WWE Raw, Brock Lesnar fissa la sua rivincita: sarà a Crown Jewel

Dopo la sua irruzione a Hell in a Cell 2018, The Beast ha già la sua chance titolata per riprendersi il titolo Universale da Roman Reigns: sarà in Arabia Saudita il 2 novembre.

28 condivisioni 0 commenti

di

Share

Dopo le emozioni (e ce ne sono state davvero tante) di domenica notte a Hell in a Cell 2018, il mondo del wrestling WWE è già pronto per tornare in azione con Raw, che per l'occasione ha come palcoscenico l'American Airlines Center di Dallas, in Texas.

Inevitabilmente le attenzioni sono tutte concentrate su quanto accaduto nel main event dell'ultimo PPV, con il clamoroso ritorno di Brock Lesnar e il relativo no contest che ha lasciato la situazione inalterata, facendo di fatto fallire il cash-in del Money in the Bank a Braun Strowman.

Ma quello non è certamente l'unico motivo d'interesse di questa puntata di WWE Raw, soprattutto perché è annunciata la presenza di The Undertaker, con il Becchino che risponderà al promo della settimana scorsa di Triple H. E poi la faida che sembra tutt'altro che finita tra Dean Ambrose e Seth Rollins da una parte, Drew McIntyre e Dolph Ziggler dall'altra. Questo e molto altro ancora ci aspetta in questa puntata, che vi racconteremo come sempre su WWE-ek Raw, la rubrica sul wrestling WWE a cura di FOXSports.

WWE Raw dopo Hell in a Cell 2018

La puntata di WWE Raw inizia subito con l'ingresso di Roman Reigns, il campione universale, che inizia a parlare di quanto accaduto a Hell in a Cell 2018 e criticando la scelta di Brock Lesnar di interferire nel suo match con Braun Strowman. Così decide di chiamare The Beast, perché se vuole la sua rivincita può averla anche adesso. Suona però la musica del Monster among Men, che spiega al Mastino come in realtà debba solo ringraziare Brock Lesnar per averlo salvato e per questo adesso lui vuole sistemare i conti in sospeso con l'assistito di Paul Heyman, per poi concentrarsi di nuovo sull'Universal Championship.

Entrambi vengono interrotti dall'ingresso di Baron Corbin, che dice di avere una soluzione: tutti e tre si affronteranno, con in palio il titolo, in un Triple Threat Match a Crown Jewel, un nuovo PPV che si terrà a Ryhad, in Arabia Saudita, il prossimo 2 novembre.

Braun Strowman è molto contrariato e inizia a dire che tutto questo gli fa schifo. Mentre lo fa suona la musica di Paul Heyman, che fa il suo ingresso senza  Lesnar e scortato da uomini della sicurezza che portano la porta distrutta dal suo assistito a Hell in a Cell 2018. Poi spiega di quanto Brock sia il migliore e di come sia pronto per riprendersi il suo titolo. Strowman prova a rincorrere Heyman che scappa, Reigns prende il microfono da Corbin, che però se lo riprende e dice di aver visto il report medico e di sapere perfettamente quali siano le condizioni di Roman. E visto che non sono ottimali, stasera lo sfiderà nel main event con in palio il titolo universale.

Nasce Crown Jewel, il 2 novembre in Arabia Saudita

Prima di cominciare il report, raccontiamo un attimo cosa sia Crown Jewel, attraverso il comunicato ufficiale della WWE:

"L’Autorità Generale per lo Sport dell’Arabia Saudita, in partnership con la WWE, presenta Crown Jewel, il grande show che si terrà presso il King Fahd International Stadium di Riyadh, in Arabia Saudita, venerdì 2 novembre. L’evento ospiterà il Triple Threat Match per lo Universal Championship tra Roman Reigns, Brock Lesnar e Braun Strowman, oltre che il primo torneo della storia della WWE che decreterà il migliore al mondo: la WWE World Cup.

