Prima giornata dei Mondiali di volley: risultati e uomini migliori

Dopo le prime due partite di Italia e Bulgaria, oggi il Mondiale di volley ha preso il via con ben dieci partite. Hanno giocato tutte le grandi favorite con le prove scintillanti di Francia e Russia da sottolineare.

Uno Ngapeth molto concreto ha guidato alla vittoria la Francia contro la Cina Getty Images

67 condivisioni 0 commenti

di

Share

Dopo le due partite di inaugurazione dei Mondiali di volley che si disputano in Italia e Bulgaria, è iniziata oggi la fase a gironi con 10 partite in cui abbiamo visto un po’ tutte le avversarie dei nostri azzurri per la vittoria finale. Nel girone dell’Italia hanno giocato sia la Slovenia, vittoriosa sulla Repubblica Dominicana che il Belgio, vincente sull’Argentina di Julio Velasco.

Sono scesi in campo anche i campioni olimpici del Brasile, che hanno battuto l’Egitto, mettendo in mostra sempre un ottimo Bruno, i campioni europei in carica della Russia, affidatisi a loro volta ai due campionissimi, Mikhaylov e Muserskij, la Francia, in cui ha fatto una partita perfetta l’opposto Boyer, i campioni del mondo in carica della Polonia, con la nuova stella Artur Szalpuk e a fine serata la partita più bella, fra gli USA di tanti atleti che giocano nel nostro campionato e la Serbia, che ne ha altrettanti, in cui ha deluso l’opposto di Perugia Atanasijevic.

Domani altre otto partite, fra cui spicca la partita di Varna fra i fortissimi iraniani e i padroni di casa della Bulgaria, un partitone che potrebbe tranquillamente essere la finale fra Brasile e Francia, a Ruse, e infine a scendere in campo sarà di nuovo l’Italia di Blengini contro il Belgio di Anastasi. Sarà una partita molto difficile contro avversari che ci conoscono e che ci hanno già battuto lo scorso anno ai quarti degli Europei. Noi avremo tanta voglia di vendicare quella dolorosa sconfitta. Ecco i risultati e gli uomini migliori di questa prima giornata dei Mondiali di volley.

Tante partite e campioni già decisivi nella prima giornata dei Mondiali di volley

Ad aprire la giornata una partita senza grande storia, con la Francia, seconda alla World League 2018, decisa fin dall’inizio nel battere una Cina solo volenterosa. Ngapeth non solo è in campo, dopo i problemi fisici che lo hanno accompagnato in questa vigilia dei Mondiali, ma fa anche il suo con 7 punti e ben 3 aces. A fare furore però è il nuovo astro del volley transalpino, l’opposto Stephen Boyer, che il prossimo anno ci gusteremo a Verona, autore di 18 punti, con il 50% in attacco.

Secondo match è stato il derby africano fra Camerun e Tunisia, vinto dai camerunensi, grazie agli ottimi Feughouo (19 punti) e Wounembaina (14 punti). Alla Tunisia non basta Nagga con 21 punti. Gli spettatori del PalaFlorio di Bari si sono goduti anche le stupende danze dei camerunensi dopo la vittoria. Terza partita quella fra Olanda e Canada e prima sorpresa. Un’Olanda che non ci si aspettava così a basso livello perde 3-0 contro un Canada guidato alla perfezione da Blankenau in regia e la vittoria mette una bella ipoteca sul passaggio del turno in un girone difficile.

Nella stessa fascia oraria di Olanda-Canada, ha giocato anche un’altra squadra da tenere d’occhio nel cammino mondiale, l’Iran di Igor Kolakovic. Ha battuto nettamente Porto Rico di Maurice Torres, ottimo opposto che quest’anno giocherà a Padova. Giocherà in Italia, a Siena, anche il palleggiatore dell’Iran, Saeid Marouf, che ha ben servito il suo centrale Mousavi, il quale ha chiuso con 11 punti e l’opposto Ghafour con 10 punti.

