PSG, che fine ha fatto Marco Verratti?

Il centrocampista, operato agli adduttori la scorsa primavera, non è ancora sceso in campo e preoccupa il ct Mancini. Per i media francesi potrebbe tornare al top addirittura nel 2019.

799 condivisioni 0 commenti

di

Share

Nel Paris Saint-Germain che ha ripreso, nella nuova stagione di Ligue 1, dal punto in cui aveva lasciato la scorsa, e cioè dominando, spicca l'assenza di Marco Verratti, in estate addirittura oggetto di voci di calciomercato che lo volevano ora in Premier, ora nella Liga, ora in Serie A e che invece è rimasto a Parigi non collezionando però finora neanche un minuto nelle due uscite vincenti del PSG contro Caen e Guingamp, superati rispettivamente con un 3-0 e un 3-1.

Dopo essere stato operato agli adduttori lo scorso 4 maggio, evento che aveva concluso anticipatamente la sua stagione, il piano di Verratti sembrava prevedere un ritorno in campo già a partire da queste prime giornate di Ligue 1, fatto del resto confermato dalla sua presenza da titolare nella Supercoppa francese che metteva di fronte PSG e Monaco e che è stata giocata lo scorso 4 agosto, esattamente tre mesi dopo l'operazione chirurgica.

Nella rotonda vittoria per 4-0 Verratti ha giocato 76 minuti, prima di venire sostituito da Neymar e sparire, di fatto, dal radar del nuovo allenatore Thomas Tuchel, che non lo ha schierato nelle prime due giornate di Ligue 1 e che molto probabilmente farà a meno di lui anche nella sfida di sabato che vedrà il PSG ospitare l'Angers. Verratti continua ad allenarsi individualmente, e la preoccupazione aumenta sia tra i suoi tifosi che nei pensieri di Roberto Mancini.

PSG, che fine ha fatto Marco Verratti?

Il ct azzurro sta infatti pensando alle convocazioni che andranno diramate prossimamente in vista della UEFA Nations League e che vedrà l'Italia affrontare in rapida successione (7 e 10 settembre) Polonia e Portogallo. Verratti - peraltro mai davvero convincente in Nazionale - ci sarà? Difficile a dirsi, ma a meno che non riesca in un recupero lampo a oggi difficilmente ipotizzabile, il centrocampista abruzzese non sarà presente.

Marco Verratti ha sempre sofferto di problemi fisici legati alla zona dell'inguine e degli adduttori, fastidi che nelle ultime tre stagioni lo hanno costretto a saltare ben 53 partite. Uno dei punti di forza di una squadra ambiziosa e ogni anno più ricca di campioni, l'ex-Pescara da tempo non può più esprimersi al meglio, ed è per questo che lo staff medico parigino parla di "normali conseguenze dopo questo tipo di operazioni" e lo stesso tecnico Tuchel si dichiara estremamente tranquillo al riguardo.

Marco soffre ancora un po', e alterna sensazioni buone ad altre meno buone. Dopo un'operazione del genere bisogna stare attenti, lui deve prendersi il suo tempo e noi il nostro.

Parole che a questo punto rendono difficilmente ipotizzabile un ritorno in prima squadra di Verratti: non è la stima di Tuchel che manca, anzi, è proprio questa a spingere il tecnico tedesco a un'estrema cautela. Al PSG interessa recuperare completamente il proprio talentuoso regista entro la fine dell'anno e di averlo al meglio, senza più pensieri e al 100%, per l'inizio del 2019.

È allora che la Ligue 1 sarà entrata nel vivo e che, soprattutto, lo avrà fatto la Champions League, vero e proprio obbiettivo dichiarato del club parigino: dagli ottavi di finale in poi ogni turno è storia a sé, e i più volte campioni di Francia sono convinti di avere una squadra capace di poter sconfiggere qualunque avversario. Soprattutto se in cabina di regia Tuchel potrà contare su un Marco Verratti, finalmente, al meglio.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.