Premier League, Scholes: "Pogba non è un leader". Raiola: "Parli troppo"

La leggenda del Manchester United ha attaccato il francese: "È un giocatore inconsistente". Ma il procuratore ha subito risposto: "Dovrebbe diventare ds e venderlo".

320 condivisioni 1 commento

di

Share

L'inizio di stagione del Manchester United è decisamente complicato: alla seconda giornata di Premier League è già arrivata la prima sconfitta in campionato per i Red Devils, caduti inaspettatamente in casa del Brighton.

Questo brutto passo falso ha seguito un'estate ricchissima di polemiche fra Mourinho e la dirigenza per via dei pochi movimenti nella campagna di calciomercato e le tantissime voci su dei forti attriti tra lo Special One e il nuovo capitano Paul Pogba.

In queste ore si sono aggiunti nuovi capitoli al caso legato al centrocampista francese, che è stato attaccato da una delle più grandi leggende del club: Paul Scholes. Ma le parole dell'ex centrocampista inglese sono subito state commentate dal procuratore di Pogba, Mino Raiola.

PogbaGetty

Manchester United, scontro Scholes-Raiola su Pogba

Ieri sera Scholes ha lanciato delle pesanti accuse nei confronti di Pogba, che nelle prime due giornate di Premier League ha segnato due gol su rigore ma non ha convinto dal punto di vista delle prestazioni.

Nel Manchester manca un leader e Pogba non lo è, credo sia un giocatore inconsistente.

Queste parole non sono state digerite da Mino Raiola, che in mattinata ha commentato sul suo profilo Twitter le frecciate di Scholes nei confronti dell'ex giocatore della Juventus utilizzando il suo ormai classico tono polemico.

Alcuni parlano troppo per paura di essere dimenticati, Scholes non riconoscerebbe un leader neanche se avesse davanti Winston Churchill.

Non pago, il procuratore ha continuato a provocare l'inglese con un altro tweet immediatamente successivo, consigliandogli di diventare il nuovo direttore sportivo del Manchester United e di prendere lui le decisioni.

Scholes dovrebbe diventare ds del Manchester e vendere Pogba, perderebbe il sonno per trovargli un nuovo club.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.