Calciomercato Manchester United: Mourinho corre sul filo. E Zidane...

Il manager portoghese sta pagando il difficile rapporto con Pogba e i risultati non lo aiutano. Il match contro il Valencia potrebbe essere decisivo. L'ombra di Zizou.

26 condivisioni 0 commenti

di

Share

Che cosa succede a José Mourinho? Il manager del Manchester United sembra brancolare nel buio, ma soprattutto sembra avere smarrito quei punti fermi che ne avevano fatto uno dei tecnici più vincenti del mondo e richiesti nel calciomercato e che, nella prima parte della sua carriera, gli avevano portato in dote un palmares straordinario.

Nelle sue esperienze al Porto prima e al Chelsea e all'Inter poi era riuscito a fondare i suoi trionfi su due pilastri principali. Il primo riguardava lo spogliatoio: i suoi uomini erano suoi, appunto, ed erano intoccabili. Da Carvalho a Deco, da Essien a Drogba, da Eto'o a Materazzi, non c'erano figli e figliocci: tutti, nessuno escluso , si sarebbero gettati nel fuoco per il loro boss.

Il secondo, poi, era il rapporto di empatia, unico e inimitabile, che mago Mou riusciva a instaurare con i tifosi. Diventava uno di loro, e mica perché si metteva al collo una sciarpetta coi colori sociali: lo "diventava" proprio, basta vedere le reazioni dei fan al suo secondo esonero dai Blues o come, ancora oggi a otto anni di distanza, lo rimpiangono i sostenitori dell'Inter.

Calciomercato Manchester United: Mourinho corre sul filo

Qualcosa già si era inceppato al Real Madrid, ma al Manchester United l'incapacità di ricreare il miracolo appare ancora più evidente. Proprio quando, dopo una carriera nomade, nella quale il suo nome era sempre in cima alla lista del calciomercatoMourinho sperava di posare cappello e valigie a Old Trafford e ripercorrere le orme di sir Alex Ferguson. Forse, chissà, è proprio nei lembi di quei propositi stanziali che il portoghese sta inciampando. Lui ha bisogno per natura di nutrirsi di furori visionari, ma scaricarli, ora, sui suoi giocatori non gli giova.

Il caso Pogba è il simbolo, ma ce ne sono tanti altri in questo Manchester United, da un irriconoscibile Lukaku - a secco in 6 partite su 9 in stagione - ad Alexis Sanchez una sola volta in campo per 90 minuti e ora, secondo l'Express, scaricato da Mou e finito sul calciomercato dopo essere stato pagato 70 milioni solo 8 mesi fa. Ma la ferita più grande gliel'ha probabilmente inferta Rui Faria, amico e braccio destro da quasi 20 anni, che, proprio al termine della pesante sconfitta di sabato contro il West Ham ha annunciato il suo addio.

Mourinho e Rui FariaGetty Images
Mourinho e Rui Faria, insieme da quasi un ventennio. Ora le loro strade si separano.

C'è Zidane sulla riva del fiume

Oggi Mourinho è a un bivio. Dopo tre partite consecutive senza vittorie, con una classifica di Premier League non degna delle ambizioni di un club con la rosa del Manchester United e in mezzo ai tabloid che cominciano a insinuare la possibilità di un suo esonero già in settimana - con Zidane seduto sulla riva del fiume - ha l'obbligo di ritrovare quel tocco magico d'altri tempi e soprattutto, più prosaicamente, i tre punti nel match di Champions League di martedì 2 ottobre contro il Valencia all'Old Trafford.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.