Calciomercato Juventus, Agnelli: "Vogliamo diventare i numeri uno"

Il presidente bianconero tra i retroscena sull'arrivo di Cristiano Ronaldo e la strategia per il futuro: "Pianificheremo gli ultimi passi necessari per arrivare al top".

730 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il campo e la partita come esiti di una strategia aziendale, portata avanti negli anni e già programmata nei suoi prossimi passi: è la filosofia aziendale della Juventus, raccontata dal presidente bianconero Andrea Agnelli al Financial Times. A fronte di una squadra che da sette anni domina in Italia e cerca di tornare a sollevare quella Champions League assente in bacheca da 23 anni, c'è una dirigenza che lavora per consolidare la propria posizione tra i top club mondiali.

Il punto di partenza considerato dal quotidiano newyorkese è il calciomercato Juventus, arricchito nell'estate 2018 dall'arrivo di una stella del lignaggio di Cristiano Ronaldo. L'acquisto del portoghese cinque volte Pallone d’Oro ha provocato un aumento vertiginoso del merchandising del club, con il rapido esaurimento delle scorte di maglie con il numero 7 sulle spalle, vendute a un valore medio di 154,05 euro l'una. Comprare campioni per raggiungere risultati sportivi e al tempo stesso rafforzare la propria posizione economica: la via scelta dalla proprietà del club ricorda quella perseguita negli scorsi anni da Real Madrid e Paris Saint-Germain.

I livelli di visibilità generati dalla presenza di Cristiano Ronaldo alla voce "arrivi" del calciomercato Juventus 2018/2019 sono difficili da comparare con quelli di altri sportivi: l'asso di Madeira rappresenta 20 marchi e ha più di 300 milioni di followers in rete. Non solo un calciatore capace di segnare 450 reti in 438 partite con la maglia del Real Madrid, ma un vero e proprio brand. L'arrivo di CR7 in bianconero ha rappresentato un tassello prezioso nell'arco di una politica aziendale ben più ampia, spiega Agnelli al Financial Times:

La possibilità di acquistare Cristiano Ronaldo era un modo per crescere dal punto di vista tecnico ed economico. Aveva un enorme significato, dentro e fuori dal campo.

Cristiano Ronaldo, la gioia per la prima rete con la JuventusGetty Images
Calciomercato Juventus, Cristiano Ronaldo colpo dell'estate 2018: due reti al Sassuolo per lui

Calciomercato Juventus, Agnelli spiega l'effetto Ronaldo

Perché il focus del calciomercato Juventus è stato rappresentato da un investimento di oltre 100 milioni di euro per l'acquisto di un calciatore, per quanto stellare, di 33 anni e di altri 31 milioni netti all'anno per quattro stagioni per il suo ingaggio? La risposta fornita dal Financial Times riguarda il campo e i benefits assicurati al marchio bianconero. La fama mondiale di Cristiano Ronaldo "porta il club in una ristretta élite attraverso la la stessa procedura applicata dal Real con Beckham e dal Psg con Neymar". Strategia premiata dagli abbonamenti, sold out in un giorno nonostante un aumento medio dei prezzi pari al 30% rispetto alla stagione 2017/2018 e dalla Borsa, dove il prezzo delle azioni della Juventus è più che raddoppiato, attestando la capitalizzazione di mercato a 1,5 miliardi da luglio. E non finisce qui, spiega il presidente bianconero:

Vogliamo diventare i numeri uno. Pianificheremo, uno dopo l'altro, gli ultimi passi necessari per riuscirci.

Calciomercato Juventus, il presidente Andrea Agnelli con Cristiano Ronaldo alla presentazioneTwitter
Calciomercato Juventus, il presidente Andrea Agnelli con Cristiano Ronaldo all'Allianz Stadium

Il valore della maglia bianconera è pronto a triplicare grazie all'arrivo di Cristiano Ronaldo e le prossime rinegoziazioni dei contratti con Adidas e Jeep lo dimostrano. A tracciare i piani futuri del club è lo stesso Agnelli, che anticipa un altro colpo:

Dobbiamo metterci nelle condizioni di prendere il prossimo Cristiano Ronaldo, ma questa volta di acquistarlo a 25 anni.

I nomi per il prossimo obiettivo di mercato per i bianconeri? Pogba, Kane e Milinkovic-Savic sono profili corrispondenti all'identikit. Intanto ci si affida a Cristiano Ronaldo, il portoghese che compirà 34 anni a febbraio. Se i risultati del campo confermeranno il trend vincente avviato nel 2011, anno della ricostruzione tecnica del club, anche le casse della Juventus ne godranno: le due finali di Champions raggiunte negli ultimi quattro anni, per esempio, hanno permesso al club di incassare per i diritti tv di più rispetto al Manchester United, il club più ricco al mondo per fatturato. Il poker formato da Red Devils, Real Madrid, Barcellona e Bayern Monaco resta però lontano, con incassi medi annui superiori di almeno 150 milioni rispetto ai bianconeri. In attesa dell'effetto CR7.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.