Serie A, nuovo stadio della Roma: la situazione

Sono sei anni che i giallorossi stanno cercando di costruire l'impianto di proprietà, dalla scorsa estate però è tutto fermo. E Pallotta ha fissato una deadline.

247 condivisioni 1 commento

di

Share

Sei anni di sogni, di speranze, di progetti, eppure la situazione resta molto complicata. Il 30 dicembre del 2012 Luca Parnasi e James Pallotta, diventato presidente della Roma appena quattro mesi prima, trovavano l'intesa sul nuovo stadio di proprietà del club giallorosso. L'idea dell'imprenditore americano era quella di vendere la società nel giro di pochi anni dopo averne aumentato il valore grazie all'impianto.

Niente più Olimpico, la Roma avrebbe giocato effettivamente a casa sua, nel proprio stadio. In quel momento, nel 2012, sembrava tutto facile, tutti in discesa. A sei anni di distanza, invece, si è capito che costruire un impianto così importante nella Capitale non è cosa semplice. Sono trascorsi 2.083 giorni dal momento dell'accordo e ancora non è stato posato nemmeno il primo mattone.

Si sono susseguiti tre sindaci diversi (di fazioni politiche diverse) e l'iter burocratico non si è concluso. Non sono bastate due delibere dell’assemblea capitolina sulla pubblica utilità e altrettante conferenze di servizi in Regione. Manca infatti ancora la variante al piano regolatore, condizione necessaria perché si possano concedere gli appalti e cominciare i lavori.

Il presidente della Roma PallottaGetty Images
Il presidente della Roma Pallotta

Serie A, la situazione dello stadio della Roma

Dopo una lunga selezione l'area prescelta per la costruzione (quella di Tor di Valle) ha subito una contestazione dopo l'altra: dai residenti agli ambientalisti passando per gli assessori. Prima dell’estate il Consiglio comunale avrebbe dovuto approvare la variante al piano regolatore e il testo della convenzione urbanistica, ma proprio quando sembrava che il dossier Tor di Valle avrebbe visto la luce l’inchiesta Rinascimento (ribattezzata Stadio Capitale) l’ha travolta. Parnasi e i suoi collaboratori sono improvvisamente stati arrestati per associazione a delinquere e corruzione, mentre sono indagati un ex assessore regionale, un consigliere, una decina di soggetti tra politici locali, funzionari, dirigenti ministeriali e intermediari.

La Curva Sud della RomaGetty Images
La Curva Sud della Roma

La Roma, che in questa vicenda è parte lesa, ha chiesto che l'iter ripartisse subito, ma in tutta l'estate non si è mossa una foglia. In Campidoglio c'è grande imbarazzo, non si sa come uscire dall'impasse. Per questo la pazienza di Pallotta sta finendo. Lui che sei anni fa era sicuro che avrebbe venduto la società, con il nuovo stadio, nel giro di poche stagioni. Ora lui e i suoi soci sono disposti a rilevare la parte di Parnasi diventando di fatto i soli titolari del progetto. La nuova deadline concessa al Comune è il 30 dicembre: a sei anni esatti dal giorno in cui sembrava tutto fatto.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.