Atletica, Ronnie Baker batte il mondiale stagionale sui 100 con 9”87

Il mondiale stagionale sui 100 metri di Ronnie Baker è stato il risultato clou del Memorial Kamila Skolimowska di Chorzow nel Sud della Polonia dedicato all’indimenticata campionessa olimpica del lancio del martello di Sydney 2000.

Ronnie Baker Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

Lo sprinter statunitense Ronnie Baker ha fatto registrare l’acuto del Memorial Kamila Skolimowska vincendo i 100 metri in 9”87, che migliora di un centesimo il crono più veloce al mondo di questa stagione detenuto da lui stesso e dal connazionale Noah Lyles. Baker ha migliorato anche il record del meeting detenuto dal grande Usain Bolt dall’edizione 2014 con 9”98.

Baker si candida come il grande favorito della finale della Diamond League in programma il prossimo 31 Agosto a Bruxelles insieme a Christian Coleman. In questa stagione il ventiquattrenne statunitense ha vinto le tappe della Diamond League di Eugene, Roma, Parigi e Londra.

Il connazionale Michael Rodgers (sprinter sceso 45 volte in carriera sotto i 10 secondi) si è classificato secondo in 10”10 precedendo il campione mondiale ed europeo Ramil Gulyev (10”21) e l’ex primatista mondiale Asafa Powell (10”24).

Baker ha stabilito una delle sette migliori prestazioni mondiali dell’anno del meeting polacco al quale hanno assistito 41200 spettatori, record di affluenza per un evento di atletica dagli anni 60 in poi.

I 400 metri maschili hanno visto il grande ritorno del vice campione mondiale Steven Gardiner, che si è imposto nettamente in 44”43 nella sua prima gara dopo l’infortunio subito al meeting di Stoccolma. Il bahamense ha migliorato il record personale con 43”87 in occasione della vittoria al meeting della Diamond League di Doha. Il polacco Karol Zalewski si è piazzato al secondo posto in 45”32 precedendo di due centesimi di secondo il due volte campione olimpico del salto triplo Christian Taylor.

La due volte campionessa olimpica degli 800 metri Caster Semenya ha realizzato il secondo miglior tempo della sua carriera sui 400 metri con 50”06 avvicinando di un decimo di secondo il recente primato personale stabilito ai Campionati africani dove ha realizzato la doppietta vincendo i titoli dei 400m e degli 800 metri. La campionessa europea dei 400 metri e della staffetta 4x400 Justyna Swiety ha terminato seconda in 51”45 davanti alla statunitense Jessica Beard (51”68). Semenya gareggerà sui 400 metri e sugli 800 metri alla prossima IAAF Continental Cup di Ostrava (8-9 Settembre).

La neo campionessa europea dei 100 ostacoli Elvira Herman si è imposta in 12”87 con vento nullo precedendo di un decimo la finalista europea tedesca Rebecca Lobe (12”97) e la giovane polacca Klaudia Siciarz (12”99). La vice campionessa europea e bronzo mondiale Pamela Duktiewicz è stata squalificata per partenza falsa.

La polacca Ewa Swoboda si è aggiudicata i 100 metri femminili in 11”23 precedendo l’ex campionessa europea Ivet Lalova (11”31).

Piotr Lisek ha confermato il suo ottimo momento di forma vincendo una grande gara di salto con l’asta con 5.85m prima di sbagliare tre prove a 5.95m. Il canadese Shwan Barber ha superato la misura di 5.80m precedendo Renaud Lavillenie e Pawel Kojchechoski (stessa misura di 5.70m).

Il campione europeo del getto del peso Michal Haratyk ha vinto la bella sfida del getto del peso maschile con 21.33m precedendo il neozelandese Tom Walsh (21.27m) e Tomas Stanek (21.05m).

Un altro successo polacco è arrivato dal vice campione europeo dei 1500 metri Marcin Lewandowski, che si è imposto su questa distanza in 1’44”99 davanti al marocchino Mostafa Smaili (1’45”35) e il tre volte campione europeo Adam Kszczot (1’45”48). La statunitense Colleen Quigley ha stabilito il record personale sui 1500 metri con 4’03”02 precedendo la vice campionessa europea Sofia Ennaoui (4’03”28) e la britannica Sarah McDonald (4’03”36).

Il vice campione europeo del lancio del giavellotto Andreas Hofmann ha vinto la sua sesta gara stagionale con 83.81m davanti ai polacchi Marcin Krukowski (83.32m) e Cyprian Mrzyglod (82.52m). La slovena Martina Ratej ha preceduto di 43 centimetri la lettone Madara Palameika con 61.50m. In evidenza anche il campione mondiale ed europeo Andrius Gudzius, che ha dominato il lancio del disco con 66.14m davanti a Robert Urbanek (64.50m), Gerd Kanter (63.52m) e Robert Harting (62.94m alla sua penultima gara prima dell’addio alle gare annunciato al meeting di Berlino del prossimo 2 Settembre). Sorpresa nel getto del peso femminile dove la bielorussa Aliona Dubitskaya ha avuto la meglio con 19.06m davanti alla neo campionessa europea Paulina Guba (18.14m).

