MotoGP, Danilo Petrucci in corsa con la dieta: "Devo perdere 2 kg"

Ad inizio stagione MotoGP Danilo Petrucci pesava 78 kg per un'altezza di 181 cm. Per stressare meno la gomma posteriore dovrà perdere almeno 2 kg.

28 condivisioni 0 commenti

di

Share

Durante l'inverno scorso Danilo Petrucci, che nella stagione MotoGP 2017 era stato registrato per 77 kg e 180 cm di altezza, si è sottoposto a dieta dimagrante riuscendo a perdere 4 kg, ma perdendo un po' di forza. Un 'qui pro quo' che se ha portato qualche miglioramento sul consumo della gomma posteriore, ha portato dei piccoli svantaggi iniziali in termini di maneggevolezza della Desmosedici GP18, una moto abbastanza muscolosa che ha richiesto aggiustamenti ergonomici nel corso del Motomondiale. Petrux è stato seguito in questa fase fisica dal dottor Riccardo Ceccarelli, titolare di Formula Medicine, che ha intrapreso un autentico lavoro di telemetria psicofisica in grado di scoprire in tempo reale quale effetto può avere un certo comportamento della moto sul rendimento del pilota.

Ferro ed ematocrito bassi a parte ad inizio campionato, il pilota umbro ha l'obbligo di continuare a blindare il peso forma: "Mi concedo una Coca-Cola soltanto dopo la gara, rigorosamente Coca Zero, senza zucchero”, ha spiegato. “Sono il più robusto tra i piloti, devo stare attento alla linea”, non solo per preservare meglio la gomma posteriore, ma anche per guadagnare in accelerazione. Dal prossimo anno sarà vietato sbagliare, serve lavorare su ogni dettaglio tecnico e fisico, perché avrà a disposizione non solo la miglior MotoGP del momento, ma anche uno staff tecnico tra i migliori della classe. E con un contratto annuale in scadenza a fine 2019 bisognerà anche guadagnarsi il rinnovo.

Dopo i quattro podi della scorsa stagione Danilo Petrucci quest'anno è salito solo una volta nella top-3, ma rivelandosi più costante nei risultati e veloce. Sta sfruttando queste ultime gare con il team Pramac per migliorare il feeling con la Desmosedici in vista del 2019. Nell'ultima gara al MotorLand di Aragon, conclusa al 7° posto, ha provato a spingere pur avvertendo una forte vibrazione che lo ha accompagnato per tutta la gara. Le alte temperature hanno messo sotto stress il posteriore. Considerando che i prossimi GP in Oriente si terranno sotto temperature alquanto elevate, dovrà lavorare più duramente sul fisico e perdere due chili, anche in vista del prossimo anno. "Sarà dura ma non abbiamo altre scelte”.

MotoGP, Petrux pilota perennemente a dieta

Danilo Petrucci è 14 cm più alto e 11 kg più pesante del futuro compagno di squadra Andrea Dovizioso. Il suo peso ufficiale di inizio stagione è di 78 kg per un'altezza di 181 cm. Nonostante abbia perso 4 kg per l'inizio della stagione MotoGP 2018, si appresta ad un estenuante programma di perdita di peso nel prossimo inverno, per trovarsi in splendida forma in sella alla sua amata Rossa di Borgo Panigale. Per risolvere il problema di surriscaldamento del pneumatico posteriore, che causa conseguentemente un calo di grip, non basta modificare il setting della moto, serve smaltire qualche chilo di troppo.

Abbiamo provato molte soluzioni sulla bici, ma penso che il grande lavoro che devo fare sia questo inverno, per perdere il maggior numero di chili possibile. Sarà dura, ma il prossimo anno ho una grande opportunità e voglio fare del mio meglio. Sinceramente non so se devo cambiare qualcosa di più sul mio stile di guida. Di sicuro devo lavorare, capire come guidare e non surriscaldare la gomma... Anche sui rettilinei ho fisicamente molto più peso sulla gomma posteriore, posso raffreddare la gomma anteriore sui rettilinei, ma il posteriore non così tanto.

Fra meno di due settimane tornerà in pista al Buriram, in Thailandia, dove si prevede una colonnina di mercurio al rialzo e alti tassi di umidità che metteranno a dura prova il fisico dei piloti MotoGP. Durante i test invernali Danilo Petrucci ha constatato che il suo peso era di 91 kg, di cui circa 4 kg erano dovuti al nuovo sistema airbag e al sudore.

Ho cercato di perdere un sacco di chili durante l'inverno, ma quando ho visto il peso della tuta bagnata, con l'airbag, ho pensato 'no!' Ma non sono l'unico in questa situazione. Sudo come tre piloti, non ho bisogno di un cammello [sistema per bere], ho bisogno di un intero cammello sulla schiena!

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.