Calcio, la Serie C attende il Coni: sorteggio l'8 settembre, via il 16

La Lega Pro attende l'esito dei ricorsi di Novara e Catania per stabilire la griglia di partenza della stagione 2018/2019. Gravina: "7 promozioni in B per l'annata 2019/2020".

50 condivisioni 1 commento

di

Share

Nella serie infinita di lotte intestine del calcio italiano, la Serie C torna a far vibrare le proprie corde. La terza e ultima categoria professionistica del pallone tricolore ha risposto a distanza alla scelta della Serie B di avviare il campionato 2018/2019 con il format ridotto a 19 squadre, senza perciò attendere la decisione del Collegio di Garanzia dello Sport in merito ai ricorsi di Novara e Catania. In C il pallone resterà fermo, almeno fino a domenica 16 settembre: sarà questa la data d'inizio della prossima stagione.

La decisione della Lega Pro è maturata nell'assemblea di Roma, convocata in origine come data di presentazione del calendario e diventata in itinere il punto di ripartenza per la Serie C 2018/2019. Il Collegio di Garanzia del Coni del 7 settembre diventerà così il B-day del calcio italiano: fino a quel momento, però, la Lega guidata da Gabriele Gravina non ha intenzione di muoversi.

Non a caso la nuova data selezionata per il sorteggio e la presentazione dei calendari è l'8 settembre, all'indomani della giornata che metterà una pietra tombale sul format della Serie B 2018/2019, al via domani sera. Se i giudici ripristineranno le 22 squadre - speranze di controribaltone alimentate su Twitter dal presidente del Collegio di Garanzia Franco Frattini nel dialogo con i tifosi - occorrerà anche stabilire chi tra Catania, Novara, Robur Siena, Ternana, Pro Vercelli e Virtus Entella avrà diritto al ripescaggio. Ma questa è un'altra storia.

Serie C, via il 16 settembre: e Gravina rilancia per l'aumento del numero di promozioni in B

Che in ballo ci sia molto di più del numero di partecipanti ai prossimi campionati di B e C, con una tensione palpabile tra le Leghe e le associazioni di categoria, destinata a crescere fino alla data del 22 ottobre - deadline per le elezioni del nuovo presidente Figc che il commissario straordinario Fabbricini continua a indicare - non è un mistero. Anche per questo al termine dell'assemblea romana è arrivata anche una proposta che sa di provocazione. Promotore, il numero 1 della Lega Pro Gabriele Gravina:

All'unanimità il consiglio direttivo mi ha dato mandato di chiedere in via straordinaria di ripristinare il format della Lega di B. Per questo noi proporremo 7 promozioni dalla Serie C al torneo cadetto per la prossima stagione.

Un'idea che non trova l'ok di Mauro Balata, presidente della Lega B. Messaggio di sottofondo: fino al 7 settembre varrà tutto, almeno sul piano della dialettica. Gravina ha lasciato trapelare ottimismo dalla sede romana ("Sono sicuro che il Collegio di Garanzia ci darà ragione"), mentre la chiusura del calciomercato per la Serie C dovrebbe essere posticipata al 31 agosto: in superficie, però, resta una radiografia del calcio italiano a tratti desolante, fotografata dal numero 1 della Lega Pro.

Dobbiamo appurare che ad oggi e' impossibile partire e non ci e' consentito fare i gironi e i calendari. Quello attuale non è il calcio che auguriamo a milioni di tifosi e a voi Presidenti per ciò che avere investito in termini personali ed economici: lavoriamo assieme per un calcio di condivisione e di confronto anche con le componenti per il vantaggio del benessere collettivo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.