Juventus, Allegri: "Cristiano Ronaldo arrabbiato, meglio per noi"

L'allenatore bianconero alla vigilia della trasferta di Parma torna sull'assenza del portoghese a Montecarlo: "È stata una scelta personale e come tale va rispettata".

902 condivisioni 0 commenti

di

Share

Un centravanti a secco di reti e affamato, una notevole abbondanza di scelte e una consapevolezza: la vittoria dei campionati passa da questo tipo di partite. Definizione che include tutte le trasferte sul campo delle piccole, ammonizione firmata Massimiliano Allegri. Succede alla vigilia della sfida che vedrà la Juventus ospite del Parma: memore dell'esordio in campionato contro il Chievo Verona, che ha visto Chiellini e compagni vittoriosi solo nel recupero, l'allenatore bianconero ha suonato la carica in conferenza stampa.

Se vincere è difficile, ripetersi è ancor più complicato. Soprattutto se sei chiamato a farlo entro i confini nazionali per l'ottavo anno di fila, come da compiti affidati alla Juventus e a Massimiliano Allegri. Negli scorsi anni i bianconeri hanno fatto meglio delle dirette avversarie soprattutto grazie alla capacità di non perdere colpi contro le squadre sulla carta più abbordabili, dote che l'allenatore vuole mantenere inalterata anche nella stagione 2018/2019.

Impossibile non concentrare buona parte delle attenzioni su Cristiano Ronaldo: il numero 7 cerca la prima rete con la maglia della Juventus in partite ufficiali e ha fatto discutere per la sua assenza alla cerimonia di premiazione del Player of the Year giovedì sera a Montecarlo. Casualità o gesto di rabbia per il mancato riconoscimento come miglior giocatore della Champions League 2017/2018, assegnato all'ex compagno di squadra Luka Modric? Allegri ha fugato ogni dubbio:

La scelta di Cristiano è stata una scelta personale e come tale va rispettata. Ieri era arrabbiato, io posso dire solo che l'anno scorso è stato capocannoniere in Champions, quindi ha fatto una grandissima annata.

Juventus, Allegri sulla rabbia di Cristiano Ronaldo: "Sarà un vantaggio per noi"

Trasformare la rabbia accumulata in settimana in furore agonistico: la missione che Allegri affida a Cristiano Ronaldo è questa. L'asso portoghese dovrà rispondere sul campo anche alle dichiarazioni rilasciate alla Gazzetta dello Sport dal presidente dell'UEFA Aleksander Ceferin per la sua assenza a Montecarlo ("Ci aspettavamo che venisse, poi, un paio d’ore prima, la Juve ci ha comunicato la novità): intanto i tifosi e la società aspettano da lui la prima rete in Italia, a partire dalla trasferta di Parma. CR7, ha spiegato il suo allenatore, sarà della partita dal primo minuto:

Cristiano sta bene e si allena bene. Lui e Mandzukic giocheranno sicuramente. Per gli altri dovrò decidere dopo. 

Sostegno a Cristiano Ronaldo, ferrea difesa di Sami Khedira. Il centrocampista tedesco, alla quarta stagione con la Juventus, è spesso oggetto di critiche da parte degli addetti ai lavori. Per Allegri il numero 6 incarna invece lo spirito vincente che serve alla squadra: contro il Parma è in ballottaggio con Emre Can, mentre l'altro dubbio di formazione è tra Cuadrado e Cancelo in difesa a destra:

Non si può criticare un giocatore come Khedira. Ha giocato con tutti gli allenatori che ha avuto, è stato campione del mondo. Emre Can? Sta bene, più che adattarsi ai carichi di lavoro deve adattarsi al nuovo campionato. Domani ho solo un dubbio in difesa, a destra, tra Cuadrado e Cancelo. Gli altri restano gli stessi. 

Sulla loro strada Dybala e soci troveranno una squadra che ha completato nella scorsa estate la rincorsa alla Serie A persa tre anni prima con la ripartenza dal dilettantismo. Per il Parma, dopo il pareggio interno con l'Udinese e la sconfitta sul campo della SPAL, si tratterà del primo big match dopo una lunga attesa. Allegri si è dimostrato consapevole delle insidie rappresentate da un incrocio del genere:

Abbiamo una partita importante da vincere su un campo in cui storicamente la Juve fa fatica. Bisognerà essere tosti: da questi campi bisogna uscire con i 3 punti, da questi campi si vincono i campionati.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.