Il nuovo ranking FIFA: Belgio primo con la Francia, Italia ventesima

Per la prima volta nella storia due Nazionali sono in testa appaiate. Dietro di loro Brasile, Croazia e Uruguay, risale la Germania. Azzurri ventesimi, avanzano Bosnia e Ucraina.

125 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il ranking FIFA è ormai da un quarto di secolo il modo in cui il massimo organismo calcistico mondiale ordina una dopo l'altra le varie rappresentative nazionali che fanno parte del suo movimento: una classifica spesso contestata e a volte persino snobbata ma che, attraverso una serie di calcoli, non solo attribuisce un punteggio a ogni partita che ogni selezione si trova a giocare, ma diventa anche un importante indicatore sullo stato di salute di un determinato movimento.

Il ranking FIFA, aggiornato dai suoi creatori e pubblicato sul sito ufficiale, racconta quindi che è il Belgio, al momento, la Nazionale più forte in circolazione: i Diavoli Rossi hanno agganciato infatti al primo posto la Francia campione del mondo, un evento mai verificatosi prima e che vede belgi e francesi appaiati a 1729 punti. Alle spalle delle selezioni guidate da Deschamps e Martinez ecco in ordine Brasile, Croazia e Uruguay, separate da pochissimi punti.

Buone notizie per l'Italia di Roberto Mancini: nonostante la pessima partenza in Nations League - stentato pareggio casalingo contro la Polonia la sconfitta di misura in Portogallo - gli azzurri guadagnano una posizione, scavalcando il Perù e piazzandosi al 20esimo posto in classifica.

Il nuovo ranking FIFA: Belgio primo con la Francia, Italia ventesima

Bonucci e compagni si trovano a una manciata di punti da Galles e Polonia, e proprio la prossima sfida di Nations League contro Lewandowski e compagni, se vinta, potrebbe cambiare il ranking in vista del prossimo aggiornamento previsto per metà ottobre. Osservare la classifica permette anche di notare come la Germania, eliminata addirittura ai gironi a Russia 2018, appaia già in risalita: gli uomini di Low hanno recuperato due posizioni e si trovano adesso al 12esimo posto in classifica in compagnia del Cile e a poca distanza da un'altra squadra che ai Mondiali ha deluso, la Spagna, brava però a ripartire con Luis Enrique e nona in classifica. 

Le vittorie in Nations League (1-2 alla Repubblica Ceca e 1-0 alla Slovacchia) hanno permesso all'Ucraina di scalare ben 6 posizioni, attestandosi al 29esimo posto: la squadra guidata dal ct Shevchenko è la più migliorata rispetto all'ultima classifica e può guardare al futuro con ottimismo così come la Bosnia ed Erzegovina, 34esima e capace di guadagnare 5 posizioni. Al contrario, le Nazionali più peggiorate sono Ghana e Slovenia, capaci di perdere 6 posizioni ritrovandosi rispettivamente al 51esimo e 61esimo posto. Male anche l'Islanda, strapazzata da Svizzera e Belgio: Gunnarson e compagni scendono al 36esimo posto.

Novità interessanti anche in coda: l'ultimo posto è ora occupato in coabitazione da Bahamas e Isole Turks e Caicos, con queste ultime capaci di perdere ben 11-0 contro Cuba lo scorso 8 settembre. Le due selezioni nazionali hanno peggiorato la propria classifica rispetto a Anguilla, Somalia, Eritrea e Tonga. 

Le prime 25 posizioni

  • (1) Belgio - 1729
  • (1) Francia - 1729
  • (3) Brasile - 1663
  • (4) Croazia - 1634
  • (5) Uruguay - 1632
  • (6) Inghilterra - 1612
  • (7) Portogallo - 1606
  • (8) Svizzera - 1598
  • (9) Spagna - 1597
  • (10) Danimarca - 1581
  • (11) Argentina - 1575
  • (12) Cile - 1568
  • (12) Germania - 1568
  • (14) Colombia - 1567
  • (15) Svezia - 1550
  • (15) Messico - 1550
  • (17) Olanda - 1540
  • (18) Polonia - 1537
  • (19) Galles - 1536
  • (20) Italia - 1526
  • (21) Perù - 1525
  • (22) USA - 1510
  • (23) Tunisia - 1503
  • (24) Austria - 1499
  • (25) Senegal - 1492

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.