ECA a Spalato, Agnelli: "Via libera alla terza competizione europea"

In attesa del parere della Uefa, il presidente della Juventus e dell'Associazione dei Club Europei annuncia il parere positivo all'introduzione di una nuovo torneo.

622 condivisioni 0 commenti

di

Share

Se n'era parlato già da qualche tempo, ora sono arrivate anche le dichiarazioni ufficiali da parte del presidente dell'ECA (l'Associazione del Club Europei), cioè Andrea Agnelli. Il patron della Juventus ha infatti presieduto l'inizio della riunione e ha confermato la volontà di apportare delle innovazioni al calcio europeo.

Tra queste la re-introduzione di una terza competizione europea (come accadeva fino al 1999 quando esisteva ancora la Coppa delle Coppe), come annunciato proprio dallo stesso Agnelli

In attesa dell'approvazione da parte dell'UEFA, da parte nostra c'è l'ok al rinnovo delle competizioni e all'introduzione di una terza competizione europea a partire dalla stagione 2021/2022, che porterebbe il numero totale delle squadre impegnate a 96.

Via libera dunque a questa innovazione (che in linea teorica porterebbe e tre coppe da 32 partecipanti ciascuna), anche se tutto è ancora in fase embrionale e dovranno essere stabiliti i criteri di posizionamento e di importanza rispetto alle altre competizioni.

Agnelli, l'Eca apre a terza competizione europea

Nel corso di queste 21esima assemblea generale dell'ECA, però, il primo passo è stato fatto e adesso toccherà al presidente Uefa Ceferin (che non è affatto contrario all'idea) portare avanti il progetto.

Sempre nel corso della riunione, Agnelli ha toccato anche altri temi, come l'utilizzo del Var, la possibilità di omologare le date di apertura e chiusura del calciomercato tra tutti i principali campionati europei e, soprattutto, la riorganizzazione del calendario europeo:

È necessaria una valutazione dettagliata dell'attuale calendario internazionale prima di presentare un nuovo modello da utilizzare dopo il 2024. Quello di oggi ha assoluta bisogno di una modernizzazione.

Tante idee, insomma, nel corso di questa seconda giornata di lavoro della riunione dell'ECA, cui hanno partecipato gran parte dei grandi club europei. La volontà è quella di migliorare la struttura del calcio continentale e fornire all'Uefa la massima disponibilità per ottenere un risultato che vada bene a tutte le parti in causa.

L'ECA lavora per rinnovare il calcio europeoGetty Images
La riunione dell'ECA per rinnovare il calcio europeo

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.