Serie A, Fiorentina a punteggio pieno: Chiesa e Benassi i pilastri

Il gruppo di Pioli a quota 6 punti dopo 2 partite: media età più bassa, zoccolo duro azzurro e una stella polare di nome Davide Astori alla guida.

916 condivisioni 0 commenti

di

Share

A punteggio pieno dopo due turni disputati, come non accadeva dalla stagione 2013/2014 con Vincenzo Montella in panchina. Un'età media più bassa rispetto al passato, con tante scommesse da valorizzare e più di qualche certezza a comporre un importante patrimonio. La spinta di 21mila abbonati sugli spalti del Franchi. Il ricordo di Davide Astori impresso nel cuore. Alla base dell'avvio sprint della Fiorentina nella Serie A 2018/2019 ci sono una serie di componenti. Distinte ma complementari. Anche così si spiegano il 6-1 al Chievo Verona e l'1-0 sull'Udinese, vittorie ottenute entrambe davanti al tifo di casa dopo il rinvio del primo turno programmato sul campo della Sampdoria per il crollo del ponte Morandi a Genova.

Pazienza, lucidità, voglia di non mollare e un bomber che non ti aspetti. Così la squadra di Stefano Pioli ha domato l'Udinese, nonostante l'ottima organizzazione tattica data ai suoi dall'allenatore bianconero Julio Velázquez: la sensazione è che i viola stiano proseguendo la crescita dimostrata già nella seconda parte della scorsa stagione, quando una lunga rincorsa a un piazzamento in Europa League durata per tutto il girone di ritorno si interruppe solo negli ultimi 180 minuti.

L'estate ha portato la famiglia Della Valle a evitare le rivoluzioni dell'ultimo triennio, quando in panchina si sono alternati in tre: prima Montella in fase calante, poi Paulo Sousa e infine Pioli. I piazzamenti al di sotto delle abitudini forgiate negli anni '90 - un quinto posto e due ottavi posti - hanno comportato un'inversione a U: più giovani, meno nomi di grido e il trasferimento di un concetto fondamentale, la pazienza. Non a caso, tra i titolari della Fiorentina 2018/2019 trovano posto ben 8/11 della scorsa stagione: i volti nuovi sono quelli di Lafont, Edimilson Fernandes e Pjaca. Tutti Under 25, tutti affamati. I primi passi lo dimostrano.

Serie A, la Fiorentina vola: spina dorsale "azzurra", Mancini osservatore attento

Da Udine all'Udinese: a circa sei mesi da quel drammatico 4 marzo che ha portato via per sempre Davide Astori, il gruppo viola oggi ha le sembianze di una piccola famiglia. Un gruppo nel quale in tanti assumono i panni del leader e la virtuale fascia di capitano che sarà per sempre proprietà del numero 13 che a Firenze si era fatto volere bene da tutti. I volti dei trascinatori della Fiorentina 2018/2019 sono giovani e azzurri: da Federico Chiesa, 21 anni da compiere a ottobre e già 74 presenze con il club, a Marco Benassi, il goleador inatteso. La rete all'Udinese ha suggellato la convocazione in Nazionale, gioia condivisa con il compagno di squadra Cristiano Biraghi: approdato in Toscana dopo la retrocessione con il Pescara, il laterale mancino sta trovando la sua giusta dimensione sotto la guida di Pioli.

Gli occhi attenti del commissario tecnico Roberto Mancini, presente in tribuna al Franchi contro l'Udinese, hanno immortalato tutto: appunti preziosi da trasferire in un gruppo azzurro chiamato a rifondarsi. Un po' come la Fiorentina. Che in rosa accoglie ben 15 nazionalità e alcuni piccoli gruppetti all'insegna della coesione: dall'eleganza dei francesi Lafont, Veretout, Eysseric e Thereau, alla garra argentina di Simeone e Pezzella fino alla tecnica brasiliana di Gerson e Vitor Hugo, passando per la fame slava di Milenkovic e Pjaca. Ora c'è la sosta, poi alla ripresa sarà sfida al Napoli: per non perdere contatto con la vetta e non smettere di essere un'isola felice, che con il gioco e il pallone sta dimenticando il momento più buio. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.