Kakà: "La Juventus è favorita ma il Milan ha le imprese nel DNA"

Il brasiliano tornerà presto in società: "Leonardo sa come si gestisce una squadra importante. Questa società vuole riprendere il posto che merita".

320 condivisioni 0 commenti

di

Share

Come un amico che non si sente per molto tempo, ma poi basta una parola per rivivere tutte le emozioni del passato. Per i tifosi del Milan sentir parlare Kakà è così. Lui l'ultimo brasiliano a vincere il Pallone d'Oro, l'ultimo milanista a farlo e l'ultimo a riuscirci prima del ciclo infinito di Cristiano Ronaldo e Messi. Ricky d'altronde a quei livelli c'è stato e ha trascinato con sé tutta la squadra.

Kakà presto tornerà al Milan. Entrerà in società e affiancherà - "a gratis", parola di Leo - Leonardo e Paolo Maldini. Per una società che rappresenti sempre più la storia del club. Giocatori che vogliono riportare la squadra lì dove con loro in campo era arrivata. E il brasiliano è convinto che non sia un progetto impossibile da realizzare. Anzi, lui è piuttosto fiducioso a riguardo.

In una lunga intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport, Kakà ha individuato proprio nel Milan la possibile sorpresa del campionato:

La Juventus è la squadra meglio attrezzata del campionato, ma nel calcio può succedere di tutto. E nel DNA del Milan c'è il fatto di pensare in grande, sempre. L'obiettivo razionale però deve essere tornare in Champions League. Attenzione anche all'Europa League: da febbraio sarà un torneo molto affascinante, vincerla può essere importante. Bisogna riabituarsi a vincere

Vota anche tu!

Kakà merita un incarico di responsabilità come quello da direttore sportivo?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Milan, Kakà presto tornerà in società: "Sto studiando"

Per raggiungere gli obiettivi ci sarà bisogno di tempo, per vedere Kakà nuovamente al Milan invece serviranno solo poche settimane:

Voglio studiare per capire come muovermi nei nuovi incarichi. Farò il corso da direttore sportivo in Brasile, poi farò quello da allenatore a Coverciano, ma soltanto per completarmi. Mi vedo più con un ruolo alla Leonardo. Lui ha esperienza, contatti internazionali con tutti. Leo è intelligente, sa muoversi, sa come si gestisce una squadra importante

Kakà con il Pallone d'Oro del 2007Getty
Kakà con il Pallone d'Oro del 2007

In società Kakà ritroverà anche Maldini, che dopo anni ha deciso di accettare l'offerta della nuova società rossonera.

Paolo è la storia, la bandiera di questo club. Se si parla di Milan si parla di Paolo e viceversa. Finalmente si è ritrovato il DNA rossonero. Leo e Paolo che sono tornati e Gattuso che è rimasto in panchina. Il Milan ha imboccato la strada giusta

E anche il ritorno di Kakà lo conferma. Perché lui per i milanisti è come un amico. Uno che non si sente da tanto tempo, ma anche dopo anni pendono ancora tutti dalle sue labbra. E i ricordi del passato, che punta a diventare futuro, riaffiorano...

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.