Il Presidente dell’Autorità Generale per lo Sport dell’Arabia Saudita, Sua Eccellenza Turki Al Sheikh, il Presidente e CEO della WWE Vince McMahon e il Regno dell’Arabia Saudita, invitano il mondo a celebrare la firma di questo evento. Dopo il tutto esaurito della Greatest Royal Rumble dello scorso aprile, Crown Jewel sarà il secondo evento di una partnership a lungo termine tra la WWE e il Regno dell’Arabia Saudita. Crown Jewel verrà trasmesso in diretta sul WWE Network ed in Pay-per-View nel resto del mondo. I biglietti e le informazioni sulla diretta saranno disponibili a partire dalle prossime settimane".

Dean Ambrose vs Drew McIntyre

Si parte subito forte con il match tra Dean Ambrose e Drew McIntyre. Un incontro equilibratissimo, che viene deciso da una Claymore del Gladiatore scozzese, a seguito di un rientro in fretta e furia della Scheggia impazzita sul ring (al conteggio di 9) dopo un tentativo fallito di double axe handle dal paletto. La vittoria la prende dunque Drew McIntyre.

Backstage, The Show e Ronda Rousey

Nel backstage vediamo Dolph Ziggler complimentarsi con il suo compagno per la vittoria appena ottenuta. A loro si aggiunge anche Baron Corbin, che domanda allo Showoff se voglia una chance titolata per il titolo intercontinentale di Seth Rollins. Inizialmente Ziggler non sembra così entusiasta, poi però il general manager gli spiega di aver visto le cartelle cliniche e gli assicura che The Architect non sia affatto in forma e che se non si dovesse presentare nell'arena allora lui vincerebbe in automatico la cintura. Dolph a quel punto accetta.

Passiamo ora con la telecamera su Ronda Rousey, in compagnia di Natalya e delle sorelle Bella. La campionessa di Raw domanda cosa significhi "Open Challenge", glielo spiega Natty che però le consiglia di non farvi ricorso per il rischio che si corre quando non si sa quale avversario si dovrà affrontare. Ronda però ha voglia di competizione e decide di voler concedere a chiunque lo voglia una chance titolata.

Chad Gable vs Viktor

Prosegue la faida tra gli Ascensions e la nuova coppia composta da Bobby Roode e Chad Gable. Stavolta sarà un singol match, tra l'ex American Alpha e Viktor. Gable vince senza particolari problemi, ma al termine dell'incontro Konnor attacca sia lui che il suo compagno, per poi tornarsene nel backstage.

Backstage, Monday Night Rollins

Torniamo di nuovo con la telecamera nel backstage, perché è arrivato Seth Rollins nell'arena. Il campione intercontinentale viene informato del match titolato in serbo per lui e la sua risposta è che Baron Corbin probabilmente si sia scordato che lo show sia ancora Monday Night Rollins.

The Undertaker sul ring

Suonano i rintocchi della campane, il pubblico entra in visibilio. Nell'arena dell'American Airlines Center di Dallas fa la sua apparizione The Undertaker. Il Deadman prende il microfono e dice di non aver mai visto una persona con un'anima distrutta come quella di Triple H, ma allo stesso tempo vuole lasciargli l'illusione di poter davvero vincere, nonostante sappia perfettamente che non finirà così.

Poi dice di aver capito anche il suo giochino, cioè portare l'amico Shawn Michaels al suo angolo. Ma nemmeno questo lo preoccupa, perché anche lui avrà qualcuno al suo fianco: suo fratello Kane! E dopo aver terminato la carriera di HBK farà lo stesso con HHH. E lo farà al Super ShowDown in Australia.

Bayley vs Dana Brooke

Il match successivo è tra Bayley e Dana Brooke, un incontro vinto facilmente dalla ragazza abbracciosa che chiude con il suo Bayley-to-Belly Suplex.

The Authors of Pain vs Gregory James e Barrett Brown

Altro incontro senza storia dagli Authors of Pain, che continuano a inanellare vittorie contro combattenti locali. Stavolta i malcapitati sono tali Gregory James e Barrett Brown, che non possono far altro che alzare bandiera bianca dopo nemmeno un minuto.

