WMX, Kiara Fontanesi 6 volte campionessa: "Che bello vincere a Imola"

Kiara Fontanesi conquista il 6° titolo mondiale di Motocross a Imola. Decisiva la vittoria in Gara-2 che proietta la 24enne parmense nella storia.

Kiara Fontanesi campione del mondo a Imola photo Facebook

20 condivisioni 0 commenti

di

Share

Kiara Fontanesi ha conquistato il sesto titolo mondiale di Motocross femminile nella Superfinale di Imola, al termine di due gare emozionanti che hanno esaltato il folto pubblico accorso all'Autodromo Enzo e Dini Ferrari di Imola. Con il campionato MXGP aritmeticamente concluso ad Assen con la vittoria di Jeffrey Herling su Tony Cairoli, la 24enne parmense in sella alla sua Yamaha è stata l'assoluta protagonista tricolore nell'ultimo round dell'anno, con un secondo posto in Gara-1 e una vittoria in Gara-2.

Nella prima manche allo scattare dal cancello si è subito messa in coda alla rivale Van De Ven partitagli davanti, ma a complicare la situazione si sono infilate anche la Papenmeier e la Verstappen facendola scivolare in quarta posizione nelle prime curve. Al termine del primo giro Kiara Fontanesi si è incollata alla diretta avversaria olandese senza azzardare l'affondo, con il distacco che si è ridotto da 8 a 5 punti al termine del sabato, rendendo la tappa domenicale ancora più effervescente.

Stamane la Poliziotta emiliana, dopo un lungo e certosino lavoro sulla sua Yamaha del team MX Fonta Racing, è partita subito in quarta, prima accodandosi a Papenmeier e Van De Ven, poi sorpassando entrambe proprio di fronte ai box, con due sorpassi perfetti senza prendere rischi. Una volta al comando ha scavato un buon margine di sicurezza che l’ha proiettata verso la vittoria del Gran Premio d’Italia e del mondiale. La Van De Ven ci ha provato fino alla fine, ma nulla ha potuto contro la determinazione della nostra Kiara che mette in cassaforte il suo sesto titolo mondiale dopo i quattro consecutivi dal 2012 al 2015 e gli ultimi due del 2017 e 2018 che la proiettano nella storia del Motocross.

Kiara Fontanesi entra nella storia del Motocross

È ancora una volta lei la più forte del mondo. Splende il numero 1 sulla speciale maglia delle Fiamme Oro accolta dal boato del pubblico italiano. Un'emozione indescrivibile, una lotta serrata contro l'olandese Van der Van e in discesa dopo l'infortunio della leader del campionato, l'australiana Courtney Duncan, costretta ad un intervento ai legamenti del piede destro dopo una caduta in Francia. Kiara Fontanesi, fino a quel momento incollata alle calcagna in classifica, ha approfittato del destino per collezionare quattro vittorie e arrivare davanti al pubblico di casa con un vantaggio di 8 punti sulla sfidante in sella alla Ktm.

Una gioia che non riesco a raccontare. Troppo grande la soddisfazione di essere riuscita nell’intento di vincere il mondiale qui a Imola. Ho lavorato tutta la stagione per arrivare qui e vincere. Tre gare in Italia sono state stupende e Imola rimarrà nel mio cuore. Una pista mitica, un Gran Premio stupendo e un meraviglioso pubblico. Sono al settimo cielo. La moto oggi andava a meraviglia. L’ho sfruttata appieno. Sono partita con l’obiettivo di vincere la manche. Non volevo arrivare seconda, volevo vincere il Gp perché volevo rendere il mondiale ancora più speciale. Non era mia intenzione controllare la Van De Ven. L’ho passata in un punto sicuro e senza esagerare, poi ho imposto il ritmo e sono andata. Sapevo che Nancy era alle mie spalle e spingeva ma io ho proseguito a fare la mia andatura. Anche con i doppiaggi sono stata cauta, ma incisiva. E poi il salto finale. La gioia ha tolto in un secondo tutto lo stress accumulato in questi giorni. Ci tenevo troppo a vincere qui.

Kiara Fontanesi chiude la stagione WMX 2018 con una splendida vittoria in Italia a Ottobiano, una doppietta ad Assen e lo storico trionfo nell’ultima manche questa domenica a Imola. A lei il merito di averci creduto fino alla fine nonostante le difficoltà di inizio campionato e la concorrenza agguerrita.

Ero emozionata prima della partenza, ma lucida. Sentivo la pressione ma non potevo mancare l’obbiettivo. Sono partita rilassata e appena ho potuto ho dato la zampata. Fantastico. Ringrazio tutti: la mia famiglia, il team, la Yamaha, gli sponsor tutti i miei amici e tifosi. Bellissimo. Grazie a tutti, questo sesto mondiale è qualcosa di magico. Era come lo avevo sognato a inizio anno quando il calendario dava tre prove in Italia.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.