Nike provoca Trump: l'ex stella della NFL Kaepernick nuovo testimonial

L'ex quarterback dei San Francisco 49ers è stato scelto per la nuova campagna del noto marchio americano per il trentennale del proprio claim, Just do it.

Colin Kaepernick protesta durante l'inno americano prima di una partita di Nfl Getty Images

91 condivisioni 0 commenti

di

Share

Una pubblicità dura, forte e che ha scatenato il popolo social. D'altronde fare marketing in modo giusto e mirato significa anche dar voce alle proprie idee. La Nike provoca il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Una pubblicità che fa discutere, ma che trova anche tanto appoggio e pareri positivi. Il colosso di abbigliamento sportivo americano ha infatti deciso di affidare al volto dell'ex giocatore della NFLColin Kaepernick, la campagna per il trentennale del suo claim più famnoso, Just do It.

Per chi non lo sapesse Colin Kaepernick è stato il primo giocatore americano a protestare contro le violenze della polizia sulle persone di colore. Nessun atto violento o frase colorita, no Kaepernick nell'agosto del 2016 decise di inginocchiarsi durante l'inno americano prima di una gara di NFL. Una scelta che trovò parecchi consensi, ma anche tante critiche, e che fu poi ricopiata da altri giocatori sia di football che di altri sport americani. Questo atteggiamento però fece indispettire molto il tycoon americano che su Twitter pretese che tutte le squadre di NFL licenziassero i giocatori che si fossero inginocchiati durante l'inno nazionale.

La scelta di Nike è dunque indirizzata a difendere e supportare tutte quelle persone che si ribellano ad atti razzisti, xenofobi oa qualsiasi tipo di discriminazione. La pubblicità infatti, oltre al primo piano del giocatore, è accompagnata da una scritta molto significativa che recita:

Credi in qualcosa anche se significa sacrificare tutto quanto

Nike provoca Trump: l'ex stella della NFL Kaepernick è il nuovo testimonial

La pubblicità è comparsa sui giornali americani oggi ed è subito stata condivisa da tantissime persone sui social. Una presa di posizione, netta e dura che probabilmente troverà presto la risposta di Donald Trump. Eh sì perché al di là della pubblicità in sé è il protagonista scelto per lanciare la campagna per il trentennale del claim Just do It che sicuramente non è banale. Colin Kaepernick è l'ex quarterback dei San Francisco 49ers che ha dato il via alla simbolica protesta di inginocchiarsi durante l’inno nazionale prima dell’inizio delle partite di NFL. Questa presa di posizione contro l’oppressione dei neri e delle altre minoranze etniche negli Stati Uniti suscitò la rabbia di Trump che insultò pubblicamente sia lui che tutti gli altri giocatori che decisero in seguito di imitarne il gesto. A Kaepernick è costata non poco la sua protesta dato che al termine della scadenza del suo contratto nessuna squadra di NFL gli ha più rinnovato il contratto e al momento è in causa con la lega stessa che ha accusato di averlo boicottato.

Nonostante questo lui non si è dato per vinto, ma anzi ha continuato a portare in giro le sue idee facendo leva sul suo status di ex stella del football. Una scelta, dunque, quella di Nike che fa parlare il brand e che la espone a molti rischi dato che il noto marchio è il primo fornitore della NFL e soprattutto rischia anche attacchi da parte di Trump. Il Presidente, come detto, criticò l'atteggiamento degli atleti di inginocchiarsi e a sollevare il pugno durante l'inno americano perché era un atto antipatriottico, un insulto ai militari che hanno prestato servizio e sono morti sotto la bandiera americana. Insomma, la pubblicità è forte e sicuramente scatenerà polemiche, ma di certo ha lanciato un messaggio chiaro: credere in un'ideale e mettersi in gioco per difenderlo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.