Uefa, Ceferin allontana la SuperLega: "Un torneo del genere è noioso"

Il numero 1 del calcio europeo: "Un torneo soltanto tra top club non ci sarà mai: non farebbe sviluppare il sistema". Apertura per la Nations Cup, decisione a dicembre.

267 condivisioni 0 commenti

di

Share

Non solo l'assenza di Cristiano Ronaldo al Grimaldi Forum di Montecarlo in occasione dei sorteggi di Champions League e della contestuale assegnazione dei premi riservati ai calciatori per l'edizione 2017/2018 della più importante competizione europea per club. Aleksander Ceferin, numero 1 dell'Uefa, si è soffermato ai microfoni de La Gazzetta dello Sport sui temi più urgenti del calcio continentale: dalla SuperLega al VAR, passando per la Champions che verrà.

Una delle precisazioni più attese fornite da Ceferin ha riguardato la SuperLega: il progetto proposto dall'industriale americano Stephen Ross, proprietario dei Miami Dolphins di NFL e già ideatore della International Champions Cup, vorrebbe sostituire l'attuale format della Champions League con un torneo di 24 squadre provenienti dai cinque principali campionati europei.

Un'idea ventilata sottotraccia, quella di Ross, rimasta al piano delle ipotesi. Alla SuperLega avrebbero aderito alcuni club, ma per Ceferin il progetto resterà tale, soprattutto per l'assenza di elementi di novità che presenta tra le righe: sarebbero coinvolte sempre le stesse società, senza retrocessioni e promozioni. Bocciatura secca, quella del presidente Uefa:

Un torneo soltanto tra top club non ci sarà mai: sarebbe noioso e non farebbe sviluppare il calcio. I grandi club vorrebbero giocare soltanto tra loro, mentre i piccoli sognano di qualificarsi e sfidarli.

Aleksander Ceferin, presidente Uefa, premia Luka Modric a MontecarloGetty Images
Ceferin, presidente Uefa, premia il centrocampista del Real Madrid Luka Modric a Montecarlo

Uefa, Ceferin a tutto campo: no alla SuperLega, VAR in Champions nel 2019

La Champions League resterà uno dei pilastri del calcio continentale: questa la certezza di Ceferin, anche al cospetto delle garanzie offerte da Ross, organizzatore in passato di "El Clasico Miami", prima sfida estiva tra Real Madrid e Barcellona disputata al di fuori dai confini spagnoli. Nella principale coppa europea ci sarà anche l'introduzione della moviola elettronica. Il presidente Uefa ha dato risposte anche sui tempi di introduzione della tecnologia VAR in Champions:

Presto o tardi sarà nella Champions, per me ci sono alcune cose non completamente chiare. Quando saremo pronti, la inseriremo. L’idea è partire dall’inizio dell'annata 2019-20 nella Supercoppa europea di Istanbul, e poi dai playoff di Champions.

La decisione definitiva sul VAR arriverà il 27 settembre dall’Esecutivo Uefa, con alcuni nodi da sciogliere: su tutti, la presenza di tre o cinque arbitri in campo e l’impossibilità di avere un sistema centralizzato sui campi. Il Board discuterà anche la sede di Euro 2024, con Germania e Turchia in lizza per ospitare la competizione. Prospettiva plausibile ma non vicina per Ceferin è invece quella offerta dalla Nations Cup, terzo torneo continentale che potrebbe allargare il numero di coppe sotto l'egida Uefa: vi prenderebbero parte 32 squadre, con accesso stabilito dal ranking nazionale:

La decisione arriverà entro dicembre per partire dalla stagione 2021/22. L'equilibrio competitivo dei tornei sarà una delle grandi sfide.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.