IAAF Diamond League: Morgunov vince il salto con l’asta alla stazione di Zurigo

Zurigo ha vissuto il tradizionale prologo alla stazione ferroviaria dove è andata in scena la gara di salto con l’asta maschile in un’atmosfera coinvolgente.

Morgunov Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il giovane russo Timur Morgunov ha conquistato il successo nella gara di salto con l’asta alla Stazione Ferroviaria di Zurigo superando la misura di 5.91m al terzo tentativo davanti ad un pubblico numeroso ed entusiasta.  Il vice campione europeo ha superato di recente la magica barriera dei 6 metri in occasione della medaglia d’argento agli Europei di Berlino.

Shawn Barber ha saltato 5.81m e 5.86m al primo tentativo prima di commettere tre errori a 5.91m. Il canadese vinse la prima edizione della gara di salto con l’asta disputata alla stazione di Zurigo nel 2015 con 5.92m pochi giorni dopo il trionfo iridato a Pechino nel 2015.

Il vincitore dei Giochi del Commonwealth di Gold Coast 2018 Kurtis Marshall si è classificato al terzo posto superando il record personale con 5.86m al secondo tentativo. Il polacco Pawel Wojchechowski (campione del mondo a Daegu 2011) ha concluso la prova al quarto posto con un salto riuscito a 5.81m al primo tentativo precedendo Renaud Lavillenie e Piotr Lisek a pari misura ma con un numero minore di errori.

Renaud Lavillenie:

La stagione è stata molto lunga e mi è costata molte energie. Oggi mi sono mancate le energie necessarie, ma la prossima volta voglio tornare a gareggiare alla Stazione

Il campione del mondo Sam Kendricks si è dovuto accontentare del settimo posto con 5.71m a pari merito con il greco Kostas Filippidis.

Il trofeo dei diamanti del salto con l’asta maschile verrà assegnato Venerdì sera a Bruxelles.

Sam Kendricks:

Sono rimasto impressionato dall’atmosfera. Spero che a Bruxelles la gara vada meglio

Durante la giornata di vigilia del Weltklasse di Zurigo si sono svolte le tradizionali conferenze stampa nella sala del Ristorante Oval con vista sulla pista dello Stadio Letzigrund.

L’ex primatista mondiale e attuale detentore del record europeo dei 110 ostacoli Colin Jackson ha fatto da presentatore d’eccezione alla conferenza stampa con gli organizzatori del Weltlasse Andreas Heidinger e Christoph Joho e con i campioni della prima delle due finali della Diamond League. Il grande campione gallese, ora commentatore di atletica per la BBC, diede vita ad un memorabile duello sulla pista del Letzigrund nell’edizione del 1989 con lo statunitense Roger Kingdom, che nell’occasione realizzò il record mondiale con 12”92.

Colin Jackson:

Il mio primo ricordo del Weltklasse risale al 1981 quando Renaldo Nehemiah battè il record del mondo. Ero ancora un ragazzino

Jackson ha chiesto ai co-organizzatori del Weltklasse Hedinger e Joho un loro ricordo personale legato al meeting di Zurigo.

Christoph Joho:

Nel 1987 fui spettatore per la prima volta del Weltklasse. Allora avevo 12 anni e quel giorno iniziò la mia passione per questo meeting. Ricordo ancora i 5000 metri con Henry Rono e Markus Ryffel, che quella sera batté il record svizzero. Per anni ho avuto un poster di questi due campioni appeso alla parete della mia camera da letto. Da allora sono venuto a vedere il Weltklasse ogni anno. Per anni sono stato volontario ma non mi sarei mai immaginato di diventare meeting director. Abbiamo raggiunto l’obiettivo di avere lo stadio esaurito. Un aspetto che ci rende orgogliosi è di avere portato al Letzigrund tante famiglie e molti bambini. Ne avremo circa 4000 domani. Nello stadio ci sono cinque blocchi riservati alle famiglie. Il nostro pubblico è composto in gran parte da un pubblico di appassionati fedeli che tornano ogni anno. I nostri fans sono sempre venuti anche quando non c’era Bolt e non venivano battuti record del mondo

Andreas Heidinger:

