UFC, Fabricio Werdum sospeso due anni: fallito un test anti-doping

L'ex campione dei pesi massimi UFC Fabricio Werdum è stato sospeso da USADA per aver fallito un test anti-doping. A quanto pare, Werdum è risultato positivo al trenbolone, uno steroide anabolizzante.

UFC, Werdum MMA Junkie

18 condivisioni 0 commenti

di

Share

Carriera finita per l'ex campione dei pesi massimi UFC Fabricio Werdum? Il brasiliano è stato trovato positivo ad uno steroide anabolizzante, il trenbolone. Werdum, 41 anni, rischia di vedere sfumare gli ultimi possibili match in carriera a causa di questo passo falso. Il campione d'urina incriminato risale al 25 aprile, a seguito di un test out-of-competition che ha preceduto il suo match di UFC Moscow contro Aleksei Oleinik.

Werdum è stato subito rimosso da UFC a causa del test fallito e rimpiazzato da Mark Hunt, che combatterà appunto contro Oleinik questo week-end. Werdum è largamente considerato come uno dei migliori pesi massimi della sua epoca: il suo periodo migliore è durato tre anni, dal 2012 al 2015, un periodo che ha visto il brasiliano collezionare sei vittorie consecutive ed unificare il titolo contro Cain Velasquez.

Werdum sconfisse Mark Hunt, Minotauro Nogueira, Travis Browne e Roy Nelson. È noto al grande pubblico per uno dei più grandi upset nella storia delle MMA, quando privò della virtuale imbattibilità Fedor Emelianenko in 69 secondi a Strikeforce nel 2010 grazie ad una triangle choke. La sospensione di Werdum è retroattiva e dunque partirà dal 22 maggio. Werdum potrà tornare nel maggio 2020, quando avrà 43 anni.

UFC, Werdum sospeso due anni da USADA

Probabilmente il peggior modo per terminare la carriera per un fighter delle dimensioni di "Vai Cavalo". Considerato uno dei migliori submission fighter ad aver calcato il pavimento della gabbia ottagonale e dei ring, Werdum aveva sicuramente superato il suo periodo più florido. 
La sua ultima sconfitta, risalente al 17 marzo a UFC London opposto ad Alexander Volkov, aveva palesato il calo netto dell'ex campione il cui canto del cigno era stato offerto probabilmente nel sopracitato match contro Cain Velasquez. Con tutta probabilità non rivedremo più il brasiliano in gabbia, se non per un match d'addio. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.