MMA, Zahabi: "Il match fra McGregor e Khabib non sarà combattuto"

Il coach di Georges St-Pierre, Firas Zahabi, noto analista oltre che brillante trainer, si è esposto con una breve analisi sul possibile svolgimento del match fra i due fenomeno dagli stili totalmente opposti. Chi la spunterà?

426 condivisioni 2 commenti

di

Share

Sono in molti a discutere sul possibile svolgimento del main event di UFC 229, incontro che vedrà protagonisti Khabib Nurmagomedov (26-0) e Conor McGregor (21-3) e che vedrà in palio il titolo dei pesi leggeri. In molti parlano di upset da parte dell'irlandese, ma gli scommettitori lo danno leggermente sfavorito. Fra coloro che hanno parlato dello svolgimento del match, c'è Firas Zahabi.

Zahabi è il coach, fra gli altri, di Georges St-Pierre, ex campione dei welter e medi UFC, e Rory MacDonald, campione welter Bellator. Allena alla Tristar Gym di Montreal ed è considerato uno fra i migliori trainer ed analisti in circolazione al momento. Firas tiene una rubrica sul proprio canale YouTube, dove parla dei match, li analizza e dà spiegazioni su azioni e svolgimento. Offre anche delle dimostrazioni tecniche.

Il parere di Zahabi è molto importante, vista la levatura del coach all'interno del mondo delle MMA. La sua opinione è pura e semplice: con due fenomeni di questo calibro, dotati di abilità così nette e diametralmente opposte, il match è impossibile che sia equilibrato. Perché? I punti di forza dell'uno sono i punti deboli dell'altro fighter e pertanto chi riuscirà ad imporre i propri, avrà il match in pugno.

MMA, Khabib vs McGregor: parla Firas Zahabi

Per Zahabi quindi, il match non sarà per nulla competitivo.

Ciò che non riesco proprio a vedere - ha detto Zahabi - è una battaglia con buoni momenti per entrambi. Non vedo un'altalena, una battaglia in striking, poi al suolo, poi di nuovo in piedi. Non vedo un match che possa arrivare all'ultimo round. Non vedo nemmeno un incontro competitivo, nonostante i due combattenti siano competitor fenomenali. La ragione per cui non riesco a vedere un match del genere non è data dal fatto che uno dei due fighter sia più abile dell'altro. Per nulla. La vedo così per pura combinazione stilistica. Lo stile di McGregor è completamente opposto a quello di Khabib.

Un'analisi logica molto condivisibile. Khabib è l'attuale campione dei pesi leggeri UFC ed è un fenomeno nel portare a terra e martellare i propri avversari, imponendo la propria forza e gestendo molto bene il peso. McGregor invece è uno "sharpshooter", un cecchino con forte propensione al counterstriking, che ha costruito le proprie fortune sull'iperestensione nei movimenti degli avversari, trovando spesso il mento dopo aver spezzato il loro ritmo.

Se Khabib proverà a colpire McGregor col jab, rimarrei molto sorpreso. Se McGregor tenterà di fare dirty boxing con Khabib, rimarrei ugualmente sorpreso visto che ogni fase di legata con Khabib terminerebbe con McGregor schiena a terra. Credo che ognuno di loro vorrà mettere a segno il proprio gameplan quella notte. Faranno il loro gioco davvero, punteranno sui loro aspetti forti. Quindi McGregor dalla distanza, cercando di centrare Khabib e quest'ultimo a provare ad accorciare le distanze per ottenere il clinch. Può andare in qualsiasi modo. Potrebbe addirittura sembrare un match sbilanciato. Khabib tenterà di portare giù McGregor e martellarlo, l'irlandese tenterà di metterlo knockout. Accadrà l'una o l'altra cosa. 

Khabib Nurmagomedov e Conor McGregor si affronteranno a UFC 229, il 6 ottobre alla T-Mobile Arena di Las Vegas, Nevada.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.