Premier League, 3^ giornata: risultati, classifica e prossimo turno

Dopo tre turni comandano quattro squadre a punteggio pieno: Liverpool, Tottenham, Chelsea e la sorpresa-Watford.

242 condivisioni 0 commenti

di

Share

La terza giornata di Premier League era molto attesa dagli appassionati inglesi e non solo perché avrebbe dovuto già rispondere in parte ad alcuni quesiti sorti durante i primi 180 minuti di campionato e che nel turno svoltosi nell'ultimo weekend di agosto avrebbero fornito importanti indicazioni sullo stato di salute di molte big.

Attesissimo l'Arsenal di Unai Emery, che dopo essere caduto nelle prime due uscite contro Manchester City e Chelsea doveva riscattarsi nel mai facile derby contro un West Ham anch'esso fermo a quota zero punti e in pesante crisi. Bournemouth e Watford, 6 punti in due turni, erano invece attesi a una prova di maturità rispettivamente contro l'Everton dell'ex-Richarlison e l'ostico Crystal Palace di Roy Hodgson.

Molto interessante anche la sfida che attendeva il club campione in carica della Premier League, il Manchester City di Guardiola, al Molineux Stadium di Wolverhampton, mentre il Liverpool di Klopp se la sarebbe vista con il Brighton Hove & Albion capace di stendere, sette giorni prima, il Manchester United di José Mourinho.

L'Arsenal festeggia un gol contro il West HamGetty Images

Premier League, 3^ giornata: risultati, classifica e prossimo turno

La terza giornata di Premier League si apre con la sfida tra Wolverhampton e Manchester City, che al Molineux Stadium mettono in scena una partita dal copione scontato ma dal finale inaspettato: come al solito i Citizens dominano il gioco, superando il 70% nel possesso palla, ma risultano imprecisi in fase conclusiva e vanno sotto a causa di un gol di Boly viziato da un fallo di mano che sfugge all'arbitro. Laporte riesce a pareggiare, ma nei venti minuti che restano i campioni d'Inghilterra non riescono a superare il muro avversario, cogliendo anche una traversa con Aguero a tempo scaduto.

Il Leicester City, dopo essere caduto all'esordio contro il Manchester United, centra la seconda vittoria di fila: dopo il Wolverhampton stavolta tocca al Southampton arrendersi alle Foxes, che dopo aver subito il gol di Bertrand pareggiano con Gray e passano a tempo scaduto con un gol di Maguire. Risorge l'Arsenal, che dopo due sconfitte consecutive nelle prime due gare - contro City e Chelsea - trova i primi tre punti della gestione-Emery affondando il West Ham: anche in questo caso si tratta di una vittoria in rimonta, con le reti di Monreal, l'autogol di Diop e la marcatura di Welbeck a tempo scaduto che rendono vano il vantaggio Hammers firmato da Arnautovic.

Mohamed SalahGetty Images
Capocannoniere in carica della Premier League, Salah ha iniziato questa stagione con lo stesso ritmo segnando 2 gol in 3 giornate.

Spettacolare pari in rimonta anche nella sfida tra Bournemouth, fin qui a punteggio pieno, e Everton: quattro gol tutti nel secondo tempo, con il doppio vantaggio ospite firmato da Walcott e Keane e il ritorno dei padroni di casa che nonostante l'espulsione di Smith vanno a segno con King su rigore e con l'ex-Chelsea Aké. Huddersfield Town e Cardiff City pareggiano 0-0, confermandosi squadre più brave nel contenere che nel costruire, mentre il Liverpool ha la meglio sull'ostico Brighton & Hove Albion grazie a un gol del solito Salah, scopertosi in Inghilterra bomber di razza.

Roberto Pereyra con la maglia dello WatfordGetty Images
Dopo la doppietta all'esordio contro il Brighton, torna al gol El Tucu Pereyra, che fa volare lo Watford.

Si conferma il Watford di Javi Gracia, che centra la terza vittoria in altrettante partite superando il Crystal Palace di Hodgson con le reti di El Tucu Pereyra, ex-Udinese e Juventus giunto a quota 3 gol in 3 giornate, e Holebas, terzino greco visto di sfuggita alla Roma. Inutile la rete di Zaha, che aggiunge solo un po' di pepe al finale. Girandola di gol nella sfida che mette di fronte al Craven Cottage Fulham e Burnley: vantaggio dei padroni di casa con Seri, pari ospite con Hendrick e quindi doppietta di Mitrovic che porta avanti 3-1 i londinesi. La rete di Tarkowski chiude il primo tempo sul 3-2, ma nel finale di gara il Fulham segna ancora con il ritrovato Schurrle per il 4-2 finale.

