Germania, spogliatoio diviso in due: gli "immigrati" contro i "Kartoffeln"

La nazionale di Low è spaccata in due e la divisione è profonda: i figli di immigrati si sono allontanati da chi è tedesco al 100%.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Più che una divisione è una spaccatura. Perché si scontrano due filosofie diverse, due culture distanti. La Germania ai Mondiali ha fallito venendo eliminata per la prima volta nella storia alla fase a gironi. La nazione si chiede ancora quali siano stati, nello specifico, i problemi che hanno portato alla figuraccia. Low domani parlerà in conferenza stampa e cercherà di individuare le colpe. Anche se la rivista Spiegel, in parte, lo ha anticipato.

Stando a un articolo scritto dal media tedesco, infatti, la Germania sarebbe letteralmente divisa in due. Da una parte i "Kanaken", termine dispregiativo nei confronti degli immigrati, dall'altra i "Kartoffeln". Vale a dire Boateng, Rudiger, Ozil e Gundogan contro Muller, Hummels e Neuer. Gente che ha origini anche (o solo) straniere contro chi è tedesco al 100%.

I termini (vale a dire "Kanaken" e "Kartoffeln") sarebbero stati affibbiati l'un l'altro dai due gruppi. Tensioni dovute quindi a educazioni diverse, a visioni diverse della vita, a filosofie e impostazioni mentali differenti. Ai "Kanaken" piacciono la musica rap, le catene d'oro, le macchine lussuose, i "Kartoffeln" sono invece più tranquilli, più rigidi.

Vota anche tu!

La Germania ha troppi naturalizzati in squadra?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Germania, spogliatoio diviso in due: i tedeschi contro i naturalizzati

La divisione preoccupa anche e soprattutto perché non è la rosa convocata da Low per i Mondiali di Russia ad avere una percentuale di immigrati elevata, è il paese a essere così. La Germania è una nazione multiculturale. Il 30% dei giocatori dei settori giovanili hanno origini straniere pur essendo convocabili dalla nazionale tedesca. Questo vuol dire che la spaccatura culturale può quindi ripresentarsi anche in futuro.

Werner si dispera per un'occasione sprecata contro la Corea ai MondialiGetty
Werner si dispera per un'occasione sprecata contro la Corea ai Mondiali

Per questo per Low è particolarmente importante capire come risolvere il problema. Le differenze culturali non devono rovinare l'armonia all'interno dello spogliatoio. Anzi, proprio attraverso il calcio si possono superare le diversità. Lo sport è perfetto per unire, non dovrebbe dividere. Invece in Germania c'è una vera e propria spaccatura, molto più di una divisione.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.