Moggi ospite a Rovigo, il Coni smentisce il patrocinio all'iniziativa

L'ex dirigente di Napoli e Juventus presente per un festival legato allo sport. Il Comitato Olimpico Nazionale: "Nessun legame con l'evento, adiremo le vie legali"

175 condivisioni 0 commenti

di

Share

C'è un evento, il Rovigo Sport Festival, al quale - secondo gli organizzatori e leggendo le locandine - il Coni avrebbe dato il patrocinio. C'è un ospite, Luciano Moggi, che davanti a una piazza piena di pubblico presenta il suo libro dal titolo “Il pallone lo porto io”. E c'è il Coni che smentisce con note ufficiali di aver dato il proprio sostegno all'iniziativa svolta nella città veneta. 

Marcia indietro alla manifestazione risalente alle date del 21, 22 e 23 agosto. L'ospite d'onore nella serata di mercoledì 22 agosto, come la pagina Facebook della manifestazione spiega, è l'ex direttore generale della Juventus, radiato dal mondo dello sport per i fatti legati a Calciopoli. Moggi a Rovigo ha presentato il suo libro e la sola notizia della sua presenza aveva scatenato un dibattito mediatico e politico, tra favorevoli e contrari all'ospitata. 

A scatenare le polemiche dopo l'apparizione di "Lucianone", come Moggi era stato soprannominato ai tempi di Roma, Lazio, Torino, Napoli e Juventus, era stata la notizia - poi smentita - di un patrocinio offerto dal Coni alla manifestazione e quindi alla presenza dell'ex dirigente sul palco del Rovigo Sport Festival. Una circostanza negata dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano.

Il Coni nazionale e Giovanni Malagò non hanno mai concesso il patrocinio al Rovigo Sport Festival e ai suoi ospiti.

Rovigo Sport Festival, Luciano Moggi sul palco: è querelle Comune-Coni

Stando a sentire il Coni, il logo del Comitato Olimpico Nazionale Italiano è presente sulle locandine del Rovigo Sport Festival senza alcuna autorizzazione. Sul palco di piazza Vittorio Emanuele II Moggi è stato intervistato da tre giornalisti locali, mentre un loro collega in platea chiedeva un confronto con big Luciano attraverso delle "domande scomode" e delle critiche alla conduzione del dibattito. Una circostanza che ha portato all'intervento del portavoce del sindaco di Rovigo Massimo Bergamin per riportare la calma. La polemica però è rovente e ai microfoni di PadovaOggi il numero 1 del Coni Veneto Gianfranco Bardelle ha anticipato che il caso arriverà in tribunale:

Il nostro patrocinio per Moggi a Rovigo? Una falsità. Adiremo per vie legali.

Quanto sarebbe stato opportuno portare sul palco del Rovigo Sport Festival un personaggio controverso per il mondo del calcio come Luciano Moggi accanto a figure come "il maestro del respiro" Mike Maric, la tennista Mara Santangelo e il ginnasta Igor Cassina? L'interrogativo che aleggiava sulla città veneta prima dell'evento è diventato roboante dopo il dibattito che ha visto l'ex dirigente protagonista. Lo scontro con l'amministrazione comunale è pronto ad approdare sul tavolo dell'ufficio legale del Coni a Roma. Intanto l’assessore allo Sport e vicesindaco di Rovigo Andrea Bimbatti si è limitato a spiegare in una nota stampa di essere pronto al confronto nelle sedi opportune con i vertici locali.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.