Mondiali di volley: Iran-USA, la sfida che unisce sport e politica

Un giorno dopo l’attacco terroristico di Ahvaz, per il quale l’Iran ha attaccato gli USA, arriva una sfida ai Mondiali di volley che vede affrontarsi le due due grandi nemiche.

Micah Christenson sarà uno dei protagonisti di una sfida storica, Iran-USA Getty Images

8 condivisioni 0 commenti

di

Share

Ad un giorno solo dall’attacco terroristico di Ahvaz, a seguito del quale il capo della diplomazia di Teheran, Mohammad Javad Zarif, ha addossato la colpa agli “sponsor regionali del terrorismo e ai loro istruttori americani”, ai Mondiali di volley si sfidano Iran e USA, una partita che dal 1979 in poi, anno della rivoluzione islamica di Khomeini, in qualsiasi sport è stata sempre vista anche in un’ottica politica.

L’ultima sfida da ricordare è quella giocata di Mondiali di calcio del 1998, in cui una sensazione di amicizia era ben visibile dall’atteggiamento delle squadre prima e durante la partita. La foto delle squadre mischiate prima dell’inizio e il ricordo di una partita molto leale, è ancora vivo, ma oggi quella sensazione di riavvicinamento, anche attraverso lo sport, è sparita. Dopo i passi in avanti di Obama nel tentativo di riconciliazione, con Trump l’Iran è diventato ancora una volta un avversario, ad agosto scorso sono scattate nuove sanzioni, e anche in Iran l’arma propagandistica anti-americana ha sempre un suo seguito.

Nel volley le due squadre partono da un livello molto simile, con gli USA che arrivano a questi Mondiali dopo la semifinale alle Olimpiadi persa per un pelo contro di noi, mentre l’Iran sta crescendo tanto, anche grazie al fatto che finalmente i suoi giocatori possono lasciare il campionato iraniano per giocare nei campionati più competitivi. Sarà una partita intensa in cui entrambe le squadre daranno tutto per non uscire sconfitte.

Iran-USA ai Mondiali di volley: una partita che va sempre oltre lo sport

Il cammino degli USA in questi campionati del mondo di volley è senza dubbio il migliore fino a questo momento fra le squadre pronosticate per il titolo mondiale. Nel primo girone disputato al PalaFlorio di Bari, aveva il girone più difficile, riuscendo a vincerlo in mezzo a vere corazzate.

Alla prima giornata ha battuto 3-2 la Serbia di Atanasjevic, Uros Kovacevic e Petric, poi, dopo aver battuto l’Australia con qualche patema, ha superato per 3-2 anche i russi, nella partita forse più bella fino ad oggi di questi Mondiali. Della forza della Russia ce ne siamo accorti anche noi e gli USA sono stati capaci di reggere il confronto sul loro campo, la forza atletica e la capacità di reggere a muro.

L’Iran nel primo girone giocato a Varna, ha subito stupito, battendo nella seconda partita i padroni di casa della Bulgaria, finendo il girone secondo dietro solo la Polonia campione del mondo in carica, superando anche Cuba e Finlandia. A ben impressionare soprattutto l’asse palleggiatore, Saeid Marouf, che finalmente il prossimo anno potremo vedere a Siena, e lo schiacciatore Manavinezhad, il quale già gioca nel nostro campionato, a Verona.

Nella seconda fase invece, mentre gli USA hanno continuato a dominare, battendo Canada e Bulgaria, proprio i bulgari si sono ripresi la rivincita dopo la sconfitta inattesa del primo girone, vincendo ai danni dell’Iran, che ha perso tutte le energie e quel gioco fantasioso e veloce che lo aveva contraddistinto.

Alla partita di oggi dei Mondiali si arriva con i giochi praticamente fatti. Gli USA hanno 16 punti e sono sicuri del primo posto che qualifica per la terza fase di Torino, mentre l’Iran, a 11, è praticamente fuori dai giochi anche per le due migliori seconde. Dagli entourage delle due squadre non è emerso nessuna dichiarazione particolare riguardo al valore extra-sportivo della partita, ma siamo sicuri che da una parte e dall’altra ci sarà una voglia di vincere supplementare, che farà di questa partita una delle più belle del torneo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.