Serie A, Di Francesco su Douglas Costa: "Morissi se gli ho detto frasi razziste"

L'attaccante dei neroverdi torna a parlare del brasiliano dopo Sassuolo-Empoli: "Le frasi razziste non fanno parte della mia educazione".

476 condivisioni 0 commenti

Share

Ad aprire la quinta giornata di Serie A è stato il Sassuolo di De Zerbi che al Mapei Stadium ha regolato 3-1 l'Empoli di Andreazzoli ed è salito al secondo posto a quota 10 punti in classifica. Dopo il gol lampo di Caputo, i neroverdi hanno pareggiato con Boateng (terzo gol in campionato) e ribaltato la situazione con Ferrari e Di Francesco.

Quest'ultimo è stato autore di un bellissimo gol di tacco, arrivato dopo una settimana in cui il suo nome è stato sulla bocca di tutti per via del caso Douglas Costa. Proprio dello sputo del brasiliano e delle presute frasi razziste che lui gli avrebbe rivolto, ha parlato l'ex Bologna a Sky Sport:

Mi ero ripromesso di non parlarne più. Mi ha fatto male quello che si è scatenato sui social, siano girate cose false che ferivano la mia persona. Morissi oggi se ho pronunciato frasi razziste, un qualcosa che non appartiene alla mia educazione. In settimana mi sono stati vicino compagni, mister e famiglia, li ringrazio. Io non devo farmi pubblicità, voglio solo mettermi questo episodio alle spalle. Cosa gli ho detto? Parliamo di una discussione di campo, ovvio che non mi sono rivolto a lui dicendogli: "Scusi signor Costa". Ci può essere stata una parolaccia, lui può aver detto una cosa a me e io a lui. Ma morissi oggi se ho detto qualcosa di razzisti. Ora basta, non voglio più parlare di questa cosa

Serie A, Di Francesco: "Sono contento, il gol mi mancava"

Federico Di Francesco ha poi parlato della partita e del suo bellissimo gol di tacco:

Sono davvero felice, il gol mi mancava. De Zerbi mi dice sempre lavorare per la squadra e migliorare la posizione del corpo quando ricevo palla. Io mi sto allenando bene e i risultati si vedono. Possiamo fare una grande annata, pensiamo partita dopo partita. Siamo una squadra di qualità e in estate ho scelto di venire qui perché è un ambiente dove si lavora tranquillamente. Mi serviva dopo l’annata dell’anno scorso dove non ho fatto bene sicuramente per colpe mie ma anche un po’ per l’infortunio che mi ha tagliato le gambe

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.