Premier League, l'insolita nottata passata da N'Golo Kanté

Al termine di Chelsea-Cardiff, il mediano dei Blues e della Francia campione del mondo si è ritrovato ad assistere al mitico programma "Match of the Day" in compagnia di alcuni tifosi incontrati in moschea.

581 condivisioni 0 commenti

di

Share

Quello che molti amanti del "calcio di una volta" rimpiangono è l'enorme distanza che è venuta a crearsi tra i moderni eroi del pallone, stelle milionarie e in certi casi vere e proprie aziende, e l'uomo comune, il tifoso, l'appassionato a cui sempre più raramente è concesso di avvicinare il proprio beniamino.

Una storia che sembra riportarci a quello che un tempo lontano fu il football arriva dall'Inghilterra e ha come protagonista il mediano del Chelsea N'Golo Kanté: stella della Premier League, il campionato più ricco e seguito al mondo, il centrocampista francese ha disputato in estate i Mondiali di calcio in Russia, perno dei Bleus che sono poi riusciti a tornare sul tetto del mondo a distanza di vent'anni dalla prima affermazione avvenuta in casa.

Alla conclusione di Chelsea-Cardiff, gara valida per il quinto turno della Premier League e che ha visto gli uomini di Sarri imporsi sugli avversari con un netto 4-1, Kanté aveva in programma di raggiungere la Francia con un treno Eurostar che però non è riuscito a prendere in tempo. A quel punto, da devoto musulmano, si è messo a cercare su Google la moschea più vicina in modo da non dover rinunciare alle proprie preghiere. È così che ha avuto inizio una notte che nei giorni successivi sarebbe diventata un fenomeno virale.

Premier League, l'insolita nottata passata da N'Golo Kanté

Raggiunta la moschea, infatti, Kanté è stato riconosciuto da alcuni presenti e da questi invitato, una volta concluse le preghiere, a unirsi a loro per cena. Invito accettato di buon grado e che si è trasformato, per questi appassionati di calcio, in una notte indimenticabile a contatto con una stella della Premier League che ha ricordato a tutti come i grandi campioni siano, prima di tutto, persone come noi. Davanti a un piatto di riso al curry, bombardato dalle domande dell'improvvisata e incredula compagnia, Kanté ha passato la serata giocando a FIFA e parlando un po' di tutto, il tono amabile e la grande umiltà che sempre lo ha contraddistinto e di cui gli esterrefatti presenti hanno avuto conferma.

Dopo aver guardato insieme il seguitissimo programma sportivo "Match of the Day", il gruppo si è intrattenuto fino a tarda notte, si sono sprecate le foto e gli attestati di stima da parte di chi sui social ha voluto raccontare un incontro incredibile, quasi impossibile con la distanza che si è venuta a creare oggi tra i tifosi e i propri beniamini, che spesso sembrano dimenticarsi da dove sono venuti. Qualcosa che certo non riguarda N'Golo Kanté, il campione dal volto umano.

Lo abbiamo incontrato intorno alle 9 in moschea, era così umile e modesto che ci è sembrato naturale invitarlo a mangiare qualcosa con noi a cena. È arrivato intorno alle 10 ed è rimasto fino alla fine di Match of the Day. Abbiamo passato il tempo parlando soltanto di calcio, e lui ci ha raccontato di come Messi sia su un livello superiore a chiunque altro. Alla fine ha lasciato perdere l'idea di raggiungere la Francia per il weekend, ha chiamato un taxi ed è tornato a casa.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.