Aleksandar Mitrovic festeggia uno dei gol contro il BurnleyGetty Images
Il serbo Mitrovic, autore di una doppietta nell'importante vittoria del Fulham sul Burnley

A Newcastle il Chelsea del Sarri-ball domina la gara fin dai primi minuti ma fatica a passare, riuscendo a colpire soltanto nel finale con un rigore di Hazard. I Blues vengono gelati dalla rete del pari firmata da Joselu ma riescono infine a trovare i tre punti a pochi minuti dal termine grazie all'autogol di Yedlin. Con questa vittoria gli uomini di Sarri proseguono la loro marcia a punteggio pieno in testa alla classifica, in compagnia di Liverpool, Watford e Tottenham che travolge 3-0 il Manchester United a Old Trafford e mette a rischio esonero José Mourinho. 

I risultati

  • Arsenal v West Ham 3-1
  • Bournemouth v Everton 2-2
  • Fulham v Burnley 4-2
  • Huddersfield Town - Cardiff City 0-0
  • Liverpool v Brighton & Hove Albion 1-0
  • Newcastle v Chelsea 1-2
  • Southampton v Leicester 1-2
  • Watford v Crystal Palace 2-1
  • Wolverhampton v Manchester City 1-1
  • Manchester United v Tottenham 0-3

La classifica alla 3^ giornata

In attesa della sfida dell'Old Trafford tra Manchester United e Tottenham, restano in testa a punteggio pieno il Liverpool di Klopp, il Chelsea di Sarri e il sorprendente Watford di Javi Gracia. Rallentano i campioni in carica del Manchester City e la rivelazione-Bournemouth, mentre Leicester e Arsenal hanno ripreso la propria marcia e puntano le posizioni di testa. 

A metà classifica spicca il Cardiff City, capace di collezinare due punti senza aver ancora segnato un solo gol, mentre deludono in coda Newcastle, Burnley e West Ham, fermo ancora a quota zero. Certo la Premier League è ancora lunga - restano da giocare ben 35 partite - per cui niente è ovviamente ancora scritto e lo spettacolo, come si suol dire, deve ancora cominciare.

  1. Liverpool 9
  2. Chelsea 9
  3. Watford 9
  4. Tottenham 9
  5. Manchester City 7
  6. Bournemouth 7
  7. Leicester 6
  8. Everton 5
  9. Manchester United 3
  10. Arsenal 3
  11. Crystal Palace 3
  12. Fulham 3
  13. Brighton & Hove Albion 3
  14. Wolverhampton 2
  15. Cardiff City 2
  16. Newcastle 1
  17. Southampton 1
  18. Burnley 1
  19. Huddersfield Town 1
  20. West Ham 0

Il programma della 4^ giornata

Il quarto turno si svolgerà nel weekend del 1° e 2 settembre 2018, con ben sette gare che andranno in scena nel giorno tradizionalmente dedicato agli inglesi, il sabato. La giornata si aprirà con il Liverpool capolista che cercherà la vittoria sull'ostico campo del Leicester, mentre nel pomeriggio il Chelsea ospiterà il Bournemouth rivelazione.

La gara più interessante della giornata sarà sicuramente quella che vedrà di fronte la rivelazione Watford e il Tottenham, mentre il Manchester United di Mourinho chiuderà il programma nello stesso momento visitando il campo di un Burnley che dopo la deludente uscita europea con l'Olympiacos vorrà sicuramente recuperare terreno in campionato.

  • Sabato 1° settembre, ore 13,30 - Leicester v Liverpool
  • Sabato 1° settembre, ore 16,00 - Crystal Palace v Southampton
  • Sabato 1° settembre, ore 16,00 - Everton v Huddersfield Town
  • Sabato 1° settembre, ore 16,00 - Brighton & Hove Albion v Fulham
  • Sabato 1° settembre, ore 16,00 - Chelsea v Bournemouth
  • Sabato 1° settembre, ore 16,00 - West Ham v Wolverhampton
  • Sabato 1° settembre, ore 18,30 - Manchester City v Newcastle
  • Domenica 2 settembre, ore 14,30 - Cardiff City v Arsenal
  • Domenica 2 settembre, ore 17,00 - Watford v Tottenham
  • Domenica 2 settembre, ore 17,00 - Burnley v Manchester United

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.