Sono cresciuto nel cantone di Berna e ho sempre visto il Weltklasse in televisione fin da quando ero bambino. Nella memoria è rimasto il ricordo delle sfide tra Alberto Juantorena e Mike Boit. Siamo orgogliosi di aver allestito tanti grandi duelli come i 200 metri con Noah Lyles e Ramil Gulyev, i 1500 metri con Elijah Manangoi e Timothy Cheruiyot, i 400 ostacoli con Lea Sprunger e Dalilah Muhammad. La gara alla stazione di Zurigo è diventata sempre più seguita. Abbiamo incominciato con il getto del peso e da quattro anni organizziamo la gara del salto con l’asta. Ci dispiace che Mondo Duplantis non abbia potuto venire per impegni di studio negli Stati Uniti. La concomitanza con gli Asian Games non ha permesso a Abderrahmane Samba di venire a Zurigo

Uno dei momenti clou del Weltklasse di Zurigo 2018 è la sfida tra la tre volte campionessa europea di Berlino 2018 Dina Asher Smith e la medaglia d’oro dei Campionati africani Marie Josée Ta Lou sui 100 metri femminili che vedranno al via anche Dafne Schippers, Marie Josée Ta Lou e Mujinga Kambundji, la prima sprinter svizzera in grado di scendere al di sotto degli 11 secondi con 10”95.

Dina Asher Smith:

E’ stata una stagione fantastica ma molto lunga perché iniziato con le indoor e i Giochi del Commonwealth in Aprile. E’ la prima volta nella mia carriera che mi sono potuta concentrare assiduamente sulla Diamond League essendo stata impegnata fino all’anno scorso con gli studi universitari. Spero di concludere al meglio la stagione. Nella Diamond League conta molto la condizione di forma del giorno e questo rende così speciale il circuito. Non vedo l’ora di potermi rilassare a casa a fine stagione e di dormire finalmente nel mio letto

Mujinga Kambundji:

Ho avuto una stagione meravigliosa. Ho viaggiato tanto gareggiando in tutto il mondo e ho corso in tanti meeting svizzeri. Mi stimola molto correre davanti al pubblico di casa. Ho un grande ricordo degli Europei disputati in casa

Dafne Schippers:

Ho dimostrato che anche gli atleti dei piccoli paesi come l’Olanda possono competere ai massimi livelli. Dopo la Continental Cup trascorrerò un periodo di vacanza in Sri Lanka

Marie Josée Ta Lou:

La stagione è andata molto meglio di quanto mi aspettassi. Non rappresento solo il mio paese ma gareggio portando in alto l’orgoglio dell’intero continente africano. Lo scorso anno mi ero ripromessa di voler tornare a gareggiare qui per l’atmosfera speciale. A fine stagione andrò in vacanza in Vietnam

Lo sprint maschile metterà di fronte Noah Lyles e Ramil Gulyev in una gara che promette scintille. Dop 39 anni il record dei 200 metri di Pietro Mennea potrebbe vacillare sotto i colpi di Gulyev, campione europeo a Berlino in 19”76.

Noah Lyles:

“o visto gli Europei in streaming. Ho rispetto per i risultati che hanno ottenuto gli atleti europei a Berlino. Ramil Gulyev è forte ma mi piacciono le sfide. Mi sono entusiasmato durante l’incontro con i bambini durante il kids clinic. Nel corso della stagione estiva ho fatto base ad Amsterdam per allenarmi e raggiungere facilmente le sedi dei meeting. E’ più difficile vincere le gare che realizzare grandi tempi. L’obiettivo è battere il record statunitense. Non so se in futuro mi concentrerò di più sui 100 o sui 200 metri. Conosco i tempi che faceva Usain Bolt e voglio provare a batterli!

Grande protagonista dei 200 metri sarà anche il velocista svizzero di padre giamaicano Alex Wilson, che a Berlino ha vinto la medaglia di bronzo migliorando il record nazionale con 20”04.

Alex Wilson:

E ‘stata una finale fantastica. Lo dimostra il fatto che con 20”05 non si è andati sul podio. Per me è stata una stagione straordinaria. Sono orgoglioso della medaglia, anche se forse avrei potuto vincere anche l’argento. Ho lavorato sulla velocità con il mio nuovo allenatore e ho perso peso. Domani il pubblico mi spingerà. Chissà che non possa scendere sotto i 20 secondi. Zurigo ha una pista veloce. L’atmosfera è sempre speciale

C’è grande attesa anche per il lancio del giavellotto dove Thomas Rohler e Andreas Hofmann daranno vita alla rivincita degli ultimi Europei di Berlino.

