WWE Summerslam 2018, il match per il titolo di Ronda Rousey ai raggi x

Rowdy fa impazzire il Barclays Center aggiudicandosi il Raw Women's Championship: prima donna della storia ad aver vinto il titolo di campionessa del mondo sia in UFC che in WWE.

126 condivisioni 0 commenti

di

Share

È l'inizio di un'era. Sono passati esattamente 203 giorni dalla prima apparizione di Ronda Rousey sul ring dopo aver firmato un contratto con la WWE. Mentre il primo incontro ufficiale è stato a WrestleMania 34, lo scorso 8 aprile. Le sono bastati poco più di 4 mesi per vincere il primo titolo: il Raw Women's Championship a WWE Summerslam 2018.

Lo avrebbe fatto anche prima, se non fosse stato per l'intervento di Alexa Bliss durante l'incontro con Nia Jax a Money in the bank. Probabilmente non sapeva cosa avrebbe scatenato. La tempesta perfetta, prendendo in prestito il titolo del libro scritto da Sebastian Junger.

L'ira di Ronda Rousey travolge The Goddess, che soccombe nel match che precede il main event di WWE Summerslam 2018. Sono bastati 4 minuti e 39 secondi a Rowdy per sbarazzarsi dell'avversaria. Affondata, come prevedibile, con una sottomissione. Ma l'incontro che cambierà la storia della WWE merita un'analisi più approfondita.

WWE Summerslam 2018, il match di Ronda Rousey ai raggi x

"Combatti come una ragazza", è la frase che accompagna un murales apparso due giorni fa a Manhattan su un muro del Lower East Side (134 Allen Street) accanto a Little Italy. A realizzarlo è stata la writer BKFoxx. Soggetto dell'opera, ovviamente, Ronda Rousey. Ecco come una frase fatta possa cambiare la sua accezione da negativa in positiva. Basti vedere lo spirito con cui Rowdy ha affrontato Alexa Bliss.

Entrata in scena senza troppi fronzoli, dritta sul ring, preceduta dall'amica di sempre, Natalya. Nonostante le continue provocazioni da parte della Bliss, Ronda Rousey non perde il controllo e mette in fuga l'avversaria, che abbandona il quadrato. Troppo divario. L'ex campionessa di UFC decide di concederle un vantaggio: la richiama sul ring, si siede e chiude gli occhi.

Alexa Bliss prova a sfruttare l'occasione, ma la trappola scatta inesorabile. Ronda la solleva, la scaraventa a terra e le paralizza il braccio. The Goddess non ha modo di reagire, ormai non c'è più niente da fare. Arm bar e la campana può suonare. Ronda Rousey è la nuova Raw Women's Champion. La prima donna della storia ad aver vinto il titolo di campionessa del mondo sia in UFC che in WWE.

Si trattava del primo match in assoluto tra le due. Con Alexa che, a differenza della sfidante, aveva già due edizioni di Summerslam alle spalle (lo scorso anno aveva perso il titolo contro Sasha Banks). Mentre per Ronda, arrivata al match imbattuta, è stato l'esordio assoluto al PPV estivo.

Si era allenata duramente per arrivare preparata a WWE Summerslam 2018. Lo ha fatto affidandosi alla supervisione dell'ex wrestler Norman Smiley, attualmente allenatore a NXT. Ore di lavoro al Performance Center, testimoniate dai video caricati sui canali ufficiali della Federazione. La sua stella ha iniziato a brillare. Ora il problema sarà trovare un'avversaria degna che le possa contendere il titolo (si fanno i nomi di Natalya e Shayna Baszler). Ma attualmente le attenzioni della WWE sono tutte sulla combattente. Per il cambiamento, per le donne, per il futuro.

Rowdy: "Non è la mia vittoria, ma delle donne"

Al termine dell'incontro Ronda Rousey ha festeggiato la vittoria con la sua amica Natalya, salita sul ring, e andando ad abbracciare il marito, Travis Browne (Tra 10 giorni sarà il primo anniversario del loro matrimonio). Cintura ben in vista e si torna negli spogliatoi, non prima di aver concesso qualche battuta al canale della WWE:

Questa è la combinazione degli sforzi di una serie di donne (Charlotte Flair, Becky Lynch, Sasha Banks e Bayley). Non sono solo io che ho vinto un match una notte, questa è una torcia che adesso è passata a me.

Farò del mio meglio ogni singola notte per vincere i match e cercare di dare la mia impronta. Natalya? Sono impressionata da lei, dalle sue abilità, da quello che è dentro e fuori dal ring.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.