Champions League, i risultati dei ritorni dei playoff: l'Ajax c'è

I Lancieri escono indenni da Kiev e si guadagnano l'accesso ai gironi, imitati dallo Young Boys che vince in rimonta e dall'AEK, che si impone a fatica sul Videoton.

Azione di Dinamo Kiev-Ajax Twitter/@AFCAjax

167 condivisioni 0 commenti

di

Share

Ultimi 90 minuti per accedere alla prestigiosa e remunerativa fase a gironi della Champions League 2018/2019, ultimi 90 minuti nel torneo per le sei squadre sconfitte e l'inizio di una splendida avventura per quei club che invece sono riusciti a districarsi attraverso il duro torneo di qualificazione voluto dalla UEFA.

Per i "figli di un calcio minore" - almeno secondo il ranking stabilito dal massimo organismo calcistico continentale, che strizzando l'occhio agli ascolti televisivi ha favorito i club delle federazioni più importanti - restavano appena sei posti, gli ultimi validi per prendere parte a quella Champions League che per molti ormai ha perso completamente lo spirito della Coppa Campioni che l'ha preceduta trasformandosi di fatto in una sorta di Super Lega.

Piaccia o non piaccia questo è il calcio moderno, e per chi arriva da una realtà minore l'unica speranza di colmare il gap esistente con i migliori club d'Inghilterra, Spagna, Germania, Francia e Italia è quella di superare indenne la tagliola delle qualificazioni e infine spuntarla nei playoff giocati stasera, per qualcuno - anche se siamo appena a fine agosto - vero e proprio punto di svolta della stagione. Chi si sarà guadagnato l'accesso alla Champions League?

Guillaume Hoarau, attaccante dello Young BoysTwitter/@BSC_YB

Champions League, i risultati dei ritorni dei playoff: l'Ajax c'è

  • AEK Atene v Videoton = 1-1 (2-1)
  • Dinamo Kiev v Ajax = 0-0 (1-3)
  • Dinamo Zagabria v Young Boys = 1-2 (1-1)

(Tra parentesi il risultato dell'andata)

AEK Atene e Videoton si sfidano nel ritorno di una sfida che all'andata si è risolta con una vittoria dei greci in trasferta. Forti di questo risultato gli uomini di Ouzounidis tengono bassi i ritmi, e il primo tempo vede gli ospiti segnalarsi soltanto per un paio d'iniziative del serbo Lazovic, anche all'andata il migliore dei suoi. Poco prima dell'intervallo crescono i padroni di casa, che si fanno vivi con l'ex-Atalanta Livaja e poi passano quando il secondo tempo è iniziato da pochi minuti grazie a un rigore realizzato da Mantalos.

Quando manca poco più di mezz'ora alla fine il Videoton perviene al pareggio con un tiro di Nego (un anno e mezzo alla Roma senza mai esordire) servito da Lazovic, ispiratissimo nel lanciare i compagni in porta e nel tentare lui stesso la conclusione. Il forcing magiaro non porta a niente, anche se nel finale gli ospiti possono usufruire di un uomo in più in seguito all'espulsione di Helder Lopes. Finisce 1-1: l'AEK, che cinque anni fa era finito in terza serie, ritorna in Champions League.

A Kiev i padroni di casa della Dinamo affrontano l'Ajax, e dovendo recuperare la sconfitta 3-1 dell'andata a Amsterdam partono a spron battuto sentendo l'impresa possibile. I Lancieri sbandano nel primo quarto d'ora, poi emerge il loro livello tecnico superiore e la partita si fa equilibrata. L'Ajax nel primo tempo sbaglia un rigore con Tadic, che al 14' calcia sul palo, e coglie un altro legno venti minuti più tardi con Van de Beek. 

Nel secondo tempo gli olandesi non rinunciano a giocare, come da tradizione, e mettono in mostra uno Ziyech confusionario ma letteralmente onnipresente in ogni azione offensiva: il marocchino sforna assist a ripetizione e cerca anche il gol, cogliendo la traversa su punizione. È il terzo legno colpito dai Lancieri, che non trovano il gol ma a cui basta lo 0-0 per passare il turno.

A Zagabria, infine, forti dell'1-1 dell'andata in trasferta i padroni di casa della Dinamo iniziano con un atteggiamento abbastanza rinunciatario ma colpiscono gli svizzeri dello Young Boys alla prima vera occasione con Izet Hajrovic, fantasista bosniaco nato e cresciuto proprio in Svizzera. Gli ospiti schierano un buon attacco, formato dall'ex-Ajax Sulejmani e dall'ex-PSG Hoarau, che in due minuti, al 64' e al 66', ribalta la gara con una doppietta, sfruttando un rigore e poi colpendo su calcio d'angolo. La Dinamo Zagabria cade in casa ed è fuori, avanti lo Young Boys.

Accedono così alla fase a gironi AEK Atene, Ajax e Young Boys.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.