo, ma quando sono arrivato qui ho avuto immediatamente la sensazione che fosse un buon calciatore, molto adatto al mio tipo di gioco per le sue qualità tecniche. E poi ho apprezzato il suo essere uomo. È un tipo molto diretto, se deve dire qualcosa lo dice. Mi piacciono molto questo tipo di persone e questo modo di fare e parlare.

David LuizGetty Images

Sarri torna poi sul periodo buio vissuto da David Luiz nella scorsa stagione, le continue esclusioni e la sensazione di sentirsi ormai un corpo estraneo nel club.

Era un po' confuso, perché due stagioni fa era uno dei protagonisti della squadra e poi è stato sei mesi senza giocare. Questo lo ha confuso un po', ma penso che sia molto bravo nel giocare il mio calcio con le sue caratteristiche, è molto adatto, è bravo a iniziare l'azione dalla linea difensiva e questo per me è importante.

In coppia con Rudiger, David Luiz è tornato a essere uno dei punti fermi della difesa del Chelsea, e quella in corso potrebbe non essere l'ultima stagione a Stamford Bridge per lui nonostante il contratto in scadenza la prossima estate. Ci sarà tempo per pensarci, adesso si gode il momento e i complimenti del suo mister, naturalmente ricambiati.

Sarri ci sta rendendo molto felici di giocare a calcio. Ci dona molto confidenza, ci mostra quello che vuole, analizza nei dettagli ogni gara. Lavora duramente in ogni situazione ed è una persona fantastica. Ogni giorno ci dice "fate il lavoro più bello del mondo, per cui godetevela, divertitevi". Ed è bello lavorare con il sorriso, molte persone al mondo non hanno questo privilegio.

David Luiz è solo l'ultimo dei tanti campioni in rosa entusiasti del nuovo tecnico: prima di lui si sono esposti Alonso e Hazard, e il clima che si respira in squadra viene riportato dai media inglesi come nettamente diverso da quello che circondava il club soprattutto negli ultimi mesi di Antonio Conte. Una differenza sostanziale, che ha trasformato il Chelsea nella squadra più bella della Premier League e che ha restituito a David Luiz la gioia di giocare a calcio. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.