Nella gara valida per il Challenge IAAF del lancio del martello Joanna Fiodorow ha realizzato il personale stagionale con 74.39m precedendo la francese Alexandra Tavernier (73.38m). La medaglia d’argento degli ultimi Europei di Berlino Pawel Fajdek ha vinto il lancio del martello maschile con 79.44m prendendosi la rivincita sul campione continentale Wojciech Nowicki (77.41m).

Lo statunitense Trevor Berry ha superato la misura di 2.27m precedendo il connazionale Jeron Robinson (2.24m).

Lisek supera 5.90 nell’asta in Polonia

Pochi giorni prima di gareggiare al Memorial Skolimowska il saltatore con l’asta polacco Piotr Lisek ha vinto il salto con l’asta al Memorial Slusarski di Mjedizdrje con 5.90m, stessa misura realizzata due settimane fa agli Europei di Berlino. Il vice campione mondiale di Londra 2017 ha preceduto Shawn Barber (5.85m) e Pawel Wojcjechowski (5.70m).

Goteborg: Kejelcha batte il mondiale stagionale sui 3000 metri

Il due volte campione mondiale indoor Yomif Kejelcha ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno sui 3000 metri con 7’28”00 migliorandosi di 19 centesimi di secondo rispetto al precedente record personale stabilto con 7’28”19 nel 2016 al meeting di Goteborg in una giornata fredda e piovosa. Il diciassettenne Berihu Aregawi si è classificato secondo in 7’42”12.

L’azzurro Osama Zoghlami ha parzialmente riscattato la sfortunata partecipazione agli Europei di Berlino classificandosi sesto in 7’57”81. Lo scorso anno il palermitano di origini tunisine allenato da Gaspare Polizzi ha realizzato il record personale sui 3000 siepi con 8’22”94.

La campionessa mondiale ed europea Mariya Lasitskene ha vinto il salto in alto con 1.97m al terzo tentativo prima di superare tre prove a 2.01m.

La ventiduenne piemontese di origini nigeriane Daisy Osakue (splendida quinta agli ultimi Europei di Berlino 2018) si è classificata quarta nel lancio del disco con 55.79m nella gara vinta dalla medaglia di bronzo degli Europei di Berlino 2018 Shanice Craft con 58.90m. L’austriaco Lukas Weisshaidinger si è aggiudicato il lancio del disco maschile con 65.37m.

Lo svedese Andreas Kramer (vice campione europeo a Berlino) ha continuato la sua ottima stagione mancando di poco il record nazionale con 1’45”27 sugli 800 metri. L’olandese Lisanne De Witte ha vinto la campionessa europea dei 400m e della staffetta 4x400 Justyna Swiety per 16 sedicesimi di secondo in 51”55.

Bursa: Gulyev scende sotto i 10 secondi con vento a favore

Il campione mondiale ed europeo dei 200 metri Ramil Gulyev è tornato in pista pochi giorni dopo il trionfo europeo di Berlino correndo in 9”98 sui 100 metri con vento a favore di +3.0 m/s sulla pista di Bursa, anche se è stato battuto dalla medaglia di bronzo europea dei 100 metri Jak Harvey (9”91). Gulyev ha sfiorato per soli quattro centesimi di secondo l’impresa di battere il record europeo dei 200 metri di Pietro Mennea in occasione del trionfo di Berlino in 19”76. Gulyev tornerà in gara per la finale della Diamond League dei 200 metri a Zurigo.

Byrkjelo: Jakob Ingebrigtsen vince un 1500 lento

Il formidabile diciassettenne norvegese Jakob Ingebrigtsen ha vinto un 1500 metri molto tattico in 4’03”54 ai Campionati norvegesi di Byrkjelo dopo aver vinto la batteria in 3’55”94 in una due giorni di gare rovinate dal maltempo e da un freddo autunnale. Il fratello maggiore Henrik si è aggiudicato i 5000 metri in 14’13”80. Doppio successo per il campione mondiale ed europeo Karsten Warholm sui 400 ostacoli in 49”01 e sui 400 metri in 47”32. Isabelle Pedersen si è imposta sui 100 ostacoli in 13”04.

Il ceco Radek Juska ha riscattato il dodicesimo posto nel salto in lungo agli Europei di Berlino vincendo con 8.16 al meeting di Zlin in Repubblica Ceca.

La campionessa europea del lancio del giavellotto di Berlino 2018 Christin Hussong ha vinto al meeting tedesco di Thum con 65.07m precedendo la ceca Nilola Ogrodnikova (64.34m) nel suo primo meeting dopo il trionfo continentale di due settimane fa. Tom Walsh ha vinto un grande duello nel getto del peso con 21.71 battendo il due volte campione mondiale tedesco David Storl (21.62m). Il portoghese Tsanko Arnaudov si è classificato terzo con 20.52m. Successi tedeschi di Christina Schwanitz con 18.84m nel getto del peso e di Martin Wierig nel lancio del disco maschile con 64.49m.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.