Passa poco tempo e scendono in campo altre due squadre, Australia contro Russia. Forse questa è stata la partita più a senso unico della giornata, con i russi dominanti dall’inizio alla fine. Il palleggiatore è Butko e non il titolare Grankin ma cambia poco. A fare la voce grossa sono i due fuoriclasse, l’opposto Maxim Mikhaylov (17 punti, 2 aces), e il centrale Dmitry Muserskij (13 punti). Alla stessa ora una Repubblica Dominicana guidata dalla buona vena di Henry Lopez vince il primo set contro la Slovenia. La squadra di Kovac però si risveglia e vince 3-1 grazie ad una truppa di atleti tutti militanti nel nostro campionato, come Tine Urnaut, nell’ultimo anno a Modena, ma con le valigie però pronte per il Qatar, e Klemen Cebulj, che giocherà invece di nuovo a Milano.

Si va verso la sera e scendono in campo le grandi squadre. Brasile-Egitto non aveva sulla carta e non ha avuto storia. Troppo forti i campioni olimpici per l’Egitto che però si è difeso come meglio ha potuto. Bruno ha mosso bene la palla, riuscendo a calibrare gli attacchi con grande equilibrio. Per questo motivo sono venuti fuori lo stesso numero di punti per l’opposto Wallace e lo schiacciatore Douglas Souza, 12 punti, mentre in battuta con 3 aces ha giocato molto bene il centrale Isac. Nella prima sfida importante di questa prima giornata poi, la Polonia, campione del mondo in carica ha battuto 3-1 Cuba, troppo giovane ed inesperta per poter impensierire i polacchi. La Polonia si è fin da subito affidata al suo nuovo gioiello, Artur Szalpuk, che ha messo a terra 20 punti, mentre una grande prova ha fatto anche Bartosz Kurek, con 17 punti, 5 muri e il 50% in attacco.

Ultime due partite della giornata: Belgio-Argentina in cui la squadra nordeuropea, allenata da Anastasi, ha dimostrato di nuovo quanto di buono aveva fatto vedere agli Europei un anno fa. I belgi hanno vinto 3-1 solo perché nel terzo set hanno perso concentrazione. Un Sam Deroo da 21 punti ha dettato legge mentre un po’ troppo cervellotiche le scelte in regia di Velasco che continuava a passare da De Cecco a Cavanna, senza dare continuità alla distribuzione dei palloni.

Infine la partita che doveva essere la più bella e così è stato. USA-Serbia è stato un mix di grande tecnica pallavolistica e ferocia atletica, vinta alla fine dagli americani. Eppure la Serbia è stata avanti sia 1-0 che 2-1, ma un grande Russel, autore di 19 punti, li ha sempre ricacciati indietro. Insieme allo schiacciatore passato da Perugia a Trento in questo mercato, anche Matthew Anderson ha giocato alla grande mettendo giù 19 punti, così come Taylor Sander, che dalla Lube è passato ai brasiliani del Sada, che ha chiuso con 16 punti. Per la Serbia non è stato eccezionale Aleksandar Atanasijevic, che he messo giù solo 14 punti, mentre a tenere la squadra nel match almeno fino al tie-break ci ha pensato Uros Kovacevic, anche lui di Trento.

Domani torna l’Italia e si riaccendono i Mondiali di volley dopo la grande cornice di pubblico del Foro Italico nella prima partita contro il Giappone.

Risultati prima giornata dei Mondiali di volley

GIRONE A

Repubblica Dominica a- Slovenia 1-3 (25-22, 13-25, 13-25, 17-25)

Belgio-Argentina 3-1 (25-19, 25-19, 22-25, 25-19)


GIRONE B

Francia-Cina 3-0 (25-20, 25-21, 25-17)

Olanda- Canada 0-3 (15-25, 23-25, 18-25)

Brasile-Egitto 3-0 (25-17, 25-22, 25-20)

 

GIRONE C

Camerun-Tunisia 3-0 (25-20, 28-26, 25-21)

Australia-Russia 3-0 (21-25, 20-25, 16-25)

USA-Serbia 3-2 (15-25, 25-14, 21-25, 25-20, 15-10)

 

GIRONE D

Iran-Porto Rico 3-0 (25-19, 25-14, 25-18)

Cuba-Polonia 1-3 (18-25, 19-25, 25-21, 14-25)

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.