Bundesliga, è subito caos Var. E Nagelsmann è una furia

In Germania ci sono grandi polemiche per la tecnologia in campo: già alla prima giornata c'è del materiale su cui discutere.

Durante la partita di Bundesliga fra Bayern Monaco e Hoffenheim il Var è andato in tilt Getty Images

305 condivisioni 0 commenti

di

Share

Nuova stagione, seconda occasione per il Var di convincere. Già, perché l'anno scorso in Bundesliga ha lasciato diverse perplessità. Nel derby fra Borussia Dortmund e Colonia venne assegnato un gol benché la palla avesse oltrepassato la linea a gioco fermo. Durante lo scontro diretto fra Mainz e Friburgo l'arbitro, a intervallo inoltrato, decise di richiamare le squadre dagli spogliatoi per assegnare un rigore in favore dei padroni di casa.

Insomma, in Bundesliga l'anno scorso ci si è imbattuti spesso in casi limite. E le discussioni, inevitabilmente, si sono sprecate. D'altronde le innovazioni fanno sempre discutere, ancor di più se queste riguardano il calcio. E se fra l'altro non sempre funzionano è scontato che si venga a creare una schiera di scettici, di integralisti.

Per questo è importante che nel secondo anno, dopo una stagione di assestamento, il Var funzioni. O almeno che non crei problemi. Invece già nell'anticipo della prima giornata della Bundesliga sono ricominciate le polemiche. E non sono nemmeno particolarmente soft. Perché se il Bayern Monaco ha battuto l'Hoffenheim è proprio grazie a un intervento inopportuno della tecnologia.

Vota anche tu!

Ti convince il Var?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Bundesliga, è subito caos-Var

Al 78' della partita fra Bayern Monaco e Hoffenheim, sul risultato di 1-1, Nordtveit interviene in scivolata su Ribery. Per l'arbitro l'intervento è scomposto e quindi assegna un rigore in favore dei bavaresi. La Var (in Germania la sede di osservazione dei filmati è a Colonia) non interviene e Lewandowski può presentarsi dagli 11 metri. Il protocollo Var prevede in realtà che si intervenga in caso di grave ed evidente errore dell'arbitro. Per questo il direttore di gara doveva ricevere un'indicazione, un suggerimento. Il contatto fra Nordtveit e Ribery (se c'è) è veniale. Si doveva soprassedere. Primo errore. 

Ma non è stato l'unico. Lewandowski si è successivamente fatto parare il rigore da Baumann che nulla ha potuto sulla ribattuta di Robben. L'arbitro in questo caso ha assegnato il il gol, ma questa volta la Var è intervenuta. Si è consigliato all'arbitro di andare a rivedere l'esecuzione di Lewandowski perché, al momento del tiro, c'erano troppi giocatori in area. In particolare Robben che ha sfruttato il tutto per segnare. Decisione: rigore da ribattere. Da regolamento la decisione non è né giusta né sbagliata. Per quel che riguarda i rigori, infatti, nel regolamento c'è scritto che i giocatori di entrambe le squadre che non sono incaricati di battere il penalty devono posizionarsi:

• all’interno del rettangolo di giuoco;

• fuori dall’area di rigore;

• dietro o sulla linea immaginaria passante per il punto del rigore parallela alla linea di porta;

• almeno a 5 m. dal punto del calcio di rigore.

L'unico che ha avuto un vantaggio dall'infrazione è Robben, ma anche tre giocatori dell'Hoffenheim sono entrati anzitempo in area. Si poteva dare una punizione contro al Bayern per penalizzare Robben, ma far ripetere il rigore per punire tutti non è sbagliato. Quel che è sbagliato è che ieri Ribery si è avvicinato all'arbitro Dankert quando questi stava guardando il filmato. Lo ha influenzato? Resta poi l'errata utilizzo della Var in occasione del presunto fallo di Nordtveit su Ribery. E proprio quella ha mandato su tutte le furie Nagelsmann.

Ribery salta molto prima dell'intervento. In questo caso però la Var non è intervenuta. Inoltre mi chiedo: perché non riescono a prendere le decisioni a Colonia? Perché l'arbitro deve decidere dal campo di fronte a 70mila spettatori? Così la cede centrale di Colonia che senso ha?

Nuova stagione, seconda occasione per il Var di convincere. Per ora però fa discutere anche nel suo secondo anno. E non dovrebbe più essere una sperimentazione. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.