Seth Rollins (C) vs Dolph Ziggler

Eccoci arrivati al primo dei tre match titolati di questa puntata di WWE Raw, quello con in palio il titolo intercontinentale di Seth Rollins. Dolph Ziggler è stato rassicurato sulle condizioni precarie del suo avversario da Baron Corbin, ma la realtà è che The Architect dimostra ancora una volta di essere un top wrestler della compagnia con una grande prestazione, conclusa dal suo Stomp che gli vale la vittoria e il mantenimento del titolo.

Ronda Rousey Open Challenge 

Si prosegue con l'Open Challenge di Ronda Rousey, che sale sul ring e prende il microfono. Dopo aver fatto i complimenti ad Alexa Bliss per la sua prestazione a Hell in a Cell 2018, la campionessa dice di voler diventare una leggenda del wrestling WWE come Rick Flair, Bret Hart o Stone Cold Steve Austin. Per questo indice una Open Challenge con in palio il suo titolo.

Suona la musica di Natalya, ma la sua amica arriva solo trascinata dalla Riott Squad. Ruby Riott dice che sarà lei la sfidante e insieme alle due compagne inizia ad aggredire Ronda Rousey. L'ex UFC inizialmente riesce a tenerle a bada, poi però subisce dei colpi sul costato che la mettono in difficoltà. Ci pensa l'arrivo di Brie e Nikki Bella a rimettere le cose a posto e mettere in fuga la Riott Squad.

Ladies and gentlemen, Elias

Dopo aver visto Braun Strowman augurare a Baron Corbin la vittoria nel main event, in quanto dopo (dice letteralmente) "potrà tranquillamente ucciderlo", passiamo sul ring per il consueto concerto di Elias. Come sempre inizia a prendersela con il pubblico di turno, in questo caso di Dallas, e come sempre arriva qualcuno a interromperlo. Stavolta è Lio Rush, sul quale Elias ironizza chiedendogli dove siano i suoi genitori. Lio si presenta e dice che c'è una persona con un conto in sospeso con lui. E suona la musica di Bobby Lashley.

Bobby Lashley vs Elias

Mentre Lio Rush si siede al tavolo di commento e annuncia di essere il manager di Bobby Lashley, quest'ultimo sale sul ring per un match con Elias. Durante l'incontro arriva però Kevin Owens, che vuole prendersela con colui che ha infortunato il suo amico Sami Zayn. Né lui, né Elias riescono a prendere Lio, che dimostra un'agilità incredibile e dà sfoggio di tutte le sue qualità. Il siparietto si conclude con Lashley che lancia Lio addosso ai due avversari.

Mickie James e Alicia Fox vs Ember Moon e Nia Jax

È il momento di un gradito ritorno, quello di Nia Jax, che per l'occasione farà coppia con Ember Moon contro Mickie James e Alicia Fox. L'incontro viene vinto proprio dal team dell'ex campionessa di Raw, che va a chiudere con il suo Samoan Drop su Alicia Fox, dopo un Eclipse di Ember Moon su Mickie James.

Roman Reigns (C) vs Baron Corbin

Siamo arrivato al main event della serata, quello che mette in palio il titolo di Roman Reigns. L'avversario è Baron Corbin, autoproclamatosi tale dopo aver esaminato accuratamente la cartella clinica del campione universale. Il match inizia, ma il Big Dog prende rapidamente il sopravvento e costringe il general manager a colpirlo con una sedia, decretando la fine dell'incontro per squalifica.

Baron Corbin però non demorde e fa ripartire il match, trasformandolo in una stipulazione senza squalifiche. Il Constable prende la sedia, ma Reigns lo colpisce con un Superman Punch.

Arriva però Braun Strowman, che sale sul ring e inizia ad attaccare Roman. Ma la sua veemenza lo porta a esagerare e finire da solo contro il paletto. Arrivano anche Dolph Ziggler e Drew McIntyre in soccorso del loro compagno, ma vengono raggiunti presto da Dean Ambrose e Seth Rollins, pronti ad aiutare Roman Reigns. Lo Shield riesce a fare piazza pulita e l'Universal Champion assesta la sua Spear su Baron Corbin, andandosi a prendere la vittoria e conservando così il suo titolo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.