Thomas Rohler:

Gli Europei di Berlino sono andati molto bene per me, non solo per la mia vittoria, ma anche perché abbiamo saputo creare una grande atmosfera. Sono stati Europei perfetti. Abbiamo dimostrato ancora il grande livello del giavellotto tedesco. Abbiamo saputo trasmettere le nostre conoscenze e stiamo motivando i nostri giovani a praticare il nostro sport. Durante il kids clinic ho cercato di spiegare ai bambini la tecnica affinché eseguissero correttamente il gesto tecnico. A Zurigo e a Berlino non sempre ci sono condizioni di vento favorevoli per il giavellotto, ma l’atmosfera di questo stadio è sempre magica

Ekaterini Stefanidi punta al terzo successo consecutivo in Diamond League nel salto con l’asta femminile dopo aver vinto il secondo titolo europeo a Berlino.

Ekaerini Stefanidi:

Al Letzigrund ho vinto la mia prima medaglia europea assoluta nel 2014 e ho un grande ricordo. Ho aspettative molto alte ma mi godo questa situazione. Ho grande rispetto per le mie avversarie in particolare Sandi Morris. A Zurigo ci saranno astiste molto forti. Sono abituata ad iniziare le gare su misure più alte rispetto alle mie avversarie perché preferisco risparmiare energie e concentrarmi sulle quote più elevate

Karsten Warholm insegue il primo successo in Diamond League nei 400 ostacoli un anno dopo essersi classificato secondo a Zurigo stabilendo il record norvegese con 48”22. Il dominatore della stagione Abderrahmane Samba non sarà presente a Zurigo perché è impegnato ai Giochi asiatici di Giacarta dove ha appena vinto i 400 ostacoli in 47”66.

Karsten Warholm:

Nel 2015 ho deciso di concentrarmi sui 400 ostacoli combinando la mia velocità e la tecnica sugli ostacoli. A Berlino ho provato a correre i 400 metri perché migliorare sulla distanza piana mi aiuta ad andare più forte sui 400 ostacoli. Voglio portare a casa il Trofeo dei Diamanti ma ci sono altri atleti che inseguono lo stesso obiettivo come Kyron MCMaster che ha corso i 47”54 a Parigi. Mi dispiace non poter gareggiare contro Abderrahamane Samba. Mi piace gareggiare contro di lui e vedere quanto sono in grado di avvicinarmi alle sue prestazioni. A fine stagione voglio semplicemente riposarmi in un piccolo paese della Norvegia dove trascorro le mie vacanze. Non voglio fare vacanze in posti lontani perché ho già viaggiato molto e preferisco trascorrere il mio tempo libero con la famiglia e i miei amici

Il pubblico svizzero spera di poter festeggiare un grande risultato di Lea Sprunger dopo le vittorie agli Europei di Berlino e al meeting di Birmingham sui 400 ostacoli femminili.

Lea Sprunger:

E’ una sensazione indescrivibile essere presentata al pubblico come la campionessa europea. Sarà ancora più speciale sentire il mio nome nel meeting di casa. Mi piacerebbe sfruttare questa energia positiva nella finale di Zurigo e dare il massimo. Il record svizzero è un obiettivo ma sarà difficile realizzarlo qui perché la stagione è stata molto lunga. Gli ultimi 150 metri sono il mio punto di forza. Il campo di partenti è molto competitivo. Sarebbe un bel successo arrivare tra le prime quattro. Non ho niente da perdere. Il pubblico svizzero sarà contento di sostenere i propri campioni

Caster Semenya potrebbe attaccare il record del Letzigrund sugli 800 metri femminili realizzato da Pamela Jelimo nel 2008 con 1’54”01.

Caster Semenya:

La stagione è stata molto lunga. Dopo i Campionati africani il mio secondo obiettivo è vincere il Diamond Trophy per il terzo anno consecutivo. Se vinco avrò raggiunto tutti gli obiettivi. Non ho bisogno di pacemaker, preferisco impostare le mie gare andando in testa. Mi chiedono spesso del record del mondo. Se cadrà un giorno, sarò contenta, ma non è un obiettivo che inseguo a tutti i costi

Maria Lasitskene torna al Letzigrund dove vinse la medaglia d’argento agli Europei del 2014 nel salto in alto femminile.

Maria Lasitskene:

La mia striscia vincente si è interrotta con la sconfitta di Rabat, ma ho già iniziato una nuova serie di vittorie. Non è sempre facile superare ogni volta i 2 metri. Voglio sempre fare meglio di quanto ho saltato finora. Voglio vincere il mio terzo Diamond Trophy con una buona misura. Non guardo mai le immagini dei miei salti ma mi affido sempre ai consigli del mio allenatore. Nella mia vita normale non sono così seria e concentrata come quando sono in pedana

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.