Tennis, Federer all'attacco: "La Coppa Davis non diventi Coppa Piqué"

Il numero 2 del ranking ATP ha ammonito il difensore del Barcellona sulla proposta di restyling del principale torneo tennistico per squadre nazionali.

408 condivisioni 0 commenti

di

Share

Gerard Piqué fa parlare sempre di sé anche quando non indossa la maglietta del Barcellona e della Spagna. Il difensore blaugrana è infatti a capo del gruppo Kosmos, a capo del pool di sponsor che si sono fatti promotori del nuovo abito della Coppa Davis, il più celebre torneo tennistico per nazionali: il format è stato approvato dall'International Tennis Federation e partirà dal prossimo anno.

L'intento principale del gruppo di sponsor è quello di modernizzare il torneo, mantenendo però inalterati alcuni punti chiave: tra questi, il numero dei partecipanti, la possibilità di giocare in casa o fuori e la presenza di un turno eliminatorio da disputare a febbraio per l'accesso al tabellone principale. Alcuni cambiamenti sono però in cantiere, stando a quanto spiegato dallo stesso Piqué ai microfoni di El Pais: si giocherà al meglio dei 3 set invece che al meglio dei 5 e un'unica superficie di gioco, per diminuire le possibilità di infortuni per i tennisti.

Modifiche che l'assemblea generale dell'Itf ha approvato a Orlando, fissando una data di partenza ben circostanziata: la Coppa Davis cambierà veste a partire dal 2019, con Madrid e Lilla principali candidate per ospitare le prossime finali. Un restyling in piena regola per la massima competizione mondiale a squadre del tennis maschile, viva da 118 anni, che non ha però incontrato il pieno favore del numero 2 del ranking mondiale ATP, Roger Federer. Interpellato sul tema ai margini della conferenza stampa post-esordio agli US Open:

Per noi tennisti è molto strano ritrovarsi un calciatore nel nostro mondo. Piqué deve stare attento a quello che dice, affinché la Coppa Davis non diventi la Coppa Piqué

Gerard Piqué nella conferenza stampa di presentazione della rinnovata DavisGetty Images
Gerard Piqué nella conferenza di presentazione della rinnovata Coppa Davis

Nuova Coppa Davis, Federer contro Piqué: "Bisogna stare attenti con le innovazioni"

Nonostante Piqué avesse ribadito di voler mantenere l'unicità del tennis con le sue caratteristiche e la sua storia, più di qualcuno nel mondo della racchetta ha storto il naso di fronte alla rivoluzione in arrivo nella Coppa Davis. A sostenere la Kosmos nel progetto di lifting dell'evento ci sono partner importanti come il colosso giapponese dell'e-commerce Rakuten, che sponsorizza proprio il Barcellona, e Larry Ellison, patron di Oracle e ai vertici del Masters 1000 di Indian Wells. La Davis diventerà un torneo della durata di una settimana da disputare in un'unica sede, a fronte della vecchia veste che vedeva la Coppa spalmata su un intero anno e con più sedi di gioco. Secondo King Roger, però, occorre la massima prudenza:

Sono per le innovazioni, il nostro sport deve pensare un po’ fuori dagli schemi per rinnovarsi. Ma è un po’ come nel gioco da tavola Jenga, devi stare attento a non rimuovere la stanza che farà crollare l’intero edificio

La competizione tennistica più antica del mondo si prepara a cambiare forma e potrebbe essere seguita a breve dalla Fed Cup femminile: la partnership stilata da Itf e gruppo Kosmos avrà la durata di 25 anni, per un volume di affari complessivo pari a 3 miliardi di dollari. In attesa di vedere sul campo le effettive variazioni al formato della Coppa Davis, la polemica a distanza tra Federer e Piqué resta un ghiotto antipasto.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.