Formula 1, Arrivabene: "Dobbiamo mettere pressione a Mercedes"

Al F1 Milano Festival vanno in scena gli uomini Ferrari dopo la vittoria di Spa. Alla vigilia del GP di Monza Maurizio Arrivabene suona la carica.

Sebastian Vettel al F1 Milano Festival Getty Images

30 condivisioni 0 commenti

di

Share

La Formula 1 entra per la prima volta nel cuore di Milano, nel suggestivo quartiere dei Navigli, conosciuto per essere l'epicentro della movida. Il Circus abbraccia il suo pubblico con uno spettacolo targato Ferrari dal 29 agosto al 1° settembre, con le vetture di ieri e di oggi, replicando gli show di Londra, Shanghai e Marsiglia. L'obiettivo è tendere una mano al pubblico per avvicinarlo alla pista e fermare la fuga di spettatori che negli ultimi anni sta rischiando di trasformare questo sport in una categoria di nicchia.

Migliaia di appassionati di F1 si sono accalcati intorno al palco e alle barriere che delimitano il circuito urbano improvvisato per il 'F1 Milano Festival', molte anche le donne e i bambini, per un evento che racchiude anche concerti e sessioni di dj-set, una mostra per raccontare la storia dei più grandi campioni di tutti i tempi, una "Fan Zone Petronas" per ammirare da vicino la vettura di Formula 1 Mercedes AMG e cimentarsi con i simulatori in una gara di Formula 1. Oltre a sfilate di vetture storiche che si susseguiranno fino a sabato tra il capoluogo lombardo e Monza.

I veri protagonisti più attesi sono i piloti della Scuderia Ferrari, reduce da una strepitosa vittoria sul circuito di Spa, con le notizie di mercato che si intensificano a pochi giorni dal GP di Monza. Non ci sono annunci ufficiali, ma di certo sabato si presenterà la nuova dirigenza con il presidente John Elkhan e l'amministratore delegato Louis Camilleri che sostituirà Sergio Marchionne. Sarà forse l'occasione per confermare gli scenari di mercato più probabili, con Charles Leclerc che salirà a bordo della Haas con Kevin Magnussen e Antonio Giovinazzi in Alfa-Sauber con Marcus Ericsson. Kimi Raikkonen sarà quindi riconfermato con un contratto probabilmente annuale, in attesa che Maranello nomini il degno successore per il 2020.

Formula 1, Ferrari all'assalto del Mondiale 

La star della prima giornata è Sebastian Vettel, l'eroe del Mondiale che ha messo i brividi a Mercedes e al leader Lewis Hamilton con quel sorpasso di potenza al primo giro del GP di Spa.

Grazie ragazzi per essere venuti qui, spero che faremo un bello show anche a Monza in questo week-end e fare una bella gara. Sono tedesco, ma mi piace essere in Italia e guidare per la Ferrari. Speriamo di fare una bella gara anche per Kimi, con questa Ferrari possiamo vincere.

Con una riconferma quasi certa Kimi Raikkonen mira al terzo posto in classifica cercando di fare gioco di squadra per portare la Rossa al titolo mondiale dopo un'assenza di oltre dieci anni.

E' un week-end particolare, avremo tanto sostegno da parte dei tifosi e speriamo di poter regalare un grande risultato. Spingeremo al massimo per andare il più veloce possibile e spero che il risultato finale sia diverso da quello del Belgio. Quest'anno siamo andati forti un po' ovunque.

A suonare la carica è il team principal Maurizio Arrivabene che lancia apertamente la sfida agli avversari della Mercedes dopo la battaglia vinta in Belgio. Ma adesso è il momento di pensare alla guerra e prendersi la rivincita dopo quattro anni di sconfitte in Formula 1.

Noi gli anni scorsi stavamo zitti, a testa bassa, le prendevamo a destra e sinistra, ma ci rialzavamo sempre, siamo abituati mentre loro no. Il discorso che faccio ai ragazzi è semplice: teniamoli sotto pressione. Nel momento in cui li riaggiungiamo noi siamo quelli cattivi, siamo quelli che le hanno prese e adesso è il momento di darle. Monza è una gara praticamente diversa dalle altre, ogni squadra fa una macchina appositamente per questa gara.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.